Riqualificazione energetica di edifici popolari: il primo NZEB del Centro-Sud

Riqualificazione energetica di edifici popolari: il primo NZEB del Centro-Sud

Il primo esempio di riqualificazione energetica di edifici popolari nell’Italia centro-meridionale è a Pietradefusi, in provincia di Avellino.

Il progetto è stato sviluppato dall’azienda Stat Srl e riguarda 80 alloggi passati dalla classe G alla classe nZEB (consumo quasi zero), ovvero con un fabbisogno energetico molto basso e coperto in misura significativa da energia prodotta da fonti rinnovabili.

La Stat Srl, società specializzata nei settori della riqualificazione urbanistico-edilizia e dell’efficientamento energetico, ottimizza i finanziamenti pubblici di volta in volta disponibili. Nel progetto di Pietradefusi un incentivo importante proviene dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici) attraverso il Conto Termico. La Stat, inoltre, si è avvalsa del supporto dell’istituto CASACERTA e dei suoi protocolli Condominio+  e Pubblico+.

Gli interventi sono mirati a ridurre la dispersione energetica di ogni fabbricato, ottimizzare l’efficienza energetica del sistema di climatizzazione e di produzione di acqua calda sanitaria.

Fornitori altamente qualificati sono stati scelti per isolare il cappotto termico e correggere i ponti termici di travi, pilastri e cassonetti (Malvin Srl), per installare coperture metalliche ventilate e coibentate nei sottotetti al posto delle coperture esistenti in eternit (Falp Srl), per sostituire i vecchi infissi con verande in PVC con vetri stratificati (Infissi BDesign- Luccaferramenti).

Tutti gli impianti termici, di acqua sanitaria e ventilazione sono targati Rossato. In particolare gli impianti obsoleti sono stati sostituiti con nuove soluzioni:

– pompe di calore centralizzate per la climatizzazione invernale
– pompe di calore autonome per la produzione di acqua calda sanitaria
– pannelli solari termici per ACS in rapporto di almeno 1 pannello per unità abitativa
– sistema di ventilazione meccanica controllata.

“È stata un’esperienza molto interessante, perchè siamo riusciti a raggiungere il nostro obiettivo senza madare via gli inquilini dalle abitazioni” spiega l’architetto Francesco Giordano della Stat Engineering.

La chiave vincente di questo format è la possibilità per gli assegnatari degli alloggi di riscattare la casa e diventare proprietari di un immobile nZEB senza aggravare il bilancio familiare: i risparmi in termini di consumi energetici, infatti, sono sufficienti per ripagare prima l’attività progettuale e gestionale, poi la rata per l’acquisto dell’alloggio stesso.

www.rossatogroup.com

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche