Un impianto fotovoltaico nel piccolo cimitero di Manarola nelle Cinque Terre

L’abitato di Manarola è frazione del comune di Riomaggiore, una delle località più suggestive delle Cinque Terre, sulla costa ligure, in provincia di La Spezia.
Questa frazione è collegata a Riomaggiore dalla famosa “Via dell’amore”, un sentiero scavato nella roccia, a picco sulle acque cristalline del mare, meta irrinunciabile per il turismo di queste località. Le case di Manarola sono arroccate su uno sperone di roccia, proiettata sul mare, di colore grigio scuro, che accostato alle acque marine di questo tratto di costa, forma un insieme di paesaggio naturale indimenticabile.

In posizione contrapposta, privilegiata per ammirare la struttura urbana del borgo, sorge il piccolo cimitero del paese, in cui recentemente è stato realizzato un impianto fotovoltaico.
Questa iniziativa della comunità locale conferma come, sempre più, sia diffusa l’attenzione e la sensibilizzazione generale sulle tematiche relative al risparmio energetico degli edifici ed alla riduzione degli impatti dell’attività umana sull’ambiente.

In questo scenario, la decisione della municipalità di produrre energia elettrica pulita, per esigenze di interesse pubblico, va ricordata come esemplare di una volontà di percorso che, nel rispetto dell’ambiente, sfrutti tutte quelle risorse naturali rinnovabili, attualmente tecnicamente possibili.
L’impianto fotovoltaico, realizzato nel programma dei lavori di risistemazione degli spazi cimiteriali, è stato previsto per un potenziale di 5,52 kWp, calcolato per sostenere i consumi di energia elettrica connessi alle esigenze di gestione del cimitero.

I moduli solari fotovoltaici Elettrotegola di Brianza Plastica (leggi anche su Geometri.cc Fotovoltaico integrato: nasce l’Elettrotegola potenziata) , utilizzati per produrre energia elettrica, funzionano come manto di copertura di una costruzione di circa 50 m2. Nella sua realizzazione la copertura fotovoltaica Elettrotegola è stata incorniciata da due corsi laterali ed uno sommitale costituiti da lastre piane di ardesia, pietra tipica di queste località.
L’integrazione dell’impianto fotovoltaico in copertura ha permesso di fruire delle tariffe incentivanti più favorevoli del “Nuovo Conto Energia”, riducendo così i tempi di ammortamento del capitale iniziale investito.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico