Quale formazione per gli ingegneri dei prossimi 10 anni?

Quale formazione per gli ingegneri dei prossimi 10 anni?

Il futuro chiede degli ingegneri diversi per preparazione e per approccio alle nuove sfide poste dal mercato e dalla tecnologia. Ne ha parlato diffusamente con una seria riflessione su queste pagine il nostro direttore, Fulvio Re Cecconi, mettendo in luce come la nuova rivoluzione industriale richiede un nuovo modo di lavorare, si basa su nuove tecnologie e lancia sfide che saranno vinte solo da nuovi professionisti. Indipendentemente dalla forma giuridica (liberi professionisti o società di ingegneria), il futuro richiede progettisti diversi.

Le Università e gli Ordini professionali sapranno accorgersene? Pare che le prime si stiano già muovendo. O almeno lo sta facendo il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre che organizza per il prossimo 13 novembre un convegno e un dibattito sul ruolo dell’alta formazione per gli ingegneri nel futuro.

Ingegneria 2025. Quale formazione per gli ingegneri del futuro?

Al convegno parteciperanno esponenti di spicco di istituzioni pubbliche, della grande industria e anche della giovane imprenditoria.

La domanda su cui ruoterà il convegno è la direzione che prenderà l’ingegneria del futuro e a cui cercheranno di rispondere l’iIng. Carla Cappiello, presidente Ordine Ingegneri della Provincia di Roma, l’ing. Giuseppe Noviello, presidente HFV – Holding Fotovoltaica Spa, Franco Brescia, direttore dei Rapporti con le Istituzioni, Telecom Italiae l’ing. Luca Attias, direttore generale Sistemi Informativi della Corte dei Conti.

A seguire un’altra tavola rotonda si interrogherà sulle risposte attese dalla formazione universitaria a cui prenderanno parte il dott. Marco Trombetti, imprenditore, fondatore e amministratore delegato di Translated, Memopal, PiCampus, Angel Investor, l’ing. Stefano Petrucci, presidente ANCE Lazio (Unione Regionale dei Costruttori Edili del Lazio), l’ing. Chiara Russo, imprenditrice (amministratore delegato di Codemotion) e fondatrice dell’Associazione Laureati Ingegneria Roma Tre, Oreste Bramanti, direttore Energie Rinnovabili, NIS GAZPROM NEFT Group – Nis Energy Block e l’ing. Roberto Vigotti, segretario generale RES4MED.

Qui è possibile scarica la locandina Ingegneria 2025. Quale formazione per gli ingegneri del futuro? con il programma completo e altre informazioni.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico