Sistemi APR, i droni non sono solo teoria. Intervista a Gabriele Santiccioli di FlyTop

La nostra Redazione si è spesso occupata in tempi recenti dei Sistemi SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto). Complice anche il recente convegno che si è tenuto a Roma lo scorso aprile per discutere nel nuovo regolamento ENAC dedicato ai droni, abbiamo ospitato su queste pagine una serie di interventi sugli impieghi in ambito civile di queste tecnologie.

 

È ora tempo di andare nel pratico e, per farlo, abbiamo voluto incontrare Gabriele Santiccioli, presidente di FlyTop, una società ingegneristica italiana al 100% specializzata nella realizzazione di SAPR per l’utilizzo in diversi ambiti.

 

Mauro Ferrarini. La vostra azienda si occupa di SAPR e, immagino, sia una startup innovativa, può raccontarci in breve cosa significa?

Gabriele Santiccioli. La nostra azienda si occupa di sistemi di rilievo a controllo remoto, ovvero di Sistemi APR ma non limitatamente alle applicazioni di tipo aereo, bensì progetta e realizza sistemi remoti per acqua, terra e aria. Tali sistemi, definiti RPV (Remotly Piloted Vehicles), operano attraverso sistemi di positioning e di controllo remoto, settore in cui FlyTop opera da alcuni anni, avendo come storia tutta la cultura della geomatica applicata e quindi del rilievo territoriale, unite alle capacità tecniche e ingegneristiche per la progettazione e produzione di SAPR ad ala fissa e multirotori. Insomma i così detti droni che si vanno diffondendo in campo civile.

 

Mauro Ferrarini. I sistemi SAPR sembrano essere un’occasione unica per molti professionisti. Ci può raccontare il vostro punto di vista?

Gabriele Santiccioli. Il punto di vista di FlyTop è l’innovazione come cultura che i professionisti devono perseguire per accrescere le competenze. I Sistemi APR rappresentano secondo il nostro punto di vista una occasione unica per i professionisti che vogliono aggiungere competenze, e quindi opportunità di lavoro, al loro curriculum professionale.

 

Mauro Ferrarini. Si spinga di più nel merito …

Gabriele Santiccioli. Saper usare un Sistema APR per fare ispezioni, mappature e rilievi delle opere civili o di una grande infrastruttura (ponti, viadotti, complessi edilizi, ecc.) è uno skill che deve essere presente nei team operativi di un qualsiasi studio tecnico o professionale. Questa tecnica rappresenta un’opportunità di accedere a lavori e/o consulenze prima impossibili. I costi, le tecniche e il mercato sono oggi estremamente competitivi, e la possibilità di accedere a queste tecnologie è ormai alla portata di tutti, e tutti dovrebbero cogliere questa occasione.

 

Mauro Ferrarini. Le aziende Italiane che producono Sistemi APR sono poche, se non pochissime. Da cosa si differenzia FlyTop rispetto alle altre?

Gabriele Santiccioli. La nostra caratteristica è legata all’intero ciclo di produzione dei sistemi. In sostanza, FlyTop è proprietaria dell’intera soluzione che mette insieme tecnologie di punta consolidate. FlyTop vanta al suo interno uno staff composto da Ingegneri Aeronautici, Ricercatori Univerisitari, Topografi, esperti di Geomatica e Geologi, ricerchiamo innovazione e tecnologia insieme a molti atenei universitari, crediamo nell’unione di competenze legate da un obbiettivo comune: l’alta tecnologia.

 

FlyTop progetta e produce i sistemi partendo dal sensore d’interesse dalla committenza, costruisce l’APR intorno al sensore di qualsiasi dimensione e peso esso sia. Noi prima ascoltiamo le esigenze del cliente poi progettiamo l’APR e in seguito si passa alla creazione degli stampi per finire all’assemblaggio finale e collaudo.

 

Mauro Ferrarini. Un servizio completo, insomma. Ma dove producete?

Gabriele Santiccioli. FlyTop produce in Italia e precisamente a Roma, le fasi di produzione sono standardizzate e sotto stretto controllo dei responsabili di ogni settore. La filosofia di FlyTop è quella di supporto al cliente in qualsiasi fase, e non solo in quella di vendita dei sistemi. Crediamo che al cliente occorra supporto proprio quando si atterra e si entra nella fase di post elaborazione, considerando scontato il volo di acquisizione dei dati.

 

I sistemi APR sono molto complessi, sono concentrati di alta ingegneria e poter contare su un prodotto realizzato al 100% in Italia e assistito nelle 24-48 ore, vuol dire non avere problemi o imprevisti su qualsisia progetto, e nel giro di 2-3 giorni i dati di rilievo saranno comunque sulla vostra scrivania. Gli interventi di manutenzione, così come il supporto post vendita al cliente, la customizzazione dei sistemi con payload non standard come camere speciali, sistemi iperspettrali, sono la caratteristica primaria di FlyTop.

 

Mauro Ferrarini. Prodotti, competenze, mercato. Può dirci quale è il percorso più breve per i nostri lettori che vogliano avvicinarsi al mondo professionale degli SAPR?

Gabriele Santiccioli. In prima istanza informarsi, sia attraverso le aziende, ma soprattutto attraverso i canali informativi di settore, ovvero alcune riviste che trattano le applicazioni, libri, siti web, ecc. Ma la cosa principale è avere le idee chiare sul tipo di applicazione che necessita. In un momento come questo, mi sento di consigliare al mio cliente di raffrontare non solo il costo proposto dalle diverse aziende ma la capacità di queste di fornire soluzioni personalizzate, di fornire assistenza post vendita soprattutto durante la fase più delicata di elaborazione dei dati acquisiti.

 

Cosa fondamentale è la distinzione tra azienda composta da Ingegneri Aeronautici ed esperti di Geomatica rispetto a aziende provenienti dal mondo del modellismo che producono APR con componenti software ed hardware di facile reperimento sul mercato modellistico.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico