Sistemi a Cappotto. Una Guida alla (S)corretta applicazione

Sistemi a Cappotto. Una Guida alla (S)corretta applicazione

Sui Sistemi a Cappotto le guide alla sua corretta applicazione sono numerose e diffuse, a partire da quella elaborata dal Consorzio Cortexa dei produttori del cappotto di qualità fino ad arrivare a quelli specifici dei singoli produttori. Ma ancora mancava una sorta di guida agli errori (orrori), che spesso si possono vedere in molti cantieri. A colmare questa lacuna ci ha pensato la Waler di Solaro, in provincia di Milano, azienda associata Cortexa, che ha pubblicato la Guida alla (S)corretta realizzazione del sistema a cappotto.

Come ben sanno i nostri lettori più affezionati che seguono la serie di articoli dedicati ai Guasti in edilizia, anche il prodotto o la tecnologia migliore può dare risultati scadenti, se la posa in opera non è eseguita a regola d’arte da maestranze specializzate ed adeguatamente formate. Nello specifico, un sistema di isolamento termico a cappotto mal posato non solo può essere esteticamente poco gradevole ma, nei casi più gravi, può compromettere la tenuta stessa del sistema.

Ecco allora nascere la necessità di questo agile manuale, che fotografa gli errori più eclatanti in alcune realizzazioni, evidenziandone i difetti realizzativi alla base. I difetti analizzati riguardano i aspetti della posa in opera di un sistema a cappotto: dalle malte ai collanti, dalla tassellatura allo strato di rasatura armata fino ad arrivare agli errori in fase di finitura.

Guida alla (S)corretta realizzazione del sistema a cappotto

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche