Simulatore fotovoltaico e casi studio impostati, disponibile il nuovo software SIMULARE 11 - Ingegneri.cc

Simulatore fotovoltaico e casi studio impostati, disponibile il nuovo software SIMULARE 11

Per i lettori di Ingegneri.cc sono disponibili per il download le ultime fatiche dell’ing. Alessandro Caffarelli: la nuova release del software SIMULARE 11, simulatore economico fotovoltaico aggiornato alla Grid-Parity, al sistema dei Certificati Bianchi e alle detrazioni fiscali, e ben 7 casi studio già impostati utilizzando il software.

 

La versione 11 del simulatore permette di realizzare simulazioni con:

a) il Secondo, Terzo, Quarto e Quinto Conto Energia, dunque strutture incentivanti Feed-in-Premium & Feed-in-Tariff.

 

b) L’esercizio in Grid-Parity (senza Conto Energia) in regime di Ritiro Dedicato RiD o Scambio Sul Posto SSP, applicandolo/cumulandolo automaticamente, quando e se possibile, con quanto riportato ai punti c) e d)

 

c) Il sistema dei Certificati Bianchi (TEE)

 

d) Le detrazioni fiscali

 

Oltre al software del simulatore completo con il PDF delle istruzioni d’uso, sono disponibili anche alcuni casi simulati e, precisamente:


1. Esercizio impiantistico senza conto energia (fotovoltaico in Grid-Parity) in regime di RID o SSP (simulazione n. 1 e simulazione n. 2)


2. Esercizio impiantistico in V conto energia (strutture Feed-in Tariff) (simulazione n. 6 e simulazione n. 7)


3. Esercizio impiantistico senza conto energia (fotovoltaico in Grid-Parity) in regime di RID + Certificati Bianchi (simulazione n. 3)


4. Esercizio impiantistico senza conto energia (fotovoltaico in Grid-Parity) in regime di SSP + Certificati Bianchi (simulazione n. 4)


5. Esercizio impiantistico senza conto energia (fotovoltaico in Grid-Parity) in regime di SSP + Detrazioni Fiscali (simulazione n. 5)

 

Si fa presente che è possibile simulare, in Grid-Parity, il sistema dei Certificati Bianchi anche per cluster di impianti fotovoltaici appartenenti allo stesso soggetto responsabile, con le seguenti limitazioni:

– gli impianti devono avere tutti la stessa potenza specifica (P<20 kWp)

– un cluster con potenza superiore a 200 kWp può essere simulato esclusivamente accompagnando i TEE al RiD

– il cluster deve essere simulato con impianti siti tutti nella stessa fascia solare

– i consumi rappresentano la somma dei consumi di ogni singolo cliente produttore

 

Ricordiamo che per effettuare il download occorre registrarsi gratuitamente al sito Ingegneri.cc

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *