Sisma ed elementi non strutturali: al SAIE, ISI incontra gli ingegneri

Gli approcci progettuali, gli stati limite e le verifiche prestazionali degli elementi strutturali secondari e degli elementi non strutturali. L’argomento sarà al centro di un convegno organizzato al SAIE da ISI, ingegneria sismica italiana con la collaborazione di un panel di aziende di primo piano nel campo dell’ingegneria strutturale (da Tecnostrutture a CSPFea, AMV e Harpaceas).

 

L’appuntamento è per venerdì 24 ottobre presso la Sala Botero del Centro servizi di Bologna Fiere. L’inizio del convegno è fissato per le ore 14:00 e prevede, per gli ingegneri che vi parteciperanno, il riconoscimento di 3 CFP.

 

Il seminario è rivolto in particolare a progettisti strutturali ed impiantistici che operano con: impianti elettrici, termici, antincendio e di condizionamento, strutture prefabbricate, strutture ospedaliere, impianti industriali, impianti del settore Oil & Gas e dell’energia in genere, partizioni verticali, facciate vetrate, controsoffitti e pavimenti galleggianti, arredi pesanti, scaffalature, giunti di dilatazione.

 

Sei gli interventi tecnici previsti nel corso del pomeriggio di lavoro con relatori di primo piano nell’ambito della progettazione antisismica.

 

Qui brevemente i temi che saranno trattati:

 

1. Progetto di elementi non strutturali soggetti ad azioni sismiche (prof. ing. Gian Michele Calvi, ordinario all’IUSS di Pavia.

 

2. Scaffalature e sistemi di stoccaggio in edifici destinati ad attività industriali e logistiche. Approccio nelle Linee Guida del Consiglio Sup. LL.PP. e nella revisione delle norme Tecniche sulle Costruzioni (prof. ing. Walter Salvatore, ordinario di Tecnica delle Costruzioni, Università di Pisa).

 

3. Elementi non strutturali in Edifici destinati a Grande Distribuzione Organizzata, Mall ed Ipermercati in zona sismica e modellazione di tamponamenti (prof. Roberto Scotta, PhD, Docente presso l’Università di Padova)

 

4. La progettazione strutturale in zona sismica di facciate vetrate. Esperienze applicative di un progettista (ing. Domenico Positello, ICO Engineering)

 

5. La vulnerabilità sismica degli impianti tecnici. Aspetti progettuali e realizzativi (ing. Giorgio Bo, Prodim, Torino)

 

6. Indirizzi e criteri per la riduzione della vulnerabilità sismica degli impianti antincendio (prof. Stefano Grimaz, Direttore SPRINT-Laboratorio sicurezza e protezione intersettoriale, Università degli Studi di Udine)

 

Per il programma completo e la scheda di iscrizione, scarica la locandina del convegno dal sito ISI

 


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico