Nel luglio 2011 l’impresa Pizzarotti, capofila del gruppo formato con JP GOMIS architecte e INGEROP Conseil et Ingénierie Bureau d’études, ha vinto il progetto di concezione-realizzazione per l’esecuzione di un parcheggio sotterraneo per veicoli leggeri situato al porto di Nizza. Il cliente é la Chambre de Commerce et d’Industrie Nice Côte d’Azur, incaricata fino al 2028, tra le altre attività, della gestione del porto.

 

Il progetto fa parte del piano di rinnovamento urbanistico del porto, iniziato dal Conseil Général des Alpes Maritimes. Con questo obiettivo nell’aprile 2011 sono stati finalizzati lavori di riqualificazione di strade e spazi per pedoni e ciclisti, e analizzati progetti per la riorganizzazione globale degli spazi pubblici ai bordi del porto e la valorizzazione di uno dei fulcri storici del centro della città.

 

L’intervento permetterà di rispondere a molteplici obiettivi:

– incrementare il numero di parcheggi superficiali che, in seguito agli ultimi lavori di riqualificazione di strade e spazi del porto, é stato ridotto;

– migliorare l’interfaccia città/porto;

– creare uno spazio pubblico di qualità grazie alla riorganizzazione del piazzale, adibito a molteplici usi.

 

 Localizzazione del porto e del futuro parcheggio (rettangolo rosso)

Localizzazione del porto e del futuro parcheggio (rettangolo rosso)

 

Il porto di Nizza si trova all’estremità est della Promende des Anglais, passeggiata che costeggia il mare davanti a Nizza.

Il porto è situato in una sorte di conca, dominata all’est dal Mont Boron (cima a 191 m) e a ovest dalla collina del castello (cima a 82 m). Ad una scala più ridotta, quella del porto, delle piccole variazioni d’altitudine sono osservabili tra le due banchine.

 

Molte sono le attività che ruotano attorno al porto:

turistica: situato geograficamente vicino alla vecchia Nizza, molti sono i turisti che vi accedono e che usufruiscono dei suoi ristoranti, banche, commerci, …

portuaria: é meta di crociere e yacht, zona di imbarco della Corsica (battelli molto numerosi nel periodo estivo), manifestazioni culturali e turistiche …

economica: gli esercizi che prestano servizio sono soprattutto incentrati sulla costruzione e riparazione di barche, commercio al privato, attività sportive, trasporto di cemento verso la Corsica; un’area è riservata ai pescatori.

 

Proprio per la sua localizzazione in un contesto urbano già così ricco di attività, il futuro parcheggio é stato concepito analizzando con grande cura l’aspetto della circolazione. Pertanto l’incrocio sul quai Lunel viene mantenuto e gli accessi al parcheggio sono chiaramente differenziati rispetto agli accessi al porto.

L’entrata e l’uscita al parcheggio (rispettivamente rampa sud e nord) consistono ciascuna in una corsia che si discosta dalla strada principale, quai Lunel, in modo da garantire il buon flusso dei veicoli e non disturbare la circolazione all’interno del porto.

 Rampa di discesa e salita per l’accesso al parcheggio

Rampa di discesa e salita per l’accesso al parcheggio


L’allestimento della superficie é l’aspetto fondamentale che renderà una nuova veste al porto. Si compone della zona di circolazione e del piazzale, separati dalla fila dei portabandiera. Il grande spiazzo é organizzato secondo tre modesti edifici che permettono il passaggio dei pedoni:

– la guardiola Robilante esistente sarà demolita e sostituita da un nuova costruzione, che costituisce l’accesso principale dei pedoni ai piani sottostanti ;

– l’edificio nord raggruppa l’ufficio del porto, il luogo principale di sicurezza, i servizi per gli utenti delle barche e un accesso al parcheggio ;

– l’edificio sud unisce le funzioni più tecniche necessarie al buon funzionamento del sito (locale trasformatore EDF, vari locali di servizio, dodici vani per i materiali dei pescatori) ed un accesso al parcheggio tramite scale ed ascensore.

 

Le altezze degli edifici sono limitate per non ostacolare la vista verso le diverse facciate del porto. I tetti sono ricoperti con lo stesso materiale del piazzale (pavimentazione in pietra tipo calcare grigio) per poter consentire un piacevole impatto anche dalle alture circostanti.

 

La terrazza al livello della superficie sarà trattata come una piazza pubblica. Suddivisa in quattordici porzioni (larghe 5 metri), due delle quali riservate all’accesso agli edifici, é progettata per svariati impieghi (tra cui parcheggio/zona di pre-imbarcamento per la Corsica).

 

La fascia perimetrale di 6 metri presente sui tre lati serve per gli approvvigionamenti delle imbarcazioni turistiche. Inoltre, vi saranno deviate le reti dei diversi servizi del porto (corrente elettrica, fibra ottica, acqua, …) che precedentemente passavano all’interno del porto in corrispondenza della zona del futuro parcheggio.

Vista in pianta e sezione di un piano tipo

Vista in pianta e sezione di un piano tipo

 

Il parcheggio sotterraneo, di dimensioni 44 m x 85 m, offrirà su 5 piani 482 posti di stazionamento, di cui 15 per veicoli elettrici e 28 per veicoli a due ruote.

Grazie alle rampe di entrata e uscita, i veicoli accedono al parcheggio propriamente detto passando sotto all’ingresso del porto. All’interno la circolazione é sempre a senso unico e, una volta che il veicolo é all’interno e voglia allontanarsi, sarà diretto automaticamente all’uscita senza traversare gli altri piani. Questa soluzione molto semplice e immediata permette di migliorare il confort di utilizzo e ottimizzare la gestione dei flussi di circolazione. La larghezza di circolazione é di 6 metri e la larghezza di ciascuna piazzola é di 2,40 metri, in modo che sia possibile parcheggiarsi con una sola manovra.

 

Gli aspetti tecnici

Poiché le tre banchine dovranno essere fissate all’ossatura del futuro parcheggio, prima di procedere con la realizzazione del parcheggio stesso, é necessario eseguire dei lavori preliminari per poi essere in grado di potersi ancorare all’esistente. Per ogni delle tre banchine si deve affrontare una situazione esistente diversa e quindi una metodologia differente:

banchina nord: vista la presenza all’interno della superficie del futuro parcheggio di 12 tiranti orizzontali, realizzati negli anni ’80 per sostenere delle palancole del porto, essi devono essere tagliati. Perché sia possibile vengono eseguiti 77 micropali (di cui 25 inclinati), la cui testa viene annegata in una trave filante lungo tutto il lato nord.

Banchina sud: per potersi unire alla presente banchina, non essendo presente nessuna forma di ancoraggio, vengono eseguiti 13 micropali.

Banchina est: sul lato più lungo della superficie rettangolare erano state realizzate nel ’98 delle colonne di jet grouting. L’intervento esistente, ancora in buono stato, é sufficiente per potersi ancorare alla banchina: mediante delle piastre di forma speciale, vengono riprese superficialmente le armature delle colonne e annegate nei cinque elementi della trave perimetrale del lato est.

 Vista in sezione dei micropali della banchina nord

Vista in sezione dei micropali della banchina nord

 

Le travi perimetrali gettate nei lati sud ed est saranno solidali all’ossatura del parcheggio grazie a delle travi posizionate ogni 6 metri, mentre a nord la trave filante sarà unita in modo continuo alla testa del diaframma grazie agli starter precedentemente posizionati.

 

Il futuro progetto giacerà su un terreno piuttosto sensibile e complicato dal punto di vista geotecnico: presenta orizzonti molto variabili in termini di qualità meccaniche (terreni di riporto e ciottoli negli strati più superficiali, limi e ghiaie più in profondità fino a gessi), di permeabilità, granulometria e resistenza. Il parcheggio sarà realizzato a circa 15 m sotto il livello del mare, sopra ad una falda in pressione presente in profondità. Non essendo adottabile un sistema di pompaggio permanente, la sotto pressione, da riprendere anche in fase di esercizio, é molto elevata.

 

Davanti a queste molteplici e importanti forze, il metodo più efficiente é la costruzione  dell’opera fondamentalmente top-down, utilizzando la struttura definitiva come puntellamento di sostegno per la fase provvisoria. Ad ogni piano di costruzione, si scava in trincea per poter posare le travi (e, a file alterne, le solette) che servono da puntellamento, e in seguito si scava fino al livello inferiore. Si segue questo procedimento fino al quinto e ultimo piano: una volta gettato il solettone, vi si risale gettando le solette lasciate precedentemente vuote.

 

Per la realizzazione della rampa d’accesso (piano -1), viene subito gettata la soletta di copertura (in questa fase la circolazione del porto è deviata all’interno del cantiere) e poi scavata dall’interno. Dal punto di vista strutturale si cerca di riprendere più sforzo possibile anche dal solettone, progettato con un metro di spessore, e creando dei muri perimetrali all’ultimo e penultimo livello, che permettono di scaricare le forze.

 Installazione del cantiere durante la fase di discesa scavo/realizzazione travi

Installazione del cantiere durante la fase di discesa scavo/realizzazione travi

 

La cinta del parcheggio viene realizzata con diaframmi da 0.82 m di spessore ed una lunghezza di circa 31 m. Inoltre, per suddividere la struttura in due campate e per poter riprendere parte delle forze in gioco, viene creata una fila centrale di 12 barrette di circa 32 m di profondità (2 delle quali saranno demolite completamente per motivi architettonici). La parte dedicata alle rampe é invece formata da paratie spesse 0.62 m e lunghe una decina di metri.


Gli attori e le cifre del progetto

A conclusione, vengono schematizzati i principali protagonisti dell’intervento e le cifre più rappresentative del progetto.

 

– Cliente : CCINCA (Chambre de Commerce et d’Industrie de Nice Côte d’Azur)

– Ufficio di controllo : BUREAU VERITAS

– Consorzio, rappresentato da :

– Impresa mandataria : Impresa Pizzarotti & C.

– Architetto : JP GOMIS architecte

– Progettisti : INGEROP Conseil et Ingénierie Bureau d’études E&G Expertises & Géotechniques SAM

– Importo delle opere: 16.390.000 euro

– Realizzazione: 30 mesi totali (12 di progettazione + 18 di lavori)

 

Articolo di Marina Rossetti e Fabrizio Rigamonti, ingegneri – Impresa Rigamonti


Questo articolo ti ha interessato? È stato pubblicato in origine sul tabloid Ingegneri di Maggioli Editore: scopri i contenuti della rivista e abbonati subito.

 

La realizzazione di parcheggi in struttura è spesso considerata una condizione indispensabile per risolvere i problemi legati al traffico e alla congestione della circolazione, soprattutto in città di grandi dimensioni e a elevato tasso di attrazione di auto come Milano. Il Programma Urbano Parcheggi (PUP) costituisce lo strumento principale per la pianificazione e l’attuazione degli interventi per la sosta nelle città. Diviene fondamentale riuscire ad individuare aree pubbliche o private da destinare alla realizzazione di parcheggi in sede propria ad uso pubblico e/o ad uso privato che magari coinvolgano interessi privati nella costruzione.

A Milano il quadro complessivo della situazione parcheggi è in fase di progressivo miglioramento, infatti negli ultimi anni alcune società private si sono fatte promotrici di interventi importanti sul territorio, attraverso il Project Financing hanno realizzato parcheggi in struttura in aree a forte intensità di traffico e dove esisteva anche un’ampia domanda da parte dei residenti. Tra questi possiamo annoverare le strutture interrate Vittadini, Sabotino, Dateo e Piazza Piemonte, che grazie a una lungimiranza progettuale condivisa anche dal Comune, riescono a soddisfare la duplice esigenza di garantire box auto per i residenti e fornire un servizio di sosta a rotazione in zone strategiche della città.

Il parcheggio Vittadini, realizzato in poco meno di quattro anni è una struttura moderna e funzionale che si inserisce in maniera ottimale nel contesto urbano. Con i sui quattro piani interrati e i 400 posti auto di cui metà a uso privato, risolve il problema della sosta intorno alla zona della Bocconi e fornisce un servizio per le numerose attività commerciali presenti nell’area. Attraverso attività promozionali ad hoc la società di gestione Parking Italy intende svolgere un ruolo attivo, uscendo completamente dalle logiche della gestione tradizionale dei parcheggi. L’automazione di tutto il sistema costituisce un ulteriore plus, il parcheggio vanta infatti un impianto di ultima generazione composto da colonnine ticket e cassa automatica per il pagamento, fornendo un servizio semplice, autonomo e veloce. Il parcheggio inoltre assicura un sistema di video sorveglianza 24h su 24h e la soluzione di qualsiasi inconveniente attraverso la centrale di controllo remoto.

Altrettanto all’avanguardia da un punto di vista progettuale e di tecnologie adottate, sono i parcheggi Sabotino e Dateo, entrambi in zone nevralgiche della città dove vi è una forte richiesta di sosta da parte di residenti e di chi gravita nelle aree a ridosso del centro. Si tratta di due strutture interrate di media/grande dimensione per metà ad uso privato e per metà dedicata alla sosta a rotazione. Entrambi sono ben collegati con il sistema di trasporto pubblico, elemento essenziale per contribuire ad una mobilità urbana integrata. La completa automazione caratterizza anche questi due parcheggi, attraverso il sistema Skidata, il gestore garantisce un servizio efficiente ed affidabile riuscendo anche ad ottimizzare i suoi costi di personale.

Altri parcheggi sorgeranno in città, nonostante la burocrazia eccessiva rallenti a volte la prosecuzione di lavori già in fase di progettazione. Non è il caso del parcheggio interrato appena ultimato di Piazza Piemonte, di fronte al Teatro Nazionale, un’altra area di vitale importanza per la città. Il parcheggio, costituito da sei piani interrati, consta di 200 posti auto a rotazione e circa 400 posti per i residenti. Il gestore del parcheggio Interparking Italia srl ha deciso di applicare una nuova tecnologia Skidata tag tipo telepass che permetterà ai proprietari dei box di accedere alla struttura in modo semplice e veloce e che vedrà ulteriori opzioni gestionali personalizzate per ogni tipologia di fruitori.

In definitiva ciò che si augurano i diversi gestori, che hanno fortemente creduto in questi nuovi progetti, è che si crei una convergenza tra interessi pubblici e privati, creando un coordinamento virtuoso tra sistema dei trasporti, mobilità urbana e parcheggi. D’altronde Milano si appresta ad affrontare eventi di grande rilievo, tra tutti l’Expo 2015, e la viabilità urbana rappresenta una sfida di grande attualità.

Skidata, multinazionale presente sul mercato da oltre trent’anni, è una società specializzata in soluzioni per la gestione degli accessi, dall’impianto di risalita di sci, ai parcheggi, agli accessi a fiere e stadi ecc. Per quanto riguarda i parcheggi l’azienda offre un sistema di completa automazione, è in grado di sviluppare soluzioni modulari ed adattabili a tutte le specifiche richieste. Skidata è da sempre considerato un partner affidabile che garantisce continuità e nello stesso tempo una costante crescita tecnologica.

Skidata APT450 Unlimited è il sistema di gestione per le aree di sosta regolamentate che consente di segmentare in modo versatile l’offerta del servizio riducendo i costi operativi. Il sistema Skidata Unlimited è facile da usare per qualsiasi gestore: le meccaniche sono modulari, interscambiabili fra tutte le periferiche del sistema e manutenibili senza la necessità di strumenti particolari.
Inoltre il sistema è stato studiato per fornire la sicurezza delle informazioni e degli incassi e grazie alle sue applicazioni le aree di sosta potranno finalmente considerarsi una reale fonte di reddito per piccole e grandi realtà.

Le casse automatiche Skidata consentono modalità di pagamento flessibili. Per le grandi strutture di sosta Skidata propone una soluzione molto moderna: la nuova cassa automatica Power Cash che, oltre ad avere un  design molto attuale ed elegante, permette prestazioni elevate con una forte riduzione dell’operatività da parte del gestore. Le casse automatiche Skidata danno la possibilità di effettuare i pagamenti tramite contanti, carte di credito, anche in modalità EMV, di ricevere il resto in monete fino a 4 conii e in banconote fino a due tagli, di utilizzare diversi tipi di convenzioni, di rinnovare gli abbonamenti e ricaricare le tessere a scalare, il tutto in modo semplice ed affidabile, offrendo alla clientela un servizio globale ed un’operatività 24 ore su 24.

La colonna ticket Skidata è un concentrato di tecnologia, presenta un display grafico a colori con indicazioni chiare per i clienti e soprattutto consente operazioni molto veloci per il transito tramite anche cellulare, titoli di prossimità e tessere magnetiche. La barriera, veloce ed illuminata con tecnologie a LED, si contraddistingue per la sua funzionalità ed efficienza. Entrambi gli elementi caratterizzano il sistema di accesso in termini di affidabilità, velocità e semplicità d’uso.

Skidata è presente in Italia con oltre 400 installazioni in parcheggi di tutte le dimensioni: la divisione commerciale è in grado di analizzare l’area di sosta ed elaborare una soluzione adeguata alle esigenze di qualsiasi gestore. La sede italiana è a Bologna e l’assistenza tecnica è garantita in tutta Italia da una rete di service-point ufficiali certificati.

L’azienda sarà presente alla fiera più importante per il settore mobilità e trasporti: Intertraffic 2010 ad Amsterdam dal 23 al 26 marzo. Nel proprio stand, come in tutte le edizioni, proporrà le tecnologie più innovative per il controllo degli accessi e nello specifico le ultime novità di prodotti e servizi per i parcheggi.

Martifer Solar, azienda internazionale specializzata nell’offerta di soluzioni solari fotovoltaiche, punta sull’innovazione e presenta Smartpark, una nuova e interessante soluzione fotovoltaica per i parcheggi all’esterno. Si tratta di un prodotto di integrazione architettonica con tecnologia “plug and play”.

Tale soluzione è costituita da una pensilina fotovoltaica da parcheggio che serve per proteggere i veicoli dalle intemperie atmosferiche, producendo al contempo elettricità fotovoltaica. Attualmente è commercializzata in tutto il mondo, e sta incontrando un alto gradimento da parte dell’industria fotovoltaica.

La nuova soluzione fotovoltaica per i parcheggi all’esterno occupa un’interessante nicchia di mercato per il solare fotovoltaico. La maggior parte dei parcheggi dei supermercati riceve una grande quantità di radiazione solare che non viene utilizzata. Smartpark, completamente progettato e costruito da Martifer Solar, svolge una doppia funzione: proteggere i veicoli dalle intemperie atmosferiche e produrre energia pulita.

Struttura e funzionamento
Smartpark appare come una normale copertura di un parcheggio di grandi dimensioni, ma in realtà ogni segmento include 42 moduli fotovoltaici, in cui gli inverter sono integrati così come l’apposito cablaggio. La struttura poggia su due basi di cemento fissate al suolo senza necessità di alcuna perforazione, utilizzando in questo modo un sistema di fissaggio “non-invasivo”.
Smartpark presenta notevoli vantaggi in fase di costruzione e costituisce un interessante esempio di integrazione architettonica in campo fotovoltaico.
Smartpark utilizza, nonostante le sue dimensioni, una soluzione “plug and play”, in quanto ogni pezzo giunge dallo stabilimento già assemblato e pronto il posizionamento in loco, in modo da attivare il suo funzionamento nel più breve tempo possibile. Tale accorgimento no solo diminuisce i costi di installazione, ma semplifica la gestione e permette che la produzione di elettricità inizi non appena l’installazione è terminata.

In larghezza, la pensilina è disponibile in due misure: per un veicolo o per due, posti uno di fronte all’altro; la lunghezza è modulabile. Inoltre, sono stati realizzati  dei sistemi di sicurezza anti-urto, un sistema di illuminazione e un sistema di drenaggio dell’acqua piovana, che permette la sua conservazione (e questo incrementa i suoi vantaggi a livello ambientale) oppure il suo drenaggio verso gli scoli.