Trasporto pubblico fase 2: misure contenitive Covid-19 adottate per il settore

Trasporto pubblico fase 2: misure contenitive Covid-19 adottate per il settore

Della fase 2, uno degli aspetti più delicati riguarda la ripresa del pendolarismo e l’adozione di misure atte al contenimento della diffusione del contagio Covid-19 nell’utilizzo del trasporto pubblico collettivo terrestre (ferrovia, autobus e metropolitana).

Tale contesto è caratterizzato da un rischio di aggregazione medio-alto, con possibilità di rischio alto nelle ore di punta, soprattutto nelle aree metropolitane ad alta urbanizzazione.

La pubblicazione nata dalla collaborazione tra INAIL e ISS e approvata dal Comitato Tecnico Scientifico (CTS) istituito presso la Protezione Civile, dal titolo “Documento tecnico sull’ipotesi di rimodulazione delle misure contenitive in relazione al trasporto pubblico collettivo terrestre, nell’ottica della ripresa del pendolarismo, nel contesto dell’emergenza da SARS-CoV-2″, mette in evidenza elementi tecnici di valutazione per l’adozione di misure di sistema, organizzative e di prevenzione, utili per il decisore politico, ed illustra semplici regole per l’utenza dei mezzi di trasporto pubblico collettivo terrestre.

La pubblicazione porta la firma di Sergio Iavicoli, Fabio Boccuni, Giuliana Buresti, Diana Gagliardi, Benedetta Persechino, Bruna Maria Rondinone, Antonio Valenti, Silvio Brusaferro.

La progressiva nascita di documenti tecnici di questo tipo va di pari passo alle nuove e graduali conoscenze sulle caratteristiche dell’infezione da SARS-CoV-2. Per tale ragione, pure essendo aggiornata allo stato attuale, la pubblicazione potrà essere soggetta ad aggiornamenti all’emergere di nuove evidenze.

Potrebbe interessarti: Validazione DPI INAIL e DM ISS: quali sono i dispositivi validati in deroga?

Trasporto pubblico fase 2: cause di contagio

Inutile dire che l’uso del trasporto pubblico collettivo terrestre ha subito una diminuzione con l’entrata in vigore delle misure governative per il contenimento del contagio Covid-19. Per la precisione da uno studio condotto da Roma Servizi per la Mobilità e Dipartimento Mobilità e Trasporti di Roma Capitale, Università Sapienza, Università Tor Vergata e Università Roma Tre, si parla di un -89% nell’utilizzo delle linee della metropolitana in coincidenza con le misure di chiusura disposte con il DPCM 22 marzo 2020, come modificato dal DM MISE del 25 marzo 2020.

Con l’avvio della fase 2 è necessario mettere in pratica una riorganizzazione del sistema di trasporto pubblico, al fine di tutelare la salute del personale addetto nelle stazioni e sui mezzi di trasporto, per sostenere la ripresa delle attività e quindi della mobilità delle persone attraverso la gestione efficiente delle criticità legate ai rischi di affollamento e di esposizione a possibili fonti di contagio. Senza tralasciare l’adozione di misure di prevenzione e protezione collettive individuali.

Tra le principali cause di contagio possono esserci:

  • elevato numero di persone concentrate in spazi limitati con scarsa ventilazione;
  • mancanza di controllo degli accessi per identificare soggetti potenzialmente infetti;
  • alta possibilità di venire in contatto con superfici potenzialmente contaminate in quanto comunemente toccate (distributori automatici di biglietti, corrimano, maniglie, etc.).

Nuovi piani organizzativi per l’utilizzo della metropolitana, di treni e autobus sono stati predisposti anche in ambito internazionale nei paesi colpiti dalla pandemia (America del Nord, Africa, Australia, Asia, Europa, USA).

Non perderti: Progetto imprese aperte, lavoratori protetti: Piemonte e politecnico di Torino per il post Covid-19

Trasporto pubblico fase 2: le misure

Tra le misure da adottare per rispondere alla ripresa del trasporto pubblico fase 2, l’articolazione dell’orario di lavoro differenziato soprattutto ad inizio e fine attività lavorativa è importante per modulare la mobilità dei lavoratori e prevenire conseguentemente i rischi di aggregazione connessi.

Anche la differenziazione e il prolungamento degli orari di apertura degli esercizi commerciali rappresentano un possibile approccio preventivo.

Si parla molto di mobilità sostenibile quale alternativa valida al mezzo pubblico. In molti paesi per promuovere l’accessibilità, è stato garantito un uso gratuito o tariffe agevolate per il periodo emergenziale di e-bike e bike sharing.

Per il trasporto ferroviario, il trasporto locale (autobus urbani ed extraurbani, tram e metropolitane), necessaria è l’attuazione di adeguate misure, ovvero:

  • misure di igienizzazione, disinfezione e sanificazione: installazione di dispenser, e sanificazione periodica degli ambienti;
  • misure organizzative: percorsi a senso unico all’interno delle stazioni e nei corridoi, limitazione uso di sale di attesa, sospensione servizi di ristorazione a bordo, posizionamento di adeguata segnaletica;
  • misure di prevenzione e protezione: uso di mascherine e guanti;
  • misure di informazione, formazione e comunicazione: adeguata informazione e formazione al personale addetto.

Anche e soprattutto un corretto comportamento da parte dell’utenza, contribuisce al contenimento del contagio. Tra le azioni che rientrano nel “Decalogo per gli utenti del trasporto pubblico terrestre” vi è l’utilizzo ponderato dei mezzi di trasporto pubblico collettivo da scegliere principalmente per recarsi al lavoro.

Prediligere l’acquisto online o tramite app dei tickets di viaggio, durante il quale è necessario igienizzare frequentemente le mani, anche utilizzando gli appositi dispenser.

La predisposizione di opportuna segnaletica che indica i percorsi all’interno delle stazioni o alle fermate, aiuta a mantenere il distanziamento che deve essere garantito anche tra le sedute.

L’uso di mascherine è necessario per la protezione del naso e della bocca.

Poster – Viaggi in sicurezza – Consigli per i viaggiatori Poster ©salute.gov

Scarica il documento trasporti INAIL ISS pdf

Ti consigliamo:

LA GESTIONE DEL RISCHIO COVID-19

LA GESTIONE DEL RISCHIO COVID-19

Carmine Moretti, Marco Ballardini, 2020, Maggioli Editore
Questa pubblicazione è nata allo scopo di fornire strumenti utili e indicazioni da seguire nella gestione dell’emergenza legata alla diffusione dell’infezione da COVID-19 nei luoghi di lavoro e nei cantieri. Si è voluto dare un taglio pratico al testo, sulla base...

18.90 € 17.01 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche