Seismic Academy Hilti: parte domani l’edizione 2015 anche in streaming

Al via a Pavia la terza edizione di “Seismic Academy”

Si accendono domani i riflettori sulla terza edizione del Convegno Nazionale Seismic Academy Hilti, uno degli appuntamenti più importanti ed attesi dagli addetti ai lavori, una giornata quindi totalmente rivolta alla prevenzione e al rischio sismico. Chi non potrà partecipare direttamente all’evento avrà comunque l’opportunità di seguire i lavori della Seismic Academy in diretta streaming, collegandosi alla pagina dedicata.

Nel corso degli anni, il Convegno (a Bologna e Roma) è diventato un vero punto di riferimento, in quanto rappresenta l’evento d’eccellenza per affrontare e discutere diverse problematiche e presentare soluzioni innovative in grado di contribuire al miglioramento strutturale degli edifici pubblici e privati situati nelle zone di criticità sismica.

La sessione del mattino

La giornata ha inizio alle ore 9,30 con la registrazione degli ospiti in una location eccezionale identificata da Hilti per conferire al Convegno maggior autorevolezza: l’Almo Collegio Borromeo di Pavia, il collegio di merito più antico d’Italia tuttora in attività, che è lieto di poter ospitare nelle proprie sale un evento di tale entità.

Dopo uno speech di benvenuto alle ore 10,30, il presidente e amministratore delegato di Hilti Italia, Joaquim Sardà, presenta al pubblico in sala i partner con cui la multinazionale ha deciso di intraprendere questo viaggio nel mondo della ricerca di soluzioni innovative del settore antisismico: la Fondazione Eucentre di Pavia – l’Ente senza fine di lucro nato per promuovere e sviluppare la ricerca e la formazione nel campo della riduzione del rischio con sede a Pavia – l’Università degli Studi di Pavia, il Politecnico di Milano e l’Ordine degli Ingegneri di Pavia, che rilascerà nel corso dell’evento 6 CFP Crediti Formativi Professionali, quali attività per l’aggiornamento della competenza professionale.

 In virtù della partnership siglata con Eucentre, è stato possibile prenotare dai partecipanti al Convegno, un numero ristretto di visite alla Fondazione il giorno 30 ottobre, per scoprire le principali aree di ricerca, il progetto nato grazie alla collaborazione con Hilti e il laboratorio, cuore pulsante della ricerca Eucentre, dove verranno illustrate nella pratica le attività di simulazione e le funzionalità delle apparecchiature.

 Il Convegno entra nel vivo con il primo intervento del professor Gian Michele Calvi, coordinatore delle attività post laurea dello IUSS, Istituto Universitario di Studi Superiori di Pavia, che apre la sessione mattutina con la tematica relativa al rischio sismico e alla vulnerabilità dei territori italiani.  A seguire, il secondo intervento sarà a cura del professor Marco di Prisco, Ordinario di Tecnica delle Costruzioni al Politecnico di Milano, con l’intervento dal titolo “Traditional and Innovative techniques in the seismic improvement of buildings”, per concludere la mattinata con la professoressa Beatrice Belletti, titolare di Design of structures del Corso di Laurea Magistrale in Architettura e di Analisti dinamica e progettazione dinamica delle strutture presso l’Università degli Studi di Parma, con la relazione dal titolo “The seismic improvement of masonry buildings”.

In considerazione della natura accademica del Convegno e delle prestigiose partnership con gli atenei italiani, durante la pausa dedicata al Lunch, Hilti darà un segno concreto alla giornata dimostrando la sua sensibilità e vicinanza al mondo degli studenti: consegnerà infatti due borse di studio agli studenti più meritevoli della Facoltà di Ingegneria, ospiti del Collegio Borromeo.

La sessione pomeridiana

La sessione pomeridiana si apre alle ore 13,30 con la presentazione delle importanti innovazioni del mondo Hilti tenuta dal dottor Peter Rupp, Head of BU Installation di Hilti e prosegue con la testimonianza autorevole del professor Roberto Nascimbene di Eucentre, che dedica il proprio contributo alle problematiche sismiche sugli edifici prefabbricati.

Il Convegno assume una visione ancor più internazionale grazie alla presenza del professor André Filiatrault, della Buffalo University con l’intervento dal titolo “Performance-based seismic design of nonstructural building components: the next frontier of eartquake engineering”. Ritorna in Italia questo nome autorevole della ricerca che già in passato, proprio a Pavia, ricevette l’Erasmum Mundus Scholarship, dall’Istituto Universitario di Studi Superiori UISS.

Dopo un breve break, Seismic Academy Hilti prosegue nel pomeriggio per presentare gli studi e le ricerche dell’ingegner Guido Lori dell’azienda Permasteelisa Spa dal titolo “Curtain wall seismic design in multistorey buildings”, la relazione del professor Stefano Grimaz, Ricercatore confermato del Dipartimento di Georisorse e Territorio della Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Udine, già relatore nelle scorse edizioni con uno speech sulle “Guidelines for the mitigation of seismic vulnerability of the fire protection systems”, per concludersi con l’intervento dell’ingegner Antonio Corbo di AFC Milano, che analizzerà la compartimentazione passiva post-sisma e le prospettive oltre la normativa di legge.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico