Una notizia flash che farà piacere agli ingegneri. Fino al prossimo 31 marzo 2016 sarà valida una promozione per chi deciderà di sottoscrivere un abbonamento alla raccolta completa delle Norme CEI: oltre 6.000 pubblicazioni in costante aggiornamento che raccolgono e codificano la regola dell’arte per i settori elettrotecnico, elettronico e delle telecomunicazioni per materiali, apparecchi, macchine, impianti, processi e loro programmi.

Grazie a una convenzione stipulata tra il CEI e il CNI, agli ingegneri viene offerta la possibilità di accedere all’intera banca dati normativa CEI (compresa la possibilità di stampa dei documenti) a un costo di 45 euro più IVA. Per dare un’idea Il costo complessivo delle norme contenuto nella banca dati (valore di copertina) è di oltre 350mila euro, mentre l’abbonamento alla raccolta completa ha un prezzo di riferimento, per singolo utente, pari a € 7.800.

“Hanno già aderito all’iniziativa quasi 2.000 professionisti”, ci dicono dal CNI che precisa come “questo abbonamento permetta di consultare e stampare tutte le norme tecniche attualmente in vigore in materia di elettronica, elettrotecnica e telecomunicazioni. Non è viceversa possibile scaricare le norme in formato digitale”. La consultazione delle norme è illimitata per i dodici mesi di vigenza dell’abbonamento.

Per sottoscrivere l’abbonamento alla raccolta norme CEI occorre essere dotati della scansione del certificato di iscrizione all’Ordine degli Ingegneri. Per gli ingegneri interessati, maggiori informazioni si possono ottenere scrivendo alla email abbonatiCNI@ceiweb.it, mentre per abbonarsi ci si può collegare al seguente link.

Rivoluzione in vista per la norma tecnica relativa ai quadri elettrici di bassa tensione. A novembre 2014, infatti, entrerà in vigore la nuova norma CEI EN 61439-1 che abrogherà l’attuale CEI EN 60439-1.

 

Ma in cosa consisterà il cambiamento? La CEI EN 61439-1 assumerà un ruolo centrale nella regolazione delle sotto norme, a differenza di quanto accade ora, dove vi è una completa autonomia di ogni norma subordinata rispetto alla CEI EN 60439-1.

 

Insomma, la nuova CEI EN 61439-1 detterà le regole generali per i quadri elettrici a bassa tensione e sarà un riferimento per tutte quelle successive figlie relative ad una particolare tipologia di quadro.

 

“Questo significa ad esempio”, si legge in un comunicato diffuso da Anie, “che per la rispondenza alle norme di un quadro elettrico occorreranno almeno due norme: la CEI EN 61439-1 più una delle successive relativa alla tipologia del quadro elettrico da realizzare, ad esempio CEI EN 61439-2 per i quadri di potenza”.


La struttura della nuova norma CEI EN 61439.

Compresa la norma tecnica madre, saranno complessivamente sei le CEI EN che regoleranno i quadri elettrici BT:


61439-1 prestazioni obbligatorie valide per tutti i tipi di quadro elettrico per bassa tensione

Questa norma prescrive le prestazioni generali per tutti i tipi di quadri progettati, costruiti e verificati sia in quantità singola che standardizzati e costruiti in serie; possono essere richiesti requisiti generali supplementari per quadri elettrici per uso navale, per uso ferroviario, per uso in atmosfere esplosive (visita la pagina dedicata sul sito CEI).


61439-2 normativa relativa ai quadri di potenza

La CEI EN 61439-2 definisce i requisiti di sezionamento, protezione e comando dei quadri di potenza PSC Assemblies (Power Switchgear Controlgear) con tensione nominale ≤ 1000 V in corrente alternata e 1500 V in corrente continua.


61439-3 normativa relativa ai quadri di distribuzione finale

61439-4 normativa relativa ai quadri per cantieri

61439-5 normativa relativa ai quadri di distribuzione di potenza

61439-6 normativa relativa ai quadri per sistemi di sbarre

 

Le CEI EN 61439-3 -4 -5 e -6 sono state previste e pianificate ma saranno definitivamente rese disponibili entro il 2015.

 

La nuova serie di norme 61439 considera il quadro elettrico a bassa tensione come un componente elettrico più o meno complesso che svolge i compiti di comando, manovra, controllo e protezione al quale è affidata la funzione di interfaccia tra il punto di consegna del Distributore nazionale e l’intero impianto elettrico utilizzatore.

Il Comitato Elettrotecnico Italiano ha annunciato la prossima pubblicazione della Guida CEI 82-25 – Guida alla realizzazione di sistemi di generazione fotovoltaica collegati alle reti elettriche di Media e Bassa Tensione.

La nuova edizione della Guida si rivolge a progettisti, installatori e, in genere, agli operatori di impianti fotovoltaici per fornire i criteri per la progettazione, l’installazione e la verifica dei sistemi di generazione, destinati a operare in parallelo alla rete di distribuzione di Media e di Bassa Tensione.

Contenuti della guida
All’interno del documento sono presenti gli aggiornamenti per questo settore, risultato dell’attività svolta dal CEI, attraverso il Comitato tecnico di riferimento (CT 82). Tra questi aggiornamenti rientrano le modifiche rese necessarie dall’evoluzione normativa e legislative; quanto sviluppato dal CT 82 in collaborazione con altri comitati in materia di cavi, contatori, interruttori in BT e con organizzazioni esterne al CEI, tra cui il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Altre modifiche riguardano aspetti legati al dimensionamento meccanico e ai sistemi fotovoltaici a concentrazione, l’interfacciamento alla rete elettrica e la misura dell’irraggiamento solare e relativi strumenti di misura.

Gli allegati
La nuova edizione della Guida tecnica contiene 4 allegati.
L’allegato A riporta il riepilogo della normativa, i documenti e le leggi di riferimento in vigore da rispettare per la progettazione e la verifica elettrica di un impianto fotovoltaico, mentre l’Allegato B definisce i criteri per la progettazione e la verifica meccanica di un impianto fotovoltaico.
L’allegato C fornisce cenni sulla risorsa energetica solare fotovoltaica, nonché sulla potenzialità degli impianti fotovoltaici.
L’Allegato D, che rappresenta la principale novità della presente edizione della Guida tecnica, fa riferimento alle prove essenziali da effettuare su moduli e assiemi fotovoltaici a concentrazione solare per verificare il soddisfacimento dei requisiti minimi di sicurezza e qualità, oggetto delle norme CEI EN applicabili, ed ottenere una valutazione preliminare della sicurezza e qualità dei componenti esaminati.
La Guida recepisce gli aggiornamenti legislativi del nuovo decreto ministeriale 6 agosto 2010 Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare.

Fonte Consted.it