TARI studi professionali: da IFEL chiarimenti sulle contraddizioni normative

TARI studi professionali: da IFEL chiarimenti sulle contraddizioni normative

Sulle tariffe TARI studi professionali per il 2020, si è espressa IFEL Fondazione ANCI attraverso una nota che cerca di fare luce su un obiettivo contrasto normativo richiesto da numerosi Comuni. Difatti esiste un gap tra quanto disposto dal Legislatore in seguito all’emergenza Covid-19 e quanto invece previsto dalla normativa ordinaria, che deve essere contemperata con le nuove disposizioni.

La contraddizione normativa, dovuta alla vigenza delle due norme, pone dunque il problema di come considerare nell’anno 2020 la categoria degli studi professionali nel caso di provvisoria conferma delle tariffe 2019.

L’Istituto per la Finanza e l’Economia Locale (IFEL) è una Fondazione istituita nel 2006 dall’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), che succede al Consorzio Anci-Cnc per la fiscalità locale.

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e quali sono i dubbi TARI studi professionali sollevati dagli enti locali.

TARI studi professionali: il nodo

Per capire dove è il nodo bisogna premettere che la normativa emergenza Covid-19 accorda ai Comuni la possibilità di confermare per il 2020 le tariffe TARI adottate nel 2019 (ex articolo 107, co. 5 del D.L. n. 18/2020), tuttavia le disposizioni recate dall’art. 58 quinquies del D.L. 124/2019, prevedono l’istituzione, a decorrere dal 2020, della categoria, non prevista nel 2019, delle “banche, istituti di credito e studi professionali”.

Da qui nasce l’incertezza dato che la compresenza delle norme appena richiamate rischia di porre in una indubbia contraddittorietà normativa quei Comuni che vogliano procede alla conferma, per l’anno 2020, delle tariffe adottate nel 2019 non essendo previsto in tale ultima annualità l’accorpamento tra la categoria “banche ed istituti di credito” e “studi professionali”.

Tale contraddizione normativa, dovuta alla vigenza delle due norme, pone il problema di come considerare nell’anno 2020 la categoria degli studi professionali qualora il Comune decidesse di confermare provvisoriamente le tariffe 2019.

Leggi anche: Spese professione ingegnere. Attività quanto mi costi?

TARI studi professionali: le soluzioni percorribili

Nella nota IFEL vengono indicate le soluzioni percorribili.

Non si ritiene illegittimo per i Comuni procedere nel senso di far prevalere la possibilità concessa dalla normativa di emergenza (articolo 107, co. 5 del D.L. n. 18/2020), adottando pertanto la conferma in blocco delle tariffe 2019, ivi inclusa quella relativa alla categoria “uffici, agenzie, studi professionali”.

Tale soluzione non sembra porre dubbi di legittimità, in quanto nell’accordare prevalenza alla norma emergenziale – peraltro conformemente al principio “lex posterior derogat priori” – non si determina la negazione degli eventuali benefici per gli studi professionali connessi alla nuova categoria tariffaria, bensì se ne pospongono meramente gli effetti al 2021.

Dell’adeguamento concernente la categoria degli studi professionali e delle implicazioni di gettito che da questo scaturiscono si deve poi tener conto nella redazione del PEF 2020, dalle cui risultanze si dovrà procedere nel senso di dar corso agli eventuali conguagli a partire dal 2021.

IFEL precisa che viene indicata come condivisibile anche la soluzione alternativa, forse preferibile sia per la più immediata percezione della riduzione derivante dall’accorpamento tariffario in questione, sia alla luce del minore aggravio amministrativo che ne deriva.

L’alternativa consiste nell’accompagnare la provvisoria conferma delle tariffe 2019 con l’immediato adeguamento delle tariffe degli studi professionali, in maniera coerente con quanto stabilito dal Dl 124/2019, applicando pertanto a tale categoria le tariffe vigenti nel 2019 con riferimento alla categoria “banche ed istituti di credito”.

Quest’ultima ipotesi appare tanto più preferibile in considerazione dell’esigenza ampiamente diffusa di riconoscere misure agevolative, anche in regime di provvisoria conferma delle tariffe 2019, in favore delle utenze (domestiche e non domestiche), facendo ricorso alla facoltà di cui al comma 660 della legge n. 147/2013, anche tenendo a mente le riduzioni COVID-19 prospettate dall’ARERA con la deliberazione n.158 del 5 maggio scorso (vedi approfondimento nella nota IFEL del 31 maggio 2020).

Scarica il comunicato IFEL

Ti consigliamo:

Guida fiscale per il professionista tecnico

Guida fiscale per il professionista tecnico

Renzo Semprini Cesari, 2019, Maggioli Editore
Questo ebook nasce con l’intento di fornire al tecnico libero professionista una sorta di mini guida in ambito fiscale. La prima parte costituisce una panoramica generale sulle voci di spesa che possono ricorrere nello svolgere la professione soggette a deducibilità ridotta ai fini...

12.90 € 11.61 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche