Sistemi di controllo fumo e calore: un progetto per un Mall a San Giuliano Milanese

Nell’ambito dei sistemi di controllo di fumo e calore, un importante studio di progettazione, si è rivolto all’azienda Caoduro, presente sul mercato nazionale ed estero e azienda leader nel settore delle coperture in materiale plastico, per essere affiancato già dalla fase preliminare della stesura del progetto, per la realizzazione di un nuovo centro commerciale in provincia di Milano, con una superficie delle aree vendita di 7.500 mq + 18.000 mq (su 2 livelli) e 22.000 mq (su 2 livelli) adibiti a parcheggi.

 

La richiesta riguardava i molti aspetti e le problematiche da affrontare in un ipotetico scenario d’incendio, relativi al controllo dei fumi e del calore, tutti però con l’obbiettivo di salvaguardare in primis l’incolumità delle persone presenti, garantendo uscite d’emergenza visibili e libere da fumo, agevolando l’intervento mirato delle squadre di intervento dei VV.F e proteggendo le zone e le strutture non coinvolte direttamente, evitando la propagazione dei fumi.

 

Il dimensionamento, la scelta di soluzioni e prodotti ottimali, idonei a garantire quanto previsto dalle normative vigenti, la simulazione di quanto potrebbe accadere, è ciò che la Caoduro ha messo a disposizione per sviluppare un progetto completo e mirato per ogni singola area del centro commerciale: dai due piani interrati delle zone di parcheggio al piano terra con le zone di vendita, la grande distribuzione e le ampie gallerie di comunicazione, fino al centro commerciale vero e proprio, strutturato in configurazione multipiano.

 

La particolare conformazione del nuovo centro commerciale, composto da ampie zone aperte di collegamento fra i vari piani espositivi, le scale mobili e i molti ballatoi, rappresentano i corridoi preferenziali per la diffusione del fumo in caso di incendio.

 

La necessità era principalmente quella di garantire spazi sicuri e liberi da fumo per l’evacuazione in sicurezza delle persone presenti e poi il contenimento dei prodotti della combustione in spazi ben delimitati e controllabili.

 

Grazie alla collaborazione tra l’azienda e lo studio di progettazione, è stato sviluppato il  sistema di evacuazione fumo e calore (SEFC) ripartito fra le zone che disponevano del tetto per l’evacuazione naturale, installando quindi 68 ENFC Smoke out con dimensioni 80×250 cm, 160×250 cm, 85×205 cm, 4 ENFC Smoke shed, 12 ENFC Smoke out vert, e il forzato nelle aree dove ciò non poteva avvenire e quindi nel piano terra con l’installazione di 7 EFFC evacuatori di fumo e calore forzati con impianto e bocchette per l’aspirazione.

 

Per la realizzazione delle varie compartimentazioni, in entrambi i casi, sono state utilizzate le barriere al fumo, in rispetto alla nuova normativa UNI 9494 2012 relativa ai sistemi di controllo fumo e calore.

 

Le barriere al fumo permettono la compartimentazione di grandi ambienti e, grazie all’azione combinata con gli ENFC o EFFC, garantiscono il convogliamento dei fumi in una determinata area ed una zona libera da fumi nella parte bassa dei locali. L’utilizzo delle barriere al fumo garantisce più sicurezza per le persone con vie di fuga sicure e un ingresso agevolato delle squadre di soccorso e antincendio.

 

Le barriere al fumo SHA – D120 completamente a funzionamento gravitazionale a prova di guasto, incorporano le ultime innovazioni elettroniche.

 

Sono costituite da un box portarulli metallico zincato, in cui è contenuta la barriera in tessuto flessibile di fibra di vetro spalmato di polimero di alluminio micronizzato di colore grigio su entrambi i lati, arrotolata su un rullo di avvolgimento con motore a 24V.

 

All’estremità inferiore della barriera è presente una barra terminale che funge da contrappeso per stabilizzare la discesa e come blocco meccanico in chiusura, rifinita con un profilo sagomato in policarbonato bianco.

 

In questa applicazione le barriere sono state installate integrandole nel controsoffitto, così da mantenerne la continuità degli elementi anche sotto l’aspetto visivo ed estetico.

 

Come si può vedere dalle foto presenti nella gallery, sono stati impiegati diversi modelli: le barriere con altezze variabili dai 170 cm ai 270 cm a seconda dei locali, per la protezione e il contenimento delle unità commerciali a piano terra che si affacciano alle gallerie; le barriere con altezza fino a 410 cm per la chiusura totale dei ballatoi, mall e vani scale mobili, per impedire la fumo salendo di invadere i locali del piano superiore.

 

Queste compartimentazioni fanno sì che il fumo possa essere contenuto ed evacuato dall’interno del singolo negozio, se l’incendio è localizzato. Se invece le aree interessate fossero le gallerie o le mall, il fumo così convogliato verrebbe espulso tramite gli evacuatori naturali di fumo e calore Smoke out installati in copertura e gli Smoke out vert / Smoke shed installati a parete (ove presenti) e con gli evacuatori forzati nelle altre zone.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico