Un ampio ventaglio di possibilità lavorative si spalanca di fronte agli ingegneri in questo 2016: con un incremento del 20% nel volume delle assunzioni, il mercato del cosiddetto “Engineering” si presenta reattivo e pronto a investire su nuovi professionisti soprattutto nei settori Automotive, Impiantistica, Componentistica e Ingegneria.

È ciò che affiora dalla Salary Guide, l’indagine annuale di Hays Italia (azienda leader nel recruitment specializzato) che in questa quinta edizione ha coinvolto oltre 1200 professionisti e 240 aziende.

Anche a causa delle novità normative in materia di lavoro concretizzatesi negli ultimi mesi (leggi alla voce Jobs Act), le aziende stanno direzionando la ricerca soprattutto su quelle figure in grado di concretizzare progetti che, fino agli anni scorsi, erano solo in fase embrionale. Tra le professionalità più richieste dalle aziende del settore spiccano in questa direzione Progettisti, Project Manager, Sales Manager, Proposal Manager e Service Manager. Sembrano, invece, meno richiesti i professionisti che hanno competenze in ambito Energy/Commodities, Aerospace o Siderurgico.

Per quanto riguarda le caratteristiche del candidato ideale, la scelta dei responsabili delle risorse umane delle aziende cade su figure dal forte know-how tecnico, disponibili ad intraprendere progetti all’estero, che sappiano parlare almeno tre lingue (imprescindibile l’inglese) e abbiano alle spalle un eccellente percorso accademico in Ingegneria.

Leggi anche l’articolo Ingegneri al lavoro: tutte le offerte dal settore automotive.

Secondo l’indagine, infine, le aziende del mercato Engineering garantiscono ottime retribuzioni, soprattutto a quei professionisti che ricoprono ruoli dirigenziali. Qualche esempio sintetico: in ambito Automotive, un Direttore Acquisti può guadagnare 90mila euro annui, nel Tessile un Direttore Operations si assicura 70mila euro. Le buste paga, invece, diventano più contenute nelle Costruzioni, dove un Site Manager guadagna 60mila euro annui, o nel settore ingegneristico, dove un Project Engineer ottiene 55mila euro annui.

Milano è la città che garantisce gli stipendi più elevati, con retribuzioni al di sopra della media di altri centri urbani come Bologna, Torino e Roma.

Per una visione analitica di tutti i dati e le tabelle retributive della nuova edizione dell’indagine si consiglia di cliccare qui.

Numerose offerte di lavoro all’interno del settore automotive affiorano nelle ultime ore anche per gli ingegneri all’interno del portale Monster.it (come segnalato anche dal Sole24Ore di ieri).

“Il comparto dell’auto mostra segnali di crescita – commenta Nicola Rossi, country manager di Monster.it -, rispetto all’anno scorso registriamo un aumento del 15% degli annunci. Il settore richiede sempre più figure specializzate in grado di rispondere a requisiti tecnici elevati, sia nell’ambito della produzione, sia in quello del controllo qualità e del customer care”. 7 le Regioni coinvolte: Piemonte, Lombardia, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Umbria, Lazio e Campania.

Il 2016 delle offerte di lavoro qualificate per gli ingegneri nel settore automotive coinvolge diversi “big” del settore: da Brembo a Pirelli, passando per GM Powertrain.

La azienda torinese Olsa, specializzata nella produzione di sistemi di illuminazione, incrementerà di 30 unità entro fine anno il numero di collaboratori: circa un terzo di quali verranno destinati alla produzione diretta, gli altri impiegati nella Qualità, nel commerciale e nella progettazione. Una realtà dinamica e molto attiva all’estero, la Olsa, con stabilimenti anche in Polonia, Messico e Cina. Una parte delle professionalità cercate, infatti, sarà assunta in Italia ma poi inviata nelle sedi estere con l’obiettivo di standardizzare le procedure del gruppo e fare punti di interconnessione tra sede centrale e consociate.

Brembo, società leader nella progettazione e sviluppo di sistemi frenanti e componentistica per auto motive, cerca progettisti road performance , ingegneri di manutenzione, addetti servizi tecnici (area testing), advanced R&S process engineer.

Nel settore della componentistica automotive cresce il “fabbisogno” di progettazione e qualità: Schaeffler Italia, ramo della multinazionale tedesca che produce componenti di precisione, sistemi motore, trasmissioni e chassis, è alla ricerca di 5 figure altamente qualificate, tra manager e ingegneri: “Siamo impegnati – spiega il direttore delle risorse umane – in un processo di talent acquisition e abbiamo una prospettiva di medio e lungo termine, con processi di formazione interna, homemade, per costruire le nostre professionalità”.

Pirelli, celebre gruppo attivo nella produzione di pneumatici per automobili, moto e veicoli industriali, è alla ricerca di figure da inserire tramite tirocinio formativo con riferimento anche al manifacturing e all’Internet technology (It).

Per visionare altre posizioni aperte dedicate agli ingegneri consulta l’articolo Offerte di lavoro ingegneri: scaturiscono possibilità stagionali.

Anche dal pianeta della somministrazione di lavoro si registrano picchi di offerta per figure tecniche di ingegneri nel comparto automotive. L’agenzia Adecco (www.adecco.it) segnala una sessantina di opportunità: a Pescara, ad esempio, si selezionano periti meccanici, elettronici e delle telecomunicazioni; a Cremona un ingegnere; a Bolzano altri ingegneri elettronici, meccanici e dei materiali.

Vedrà la luce l’anno prossimo, secondo indiscrezioni, il nuovo modello di SUV BMW X3 MY 2017 con il debutto di un’alimentazione ibrida all’insegna della mobilità sostenibile. La casa automobilistica bavarese, infatti, si prepara a lanciare sul mercato un veicolo che farà dell’efficienza e della riduzione dell’inquinamento i suoi punti di forza.

In aggiunta a diverse motorizzazioni, tra cui una nuova unità 4 cilindri alimentati a diesel, l’evoluzione della BMW X3 dovrebbe prevedere anche una versione ibrida: assoluta novità caratterizzata da 240 cavalli di potenza (179 kW) unito a un motore ad alimentazione elettrica da 90 cavalli (67 kW). Questo modello ibrido plug-in la BMW X3 MY 2017 dovrebbe essere in grado di sviluppare una potenza complessiva di 330 cavalli, ossia 246 kW.

L’arrivo della nuova X3 della casa automobilistica di Monaco comprende anche altre versioni, tra cui la X3 M40i spinta da un motore 6 cilindri in linea da 3 litri con una potenza fino a 340 cavalli, pari a 253,5 kW.

Ma accanto alle caratteristiche tecniche, la nuova BMW X3 MY 2017 si caratterizzerà per una nuova linea aggressiva che non rinuncerà alla classica calandra doppia anteriore, marchio di fabbrica della casa tedesca a cui milioni di appassionati non rinuncerebbero mai. E proprio questi ultimi, ormai, tendono sempre più a reperire online pezzi di ricambio ed equipaggiamento specifico per la propria vettura. In questo senso, i proprietari di modelli BMW si orientano verso store online specializzati, come autoparti.it che offre una sezione interamente dedicata al marchio bavarese con una vastissima scelta di parti: dai tergicristalli ai dischi dei freni, fino ad arrivare ai bracci trasversali della sospensione, tutti importati direttamente dalla BMW.