Grattacieli green. New York fa la guerra agli edifici energivori

Grattacieli green. New York fa la guerra agli edifici energivori

Grattacieli green

Icone dell’innovazione e sviluppo di epoche passate ed attuali, i grattacieli del futuro cambieranno il loro animo, diventando sempre più green per essere al passo con i tempi.

Volgendo il pensiero ai famigerati edifici, che oltre a rappresentare un simbolo per le grandi città, hanno affascinato e ispirato generazioni di tecnici per via delle ardite soluzioni tecniche adottate, inevitabilmente si viene ricondotti alla città di New York, all’isola di Manhattan scenario di sviluppo economico e culturale.

Eppure c’è un’altra faccia della medaglia che riguarda la città statunitense, non più trascurabile, ovvero il cambiamento climatico. L’amministrazione di De Blasio a New York City ha fissato per 2030 obiettivi ambiziosi per l’abbattimento delle emissioni per una quantità pari a quella coincidente all’eliminazione di un milione di auto dalle strade.

Il consiglio comunale ha approvato il Climate Mobilization Act con lo scopo di sviluppare un nuovo modello economico sostenibile attraverso l’attuazione di normative in accordo con quanto previsto, sulla riduzione delle emissioni da effetto serra, dall’Accordo di Parigi dell’Onu.

Cosa c’entrano i grattacieli della città New York?

Con il Climate Mobilization Act, l’attenzione si focalizza sui consumi energetici quindi sugli edifici energivori, responsabili degli oltre due terzi delle emissioni totali di anidride carbonica e di conseguenza è l’edilizia ed il real estate della città di New York a finire sotto la lente.

L’obiettivo del futuro imminente è quello di avere grattacieli green, ovvero rendere gli edifici più sostenibili ed efficienti con il fine di ridurre le loro emissioni entro il 2024, per poi arrivare ad un meno 40% nel 2030.

Il patrimonio economico da investire per rendere gli edifici, grattacieli green si aggira attorno ai 4 miliardi di dollari e si parla di 50 mila immobili che dovranno essere sottoposti ad adeguamenti da un punto di vista termico ed energetico. Interventi che non potranno essere trascurati, altrimenti le multe previste per i proprietari immobiliari, si aggirano attorno ai milioni di dollari l’anno a seconda dell’inadempienza, sanzioni alle quali saranno esenti gli immobili destinati al pubblico servizio come ospedali e luoghi di culto.

L’attuazione di scelte attuali mirate verso la sostenibilità rappresenta soprattutto un investimento per il futuro sia dal punto di vista ecologico, sia qualitativo quindi economico, pertanto le organizzazioni governative pongono sempre più attenzione a questi aspetti.

Come progettare gli impianti in un edificio Passivhaus?

Grattacieli green a New York: alcuni esempi certificati LEED®

Nella città di New York si possono trovare esempi di grattacieli green che sposano i criteri alla base delle nuove direttive per la salvaguardia ambientale, come gli edifici del 7 World Trade Center e della Hearst Tower, certificati LEED®.

Grattacieli green

Hearst Tower_ ©Hearst.com

Tra i protocolli di certificazione attualmente disponibili il LEED® (Leadership in Energy and Environmental Design) è il più diffuso a livello mondiale.

Il sistema di certificazione LEED® è stato sviluppato negli Stati Uniti da U.S. Green Building Council con la collaborazione delle imprese e dei ricercatori statunitensi ed è stato proposto sul mercato nella sua prima versione nell’anno 2000.

Da allora il sistema di certificazione si è evoluto ed è stato declinato per coprire tutti gli aspetti e tutte le tipologie edilizie, dalla progettazione alla gestione, dalla residenza, agli edifici terziari, alle scuole fino ad arrivare alla scala del quartiere urbano.

Tra i quattro livelli di certificazione previsti dagli standard LEED® (Certified, Silver, Gold, Platinum), il livello più diffuso e più ambito è il Gold. Il Platinum è limitato ad una piccola minoranza di progetti eccellenti che rappresentano casi esemplari di costruzione sostenibile.

Se si considerano però solo i progetti al di fuori degli Stati Uniti, la percentuale di progetti che hanno ottenuto la certificazione Platinum sale al 12%, e la percentuale relativa al Gold si attesta al 49%.

Un esempio Gold è rappresentato dal grattacielo green inaugurato nel 2006: il 7 World Trade Center primo edificio commerciale nella città di New York ad aver ricevuto la certificazione LEED®.

La sostenibilità dell’edificio è garantita da una serie di caratteristiche quali i sistemi per la riduzione del consumo idrico e raccolta acque reflue, sistemi di riscaldamento e condizionamento mentre il fabbisogno elettrico per l’esterno della struttura è assicurato da fonti rinnovabili.

Potrebbe interessarti: Chi popola la top 5 degli edifici più alti? Dubai creek tower, pronta per il 2020

Tra i grattacieli green anche l’edificio Hearst Tower progetto di Norman Foster, certificato LEED© Platinum con un punteggio di 80 su 110. La struttura si sviluppa su 46 piani per 182 metri di altezza ed una superficie complessiva di 67mila metri quadrati le cui forme triangolari hanno consentito un risparmio di acciaio del 20% in meno rispetto alle quantità utilizzate per una tradizionale struttura, ovvero 2mila tonnellate di acciaio.

L’efficientamento in termini di acqua, di energia e di contenimento delle emissioni in atmosfera, alla base delle scelte adottate nella progettazione. Di innovativa concezione è la cascata di acqua riciclata, presente nell’atrio dell’edificio, alta 8 metri che umidifica l’ambiente in inverno e lo raffresca in estate.

Ti consigliamo:

Introduzione alla certificazione LEED®: progetto, costruzione, gestione

Introduzione alla certificazione LEED®: progetto, costruzione, gestione


Angela Silvia Pavesi, Elena Verani , 2012, Maggioli Editore

"In entrambi i miei ruoli di Presidente e fondatore del USGBC e di Presidente del World Green Building Council (WGBC), mi sento ispirato e onorato di far parte di un movimento globale di persone provenienti da ambienti culturali profondamente diversi e di assistere a situazioni in cui paesi e...


39,00 € 33,15 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *