Recupero del costruito in zona sismica, NTC2008 e aspetti assicurativi

In Italia il numero di costruzioni che non rispettano le norme sismiche supera certamente le 100.000 unità. Il loro adeguamento è un problema non soltanto tecnico ma anche economico ed organizzativo.  Su rischio sismico, normativa  e implicazioni in campo assicurativo  si discuterà nell’ambito del convegno Recupero del costruito in zona sismica. Alla luce delle NTC2008 e degli aspetti assicurativi in programma il prossimo 25 maggio presso la sede della Regione Emilia Romagna a Bologna in viale della Fiera 8.

 

Il convegno è stato voluto e organizzato da ISI Ingegneria Sismica italiana – associazione che riunisce i diversi attori che operano nell’ambito dell’ingegneria sismica in Italia e promuove attività di divulgazione del loro lavoro, interfacciandosi  con le istituzioni,  gli enti normatori, la comunità accademica, scientifica ed il mondo industriale e dei professionisti.

 

Ricca di massimi esperti e accademici di ingegneria sismica e normativa, la rosa dei relatori, tutti di livello internazionale: da G.Calvi presidente della fondazione Eucentre a C. Christopoulos del dipartimento di Infrastruttura dell’Università di Toronto (Canada), da P. Spinelli_Professore ordinario Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di Firenze a P. Riva Preside Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Bergamo, a T. Trombetti della facoltà di Ingegneria dell’Universtà di Bologna e G. Manfredi Professore ordinario Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi di Napoli Federico II.

 

I contenuti del convegno
Si parlerà di soluzioni progettuali per l’adeguamento sismico, di caratteristiche e limiti di alcune tipologie di intervento su strutture in calcestruzzo armato, di utilizzo di controventi dissipativi per il retrofit sismico di strutture in cemento armato; di nuove prospettive per la qualificazione dei prodotti innovativi.

 

M. Dolce, Direttore dell’ufficio valutazione, prevenzione e mitigazione del rischio sismico del Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri parlerà di rafforzamento locale come strumento rapido ed efficace per la prevenzione sismica.

 

Sarà presentata l’esperienza della Regione Emilia Romagna tramite un contributo di  V. Petrini, Professore ordinario Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano e del presidente di CNA Costruzioni Emilia Romagna , R. Franchini.

 

Di esperienza internazionale nell’assicurazione del rischio sismico parlerà A. Monti consulente OCSE per i rischi catastrofali e docente asscociato di diritto alla IUSS PAVIA.
Il convegno si cocluderà con una tavola rotonda condotta da Franco Braga, professore ordinario di Tecnica delle Costruzioni e di Costruzioni in zona sismica Università degli Studi di Roma La Sapienza e attuale Sottosegretario del Governo Monti.

 

Ai partecipanti verrà distribuita gratuitamente una copia del libro L’Aquila, il Progetto C.A.S.E. edito da Costruttori ForCase e della rivista “Progettazione Sismica”- entrambe pubblicazioni IUSS Press. Sarà inoltre consegnato un attestato valido ai fini della Formazione Continua conformemente ai regolamenti dei vari Ordini professionali di appartenenza.

 

Il Convegno ISI avrà luogo venerdì 25 maggio 2012 dalle ore 9.30 alle ore 18.00 presso la Sala A della 3^ Torre della Regione Emilia Romagna in via della Fiera 8 Bologna.

Per informazioni e iscrizioni  http://www.ingegneriasismicaitaliana.it/.

Segreteria organizzativa: Calt Relazioni Pubbliche tel 0432 229127 email convegni@caltpr.it


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico