Pubblicati bandi Concorso Campania. Si cercano 277 tecnici diplomati e laureati

Pubblicati bandi Concorso Campania. Si cercano 277 tecnici diplomati e laureati

bandi concorso campania

Si attendeva per fine aprile 2019 la pubblicazione dei bandi concorso Campania che invece è avvenuta il 9 luglio 2019.

Ad essere messi a concorso sono in totale 2.175 posti, presso la Regione Campania e gli Enti locali della Regione Campania, dei quali 277 interessano profili tecnici.

È possibile inoltrare la domanda di partecipazione fino alle ore 23.59.59 dell’8 agosto 2019 per via telematica, compilando il modulo on line tramite il sistema “Step-One 2019”, sul sito ripam.

I primi bandi Concorso Campania pubblicati sono:

  1. corso-concorso pubblico, per titoli ed esami, per il reclutamento di complessivi n. 1.225 unità, categoria giuridica C, posizione economica C1, a tempo indeterminato. Nel dettaglio 134 unità di personale appartenenti al profilo di istruttore tecnico (codice TCC/CAM).
  2. corso-concorso pubblico, per titoli ed esami, per il reclutamento di complessivi n. 950 unità, categoria giuridica D, posizione economica D1, a tempo indeterminato. Nel dettaglio 143 unità di personale appartenenti al profilo di funzionario tecnico/funzionario specialista tecnico (codice TCD/CAM).

Nei bandi Concorso Campania, viene specificato che il trenta per cento dei posti è riservato ai volontari in ferma breve e ferma prefissata delle Forze armate congedati senza demerito ovvero durante il periodo di rafferma, ai volontari in servizio permanente, nonché agli ufficiali di complemento in ferma biennale e agli ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma contratta, ove in possesso dei requisiti previsti dal bando.

Per entrambi i bandi Concorso Campania ad essere richiesti sono i requisiti generali che riguardano la cittadinanza italiana o la regolarità di soggiorno, la maggiore età, l’idoneità fisica, il godimento dei diritti civili e politici, l’esercizio all’elettorato politico attivo, il non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione, l’assenza di condanne penali che comportino l’interdizione dai pubblici uffici e la posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva.

Il corso-concorso Campania, così definito per via del previsto percorso retribuito di reclutamento iniziale, in entrambi i bandi concorso Campania prevede un periodo formativo e tirocinio di dieci mesi con assegnazione di una borsa pari a mille euro lordi mensili, prima dell’assunzione.

Quali prove sono previste nei bandi concorso Campania?

Il corso-concorso Regione Campania prevede per entrambi i bandi concorso Campania, le seguenti prove comuni:

  • prova preselettiva comune a tutti i profili professionali ai fini dell’ammissione alla prova scritta, consiste in: un test da risolvere in ottanta minuti, composto da ottanta quesiti a risposta multipla, di cui cinquanta attitudinali consistenti in una serie di quesiti a risposta multipla e trenta su diritto costituzionale, diritto amministrativo, trasparenza e anticorruzione, disciplina del lavoro pubblico; diritto regionale e diritto degli enti locali con particolare riferimento allo statuto e all’ordinamento della Regione Campania; elementi di geografia politica ed economica della Regione Campania;
  • una prova selettiva scritta che prevede la somministrazione di sessanta domande con risposta a scelta multipla, per un punteggio massimo attribuibile di trenta punti. La prova scritta, che si intenderà superata con una votazione minima di ventuno/trentesimi, verterà su materie differenti per il profilo di istruttore tecnico e per il profilo funzionario tecnico /funzionario specialista tecnico;
  • il superamento della prova scritta consente l’accesso alla fase di formazione e rafforzamento, della durata complessiva di dieci mesi, svolta presso le amministrazioni, sotto forma di stage finalizzato alla realizzazione di un project work. Alla fase di formazione obbligatoria sarà ammesso un numero di candidati pari al numero dei posti da ricoprire maggiorato del venti per cento.
  • la prova selettiva orale, consiste in un colloquio interdisciplinare sulle materie oggetto della prova scritta, che dovrà essere sostenuta da coloro che avranno superato la verifica finale della fase di formazione e rafforzamento. Inoltre, nell’ambito della medesima prova orale si procederà all’accertamento della conoscenza della lingua inglese, della conoscenza delle tecnologie informatiche e della comunicazione e del Codice dell’amministrazione digitale.

Quando si svolgeranno le prove?

Sul sito istituzionale verranno indicate tutte le informazioni relative alla data, luogo e modalità di svolgimento delle prove.

Almeno quindici giorni prima del loro svolgimento, sarà pubblicato il diario delle prove con indicazione delle modalità di pubblicazione degli elenchi dei candidati ammessi alle successive fasi.

L’avviso relativo all’avvenuta pubblicazione del diario delle prove sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – IV Serie speciale “Concorsi ed Esami” – il primo giorno utile successivo alla pubblicazione dello stesso sul sito istituzionale dove verrà inoltre pubblicato l’avviso di convocazione per la prova orale, almeno venti giorni prima del suo svolgimento.

Vediamo nel dettaglio le materie sulle quali prepararsi e quali requisiti dovranno avere i candidati per ciascuno dei bandi Concorso Campania.

Bando C1 – n.134 unità istruttore tecnico

Oggetto del bando C1 è la ricerca di complessive n. 1.225 unità di personale a tempo indeterminato di cui n. 187 unità presso la Regione Campania, n 18 unità presso il Consiglio regionale della Campania e n. 1.020 unità presso gli Enti locali della Regione Campania, per i profili di:

  • 121 istruttori risorse finanziarie/istruttori contabili;
  • 380 istruttori amministrativi;
  • 134 istruttori tecnico;
  • 71 istruttori sistemi informativi e tecnologie/ istruttori informatici;
  • 20 istruttori comunicazione e informazione;
  • 52 istruttori policy regionali/istruttori culturali;
  • 22 istruttori socio-assistenziali;
  • 425 istruttori di vigilanza.

Quali requisiti sono richiesti?

In particolare per quanto concerne il profilo di istruttore tecnico (codice TCC/CAM), oltre ai sopracitati e comuni requisiti ai due bandi, è necessario che il candidato sia in possesso del titolo di studio di diploma di istruzione secondaria di secondo grado di:

  • geometra, perito edile, perito chimico, perito agrario o diploma di maturità rilasciato da Istituto tecnico industriale o da Istituto professionale per l’industria e l’artigianato, che consenta l’iscrizione ad una facoltà universitaria.

Su quali materie verteranno le prove?

Con la prova preselettiva verranno verificate le capacità logico-deduttiva, di ragionamento logico-matematico e critico-verbale oltre a verificare le conoscenze sulle materie comuni ai due bandi.

Invece la prova scritta selettiva e la prova orale verteranno sulle seguenti materie per il profilo di istruttore tecnico:

  • titolo V della Costituzione;
  • legislazione amministrativa concernente l’attività delle Regioni e degli Enti Locali in particolare in materia di lavori pubblici, espropriazioni per pubblica utilità ed urbanistica di carattere nazionale e regionale;
  • ordinamento delle Regioni e degli Enti Locali;
  • nozioni di diritto amministrativo con particolare riferimento al procedimento amministrativo, agli atti amministrativi e alla programmazione comunitaria;
  • elementi di diritto penale con particolare riferimento ai reati contro la Pubblica Amministrazione;
  • nozioni di lavoro pubblico e responsabilità dei dipendenti pubblici.

Bando D1 – n.143 unità funzionario tecnico /funzionario specialista tecnico

Oggetto del bando D1 è la ricerca di complessive n. 950 unità di personale a tempo indeterminato, di cui n. 328 unità presso la Regione Campania, n. 15 unità presso il Consiglio regionale della Campania e n. 607 unità presso gli Enti locali della Regione Campania, per i profili di:

  • 125 funzionari risorse finanziarie /funzionari pianificazione e controllo di gestione/funzionari specialisti contabili;
  • 380 funzionari amministrativo/funzionari amministrativo e legislativo /funzionari specialisti amministrativi;
  • 143 funzionari tecnici/funzionari specialisti tecnici;
  • 62 funzionari di sistemi informativi e tecnologici /funzionari informatici;
  • 19 funzionari comunicazione e informazione;
  • 108 funzionari di policy regionali e funzionario specialista in attività culturali;
  • 66 funzionari-specialisti socio-assistenziale;
  • 47 funzionari di vigilanza.

Quali requisiti sono richiesti?

In particolare per quanto concerne il profilo di funzionari tecnici/funzionari specialisti tecnici (TCD/CAM), oltre ai sopracitati requisiti generali comuni ai due bandi, è necessario che il candidato sia in possesso del titolo di studio di laurea (L) appartenente alle classi:

  • L-7 ingegneria civile e ambientale, L-17 scienze dell’architettura, L-21 scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale ovvero Diploma di laurea (DL) in: Ingegneria civile; Ingegneria edile; Architettura; Ingegneria edile-architettura; Ingegneria per l’ambiente e il territorio; pianificazione territoriale e urbanistica; Pianificazione territoriale, urbanistica e ambientale; urbanistica o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente.

Su quali materie verteranno le prove?

La prova preselettiva scritta è finalizzata alla verifica della capacità logico-deduttiva, di ragionamento logico-matematico e critico-verbale oltre a verificare le conoscenze sulle materie comuni ai due bandi.

Mentre la prova scritta selettiva e la prova orale verteranno sulle seguenti materie per il profilo di funzionario tecnico/funzionario specialista tecnico:

  • normativa in materia di lavori pubblici e gestione del territorio;
  • normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei cantieri e nei luoghi di lavoro;
  • progettazione e manutenzione delle infrastrutture viarie e relative norme tecniche;
  • tecnica delle costruzioni;
  • legislazione nazionale e regionale in materia di edilizia e urbanistica;
  • nozioni di estimo, catasto e topografia;
  • occupazione ed espropriazione per pubblica utilità;
  • elementi di diritto costituzionale;
  • ordinamento istituzionale della Regione e degli enti locali;
  • diritto amministrativo, con particolare riferimento a: procedimenti amministrativi, trasparenza, accesso agli atti, anticorruzione, codice dei contratti pubblici, protezione dei dati personali;
  • programmazione comunitaria;
  • disciplina del lavoro pubblico e responsabilità dei dipendenti pubblici;
  • elementi di diritto penale, con particolare riferimento ai reati contro la Pubblica Amministrazione.

Per ulteriori informazioni consulta i bandi concorso Campania:

Bando C1 – n.134 unità istruttore tecnico

Bando D1 – n.143 unità funzionario tecnico /funzionario specialista tecnico

Per la preparazione alla prova preselettiva consigliamo:

Concorso Regione Campania. Nuovi quiz di logica RIPAM per la prova preselettiva

Concorso Regione Campania. Nuovi quiz di logica RIPAM per la prova preselettiva


Giuseppe Cotruvo , 2019, Maggioli Editore

Il volume è uno strumento innovativo ed efficace per la preparazione alla prova preselettiva del Concorso indetto dalla Regione Campania, per circa 10.000 posti da assumere nei prossimi 2 anni a tempo indeterminato presso i vari enti locali della Regione. Il percorso di assunzione prevede una...


32,00 € 27,20 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *