Remtech 2013: Sostenibilità, Decomissioning, Salute, ecco il programma

La settima edizione di RemTech 2013, il Salone specializzato in Italia sulle bonifiche dei siti contaminati e la riqualificazione del territorio, si annuncia ricca di appuntamenti di elevato profilo tecnico-scientifico, con forti richiami a temi di stringente attualità.

 

Tra le parole-chiave dell’evento, che si svolgerà dal 18 al 20 settembre nei padiglioni della Fiera di Ferrara, un ruolo di primo piano è rivestito dalla sostenibilità, al centro del convegno di apertura del 18 Settembre Sostenibilità, tecnologie innovative e impatti economici. Dalla giornata SuRF (Sustainable Remediation Forum) del 20 settembre scaturirà, poi, il primo studio di settore in Italia sulle bonifiche, contenente le linee guida e gli indicatori di sostenibilità per i progetti di remediation.

 

Le novità di Remtech 2013
Le novità del Salone organizzato da Ferrara Fiere Congressi, in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, riguardano le quattro call for proposal Call for proposal for pilot test, Call for proposal from Exhibitor, Call for Public Administration – Case Histories, Call for University and Research (Research Focal Point) –, che puntano a mettere in evidenza le innovazioni più interessanti nel settore delle bonifiche, i casi applicati virtuosi, i lavori di ricerca disponibili nel nostro Paese e all’estero. Inedita anche la RemTech Training School, così come la focalizzazione del tema della salute in rapporto ai contaminanti, che verrà approfondito nel convegno Ambiente e ripercussioni sulla salute umana.

 

Anche per questa edizione, RemTech conferma la propria vocazione di evento fortemente orientato alla formazione e di interlocutore privilegiato del mondo industriale. Oltre che della RemTech Training School, la formazione sarà al centro del prestigioso “Corso di Alta Formazione sull’accertamento di illeciti ambientali”. Il coinvolgimento delle industrie, in generale, e del comparto energetico, in particolare, avverrà invece attraverso il Focus dedicato e i convegni su “Nuclear Decommisioning”, “Rete carburanti” e “Analisi di rischio e monitoraggio”, che avranno tra i propri relatori esponenti di realtà di primo piano, da Sogin a Unione Petrolifera.

 

Gli argomenti delle bonifiche e delle tecnologie di remediation – temi portanti della manifestazione – saranno, invece, declinati in alcuni incontri di assoluto interesse: “Gestione e bonifica dei Sedimenti”, “Bonifica dei terreni contaminati”, “Pubblica amministrazione e piani di bonifiche” e “Bonifica delle acque contaminate”, con la presentazione di case histories italiane e straniere,

 

Il target cui RemTech 2013 si rivolge – aziende, pubbliche amministrazioni, associazioni, istituzioni, professionisti, università, industria, comparto petrolifero, settore immobiliare e della pianificazione – troverà, inoltre, un’area espositiva altamente qualificata, eventi paralleli, incontri tecnici organizzati dalle aziende espositrici, prove pilota e dimostrazioni sul campo, delegazioni straniere in rappresentanza dei principali buyers, premi speciali, di laurea e di dottorato.

 

Coast Expo: gestione e tutela della fascia costiera
Non meno sostanziosa la proposta scientifica delle sezioni speciali di RemTech. Coast Expo, l’evento più specializzato in Italia nel settore della gestione e tutela della fascia costiera e del mare, festeggia la quarta edizione e si pone come punto d’incontro e di confronto fra pubblica amministrazione, enti di ricerca, università, società di ingegneria e di consulenza, professionisti, associazioni, operatori del settore, a livello nazionale e internazionale.

 

Il programma congressuale di Coast si apre quest’anno verso nuovi temi: Direttiva Alluvioni, valorizzazione costiera, gestione dei sedimenti, opere di difesa morbide, monitoraggio morfodinamico, Direttiva Marine Strategy, emergenze costiere, Green Coast Award (poster & case studies) e Progetto Bandiera RITMARE.

 

Esonda: dissesto idrogeologico e al rischio idraulico
A sua volta, Coast Expo terrà a battesimo Esonda, il nuovo focus dedicato al dissesto idrogeologico e al rischio idraulico, alla luce dell’aumentata frequenza e intensità degli eventi meteoclimatici calamitosi e degli scenari futuri di cambiamento climatico. Tra le tematiche che Esonda affronterà relativamente ai bacini idrografici, alle aste fluviali e torrentizie e alle aree marino-costiere, spiccano il monitoraggio, la prevenzione, la gestione del rischio idraulico e l’intervento in situazioni di erosione e instabilità dei pendii, la navigazione e il turismo fluviale, le aree protette, lo stato e le problematiche di implementazione della Direttiva Alluvioni.

 

Inertia: rifiuti inerti e aggregati naturali
A chiudere le sezioni speciali di RemTech sarà, infine, la seconda edizione di Inertia, l’evento specializzato in Italia sui rifiuti inerti e gli aggregati naturali, riciclati e artificiali. Tra gli appuntamenti previsti si segnalano, in particolare, la XVII edizione dell’Interforum Recycling, organizzato da ANPAR e FIR, e quest’anno dedicato all’impiego degli aggregati riciclati e artificiali nelle infrastrutture stradali; i seminari sull’uso sostenibile delle risorse naturali, la pianificazione delle attività estrattive e le nuove procedure per il recupero delle terre da scavo, la sostenibilità delle costruzioni e le certificazioni ambientali di prodotto; il Forum delle Tecnologie.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico