Rinforzi strutturali con FRP, innovazione e formazione

L’impiego di materiali compositi fibrosi FRP per strutture in cemento armato, muratura, legno è ormai un fatto consolidato nel nostro Paese, sia sul nuovo che su interventi sul costruito a scopo di adeguamento antisismico degli edifici.

 

I sistemi innovativi di consolidamento e restauro basati sull’utilizzo dei materiali compositi (FRP) garantiscono innumerevoli vantaggi come la reversibilità, la trascurabile invasività estetica e geometrica, l’assenza di pesi nuovi sulle strutture, l’assenza di fenomeni di ossidazione e molti altri ancora, che rendono tali sistemi fortemente vantaggiosi.

 

L’obiettivo che un intervento di rinforzo con materiali compositi FRP si pone è l’ottenimento di un incremento di capacità portante della struttura da rinforzare. Ovviamente tale intervento può essere richiesto per incrementare la resistenza, oppure per ridurre le deformazioni in esercizio, piuttosto che per interventi di adeguamento di strutture esistenti a nuovi codici di calcolo, come ad esempio nel caso di adeguamenti sismici.

 

Altre tipiche applicazioni sono gli interventi riparatori necessari a seguito di errori progettuali e/o costruttivi anche su strutture nuove, gli interventi di rinforzo a causa di ammaloramenti di armature metalliche tradizionali all’interno di strutture in cemento armato, oppure interventi necessari a seguito di accadimenti eccezionali che richiedano la messa in opera di rinforzi rapidi e durevoli.

 

Utilizzo dei materiali compositi FRP, se ne parla a Modena
E proprio per approfondire le tecniche e le peculiarità legate all’impiego dei materiali compositi FRP, Maggioli Editore ha organizzato un seminario tecnico di una giornata, prevista per il prossimo venerdì 17 maggio 2013 a Modena (leggi il programma completo del seminario tecnico).

 

Oltre a esaminare quanto previsto dalle normative tecniche, nel corso del seminario saranno affrontati gli utilizzi per le strutture in cemento armato e in muratura e per gli interventi di adeguamento sismico.

 

Verranno fornite ed analizzate voci di prezzo, voci di capitolato al fine di operare una corretta prescrizione, nonché saranno presentate le procedure per il controllo in corso d’opera al fine di ottenere un lavoro a “regola d’arte”. Il tutto corredato da esemplificazioni di utilizzo.

 

A condurre l’incontro, l’ing. Marco Arduini, ingegnere edile, progettista e consulente nel campo dell’applicazione dei materiali fibrosi a matrice polimerica nelle costruzioni.

 

A tutti i partecipanti al seminario sarà consegnato copia del volume Il rinforzo con materiali compositi fibrosi FRP per strutture in cemento armato, muratura, legno, e, in aggiunta, una chiavetta USB contenente degli esclusivi software BASF per le verifiche, utilizzati anche dall’ing. Arduini durante i lavori del corso.

 

Per avere tutte le informazioni relative alla logistica, al programma e alle modalità di iscrizione si rimanda a questo link sul sito web dei Convegni Maggioli.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico