Rimborso spese DPI Covid-19: Invitalia promuove “Impresa sicura”

Rimborso spese DPI Covid-19: Invitalia promuove “Impresa sicura”

Pubblicato da Invitalia il bando “Impresa sicura” che definisce i criteri e le modalità di riconoscimento alle imprese del rimborso delle spese sostenute per l’acquisto di DPI.

Le risorse messe a disposizione sono pari a 50 milioni di euro comprensivi degli oneri di gestione e fatti salvi eventuali incrementi della dotazione finanziaria disposti con successivi provvedimenti legislativi o amministrativi.

L’INAIL, in virtù dell’art. 43 del decreto Cura Italia del 17 marzo scorso, ha trasferito a Invitalia (Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo) le risorse con l’obiettivo di sostenere le aziende nel potenziamento dei livelli di sicurezza nei luoghi di lavoro, attraverso l’acquisto di dispositivi e altri strumenti di protezione individuale.

Il fine del bando in questione è quello di sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese operanti su tutto il territorio nazionale in attuazione dell’articolo 43, comma 1, del decreto Cura Italia.

Vediamo i dettagli.

Leggi anche: DPI e sanificazione ambienti di lavoro: incentivi e istruzioni Covid-19

Rimborso spese DPI Covid-19: chi sono i beneficiari?

Invitalia è il soggetto gestore e cura gli adempimenti tecnici e amministrativi riguardanti l’istruttoria delle domande e l’erogazione dei rimborsi previsti dal bando “Impresa sicura”.

Sono beneficiari del rimborso spese DPI Covid-19, tutte le imprese che indipendentemente dalla forma giuridica e dal settore economico in cui operano e dal regime contabile adottato, che alla data di presentazione della domanda di rimborso, rispettano i seguenti requisiti:

  • sono regolarmente costituite e iscritte come “attive” nel Registro delle imprese;
  • hanno la sede principale o secondaria sul territorio nazionale;
  • sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  • non sono in liquidazione volontaria e non sono sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatoria.
Non perderti: DPI agenti biologici mascherine: quali sono quelle più idonee Covid-19?

Rimborso spese DPI Covid-19: quali spese sono rimborsabili?

Rientrano nel Bando “Impresa sicura” le spese sostenute dalle imprese per l’acquisto di DPI dalle caratteristiche tecniche rispondenti tutti i requisiti di sicurezza di cui alla vigente normativa, ovvero:

  • mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;
  • guanti in lattice, in vinile e in nitrile;
  • dispositivi per protezione oculare;
  • indumenti di protezione, quali tute e/o camici;
  • calzari e/o sovrascarpe;
  • cuffie e/o copricapi;
  • dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;
  • detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici.

È necessario che le spese non siano inferiori a 500 euro e che risultino sostenute nel periodo compreso tra il 17 marzo 2020, data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del decreto Cura Italia, e la data di invio della domanda di rimborso.Il rimborso può essere concesso fino al 100 per cento delle spese ammissibili fino ad esaurimento della dotazione finanziaria disponibile. Gli importi massimi rimborsabili sono di 500 euro per ogni lavoratore destinatario dei DPI e 150 mila euro per l’impresa.

Leggi anche: Classi di rischio Covid-19: la classificazione delle attività produttive

Rimborso spese DPI Covid-19: entro quando e come presentare le domande?

Il processo di presentazione domande si articola secondo tre fasi.

In prima fase, le imprese interessate possono inviare, attraverso lo sportello informatico all’indirizzo istituzionale di Invitalia, una prenotazione del rimborso, dalle ore 9.00 alle ore 18.00 di tutti i giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì, a partire dal giorno 11 maggio 2020 ed entro il giorno 18 maggio 2020.

Ciascuna impresa può presentare una sola prenotazione di rimborso.

Durante la seconda fase avviene la pubblicazione sul sito dell’Agenzia dell’elenco di tutte le prenotazioni correttamente inoltrate dalle imprese nell’ambito della fase 1, ordinate cronologicamente secondo l’orario di arrivo della richiesta.

L’elenco rappresenta una formale comunicazione alle imprese dell’esito connesso all’invio delle prenotazioni. I soli soggetti la cui prenotazione è collocata in posizione utile per l’ammissibilità a presentare domanda di rimborso sono ammessi a procedere alla compilazione della domanda di rimborso, secondo i termini e le modalità di cui alla fase 3 che consiste nella compilazione e istruttoria della domanda di rimborso.

la domanda di rimborso redatta attraverso la procedura informatica e contenente le informazioni indicate nell’apposito modello, disponibile sul sito di Invitalia, a partire dalle ore 10.00 del giorno 26 maggio 2020 ed entro le ore 17.00 del giorno 11 giugno 2020.

Successivamente all’adozione del provvedimento di ammissione al rimborso, l’Agenzia procederà all’erogazione direttamente sul conto corrente indicato dall’impresa nella domanda di rimborso.

Per saperne di più consulta il documento pdf

Ti consigliamo:

Il volume con associata alla guida una completa modulistica aggiornata editabile per la redazione di PSC, POS, Fascicoli tecnici dell’opera e PSS personalizzabili per le specifiche  esigenze, oltre a importanti strumenti di lavoro editabili quali Gruppi Omogenei, Schede di Lavorazione, Schede Macchine, Moduli per la Gestione del Cantiere, foto e simboli. Capitolo aggiuntivo di aggiornamento “INTEGRAZIONE AI PIANI DI SICUREZZA RISCHIO COVID‐19” con esempi precompilati di POS e PSC e integrazione DVR per il cantiere edile, istruzioni operative, procedure e protocolli.

Guida ai Piani di Sicurezza 2.0

Guida ai Piani di Sicurezza 2.0

Luca Lenzi, Carmine Moretti, Francesco Loro, 2019, Maggioli Editore
La guida è aggiornata con il capitolo “Integrazione ai Piani di Sicurezza – Rischio Covid-19” a cura di Marco Ballardini e Carmine Moretti. L’aggiornamento, completo di oltre 50 moduli editabili e personalizzabili, fornisce strumenti utili e indicazioni da seguire...

56.00 € 50.40 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche