UNI EN ISO 19650-2:2019 gestione informazioni BIM. Disponibile in italiano

UNI EN ISO 19650-2:2019 gestione informazioni BIM. Disponibile la norma in italiano

UNI EN ISO 19650-2:2019 gestione informazioni BIM

La UNI EN ISO 19650-2:2019 gestione informazioni BIM, è la versione italiana della norma entrata in vigore il 14 marzo 2019 in lingua inglese.

Il recepimento in lingua italiana della norma UNI EN ISO 19650-2:2019 gestione informazioni BIM, dal titolo ”Organizzazione e digitalizzazione delle informazioni relative all’edilizia e alle opere di ingegneria civile, incluso il Building Information Modelling (BIM) – Gestione informativa mediante il Building Information Modelling – Parte 2: Fase di consegna dei cespiti immobili”, è stato curato dalla commissione Prodotti processi e sistemi per l’organismo edilizio.

Obiettivo della UNI EN ISO 19650-2:2019 gestione informazioni BIM è quello di specificare i requisiti per la gestione delle informazioni, sotto forma di un processo gestionale, nel contesto della fase di consegna dei cespiti immobili e dello scambio di informazioni, quando si utilizza il Building Information Modelling (BIM). La presente norma internazionale si applica congiuntamente alla serie UNI 11337, che si pone come norma complementare.

Vediamo nel dettaglio quando può essere applicata la norma e quali altri aspetti sono disciplinati al suo interno.

Leggi anche: nuove norme BIM. Pubblicate UNI 11337-7, ISO 19650-1, ISO 19650-2

UNI EN ISO 19650-2:2019 gestione informazioni BIM. Quando applicare la norma?

Ogni informazione sul bene immobile, generata lungo tutta la sua vita, è di fondamentale importanza indipendentemente dai tempi, dalle condizioni e dalle modalità di riutilizzo delle stesse. Pertanto organizzare, compilare e conservare le informazioni in maniera strutturata, integrata ed accessibile diventa una necessità in quanto dati ed informazioni sono veri e propri “asset di filiera”.

Il BIM arriva in soccorso nella gestione di tutte quelle informazioni di tipo alfanumerico che negli ultimi anni sono state riportate in formato digitale attraverso fogli di calcolo (Excel) dai professionisti coinvolti nel processo, quali progettisti, direttori lavori, produttori degli impianti, project managers, controllers. Nonostante la natura digitale delle informazioni, lavorare con informazioni in formato pdf o paperbased (fogli di carta) risulta una consuetudine difficile da cambiare.

La norma va incontro a tali esigenze e può essere applicata a tutti i tipi di cespite immobile e da tutti i tipi e dimensioni di organizzazione, indipendentemente dalla strategia di appalto scelta. Viene inoltre precisato dall’ente che i requisiti indicati nella norma dovrebbero essere applicati in modo proporzionale e adeguato alla portata e alla complessità del cespite immobile o della commessa.

La UNI EN ISO 19650-2:2019 gestione informazioni BIM, oltre ad essere applicabile a cespiti immobili e commesse di tutte le dimensioni, lo è a tutti i livelli di complessità. Sono compresi i grandi complessi immobiliari, le reti infrastrutturali, i singoli edifici e gli elementi infrastrutturali, nonché le commesse o i programmi che li realizzano.

Nello specifico, l’affidamento e la mobilitazione dei cespiti immobili o dei soggetti incaricati della commessa dovrebbero essere integrati, per quanto possibile, con processi documentati di specifiche tecniche per gare e mobilitazione.

Potrebbe interessarti: Condivisione dati ufficio-cantiere. La digitalizzazione cambia la comunicazione

A chi è destinata la UNI EN ISO 19650-2:2019 gestione informazioni BIM?

La UNI EN ISO 19650-2:2019 gestione informazioni BIM è destinata principalmente all’utilizzo da parte di chi è coinvolto:

  • nella gestione o produzione di informazioni durante la fase di consegna dei cespiti immobili;
  • nella definizione e nell’affidamento (degli incarichi) nelle commesse;
  • nella definizione degli incarichi e nel favorire il lavoro collaborativo;
  • nella progettazione, costruzione, funzionamento, manutenzione e demolizione dei cespiti immobili;
  • nella realizzazione di valore per la loro organizzazione – quali responsabili – partendo dalla loro base come cespite immobile.

Tra i contenuti della UNI EN ISO 19650-2:2019 gestione informazioni BIM, sono contenute specifiche circa:

  1. finalità della ISO 19650-2;
  2. scopo e campo di applicazione;
  3. riferimenti normativi;
  4. termini, definizioni e simboli;
  5. gestione delle informazioni durante la fase di consegna dei cespiti immobili;
  6. processo di gestione delle informazioni durante la fase di consegna dei cespiti immobili;
  7. modello di matrice delle responsabilità di gestione delle informazioni.

Tra i riferimenti normativi vi sono la ISO 19650-1 “Organizzazione e digitalizzazione delle informazioni relative all’edilizia e alle opere di ingegneria civile, incluso il Building Information Modelling (BIM) – Gestione informativa mediante il Building Information Modelling – Parte 1: Concetti e principi”  dello scorso 14 marzo 2019 e la ISO 12006-2, disponibile solo in lingua inglese, Building construction – Organization of information about construction works Framework for classification” entrata in vigore l’8 maggio 2015.

Ti consigliamo:

Il Building Information Modeling - BIM

Il Building Information Modeling - BIM


Mario Caputi - Paolo Odorizzi - Massimo Stefani , 2015, Maggioli Editore

“La società contemporanea sta vivendo una profonda trasformazione dovuta alla diffusione delle Tecnologie dell’Informazione (IT) che stanno modificando radicalmente il modo di vivere, di lavorare, di produrre documenti e di scambiare informazioni. Anche l’industria dell’ambiente...


39,00 € 33,15 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *