Cercasi proprietari per manutenzione viadotti. Nessuno si occupa di 1.425 strutture

Cercasi proprietari per manutenzione viadotti. Nessuno si occupa di 1.425 strutture

manutenzione viadotti

Il dato sulla paternità e manutenzione viadotti è allarmante ed è il risultato di un censimento avviato da Anas ad inizio 2017, sull’intero territorio italiano. Ad essere messe sotto analisi sono state 2.994 opere tra ponti e viadotti di scavalco della rete stradale ed autostradale sotto gestione dell’Ente.

Il censimento fu commissionato dall’ex Presidente Anas, Armani, con l’obiettivo di individuare i proprietari e gestori, quindi i diretti responsabili, dell’esercizio della manutenzione.

A seguito dell’indagine, 983 sono le strutture risultate di proprietà Anas e 586 a carico di altri Enti quali Comuni, Provincie, Regioni, Concessionari autostradali, Consorzi… ma a restare orfane sono ben 1.425 opere.

Di grande rilievo è anche il dato circa la vetustà delle opere, delle quali oltre il 50% possiede un’età di 40 anni e quasi uno su quattro supera i 50. Difatti il 24% dei viadotti costruiti prima del 1961 ha 58 anni e solo il 15%, datato post 2000, ha meno di 18 anni.

manutenzione viadotti

©Dataroom – Corriere Della Sera

Tutti questi particolari sono stati riportati nella missiva, che ha come oggetto: “opere di scavalco della viabilità Anas”. Della presentazione di questa lettera da parte dell’ANAS, avvenuta il 19 dicembre 2018 sul tavolo del Ministero dei Trasporti, ne ha dato notizia il Corriere.it nella rubrica Dataroom, che ha analizzato la questione evidenziando anche alcuni casi emergenziali in atto, per i quali il rimando burocratico tra enti stia dilatando i tempi di intervento.

La risposta alla lettera da parte del MIT, è giunta l’8 gennaio 2019 per mano del direttore generale Antonio Parente, che scrive all’attuale amministratore delegato dell’ANAS, Massimo Simonini: “Si proceda intanto con la sorveglianza delle opere da identificare…tuttavia la gravità della situazione emersa sottende possibili profili di irregolarità”. A chiusura della comunicazione si manifesta la volontà di convocare a breve un incontro, che ad oggi non è stato ancora fissato.

Leggi anche: Monitoraggio opere. Con la chiusura dell’E45, si torna sulla questione

Perché è così difficile risalire al gestore della manutenzione viadotti?

L’assenza di una paternità quindi della manutenzione viadotti, è spesso conseguenza dei passaggi di proprietà o di gestore che potrebbero essere Consorzi, società private o enti pubblici.

Nel caso dei privati le cause possono ricercarsi in contenziosi, fallimenti o decessi, per quanto concerne il pubblico i ricorsi al Tar circa le responsabilità nell’intreccio di competenze, sono all’ordine del giorno.

Il problema interessa l’intero territorio italiano. Il numero più alto si registra per la regione Campania, dove le opere orfane sono 307. A seguire ci sono, Sicilia (266), Calabria (150), Toscana (127), Lombardia (121), Veneto (112), Abruzzo (110), Emilia Romagna (85), Piemonte (57), Lazio (45) e Sardegna (43), Liguria e Friuli-Venezia Giulia (1).

Mentre le Regioni dove le opere, hanno tutte una proprietà sono: Valle D’Aosta, Marche, Umbria, Molise, Puglia e Basilicata.

Degrado e corrosione del cemento armato in corrispondenza delle cerniere, inadeguatezza delle lunghezze di appoggio e una progettazione eseguita prescindendo dall’azione sismica, sono solo alcuni dei motivi che sono correlate al rischio delle strutture non soggette a controlli e adeguamenti.

Potrebbe interessarti: I danni da cloruri. Degrado e corrosione del cemento armato

I casi di collasso registrati negli ultimi anni, un tragico elenco

Quello della manutenzione viadotti è stato un argomento affrontato tante, troppe volte dalla cronaca . Sono diversi i casi dove la mancata manutenzione viadotti ha portato al collasso delle opere. A partire dal grave evento del viadotto Polcevera datato 14 agosto 2018, che è costato la vita a 43 persone i viadotti coinvolti interessano più parti d’Italia e diversi gestori:

  • 18 aprile 2017 – viadotto della tangenziale di Fossano (Cuneo), gestione Anas – Inaugurato nel 2000, ha subito un collasso dal quale si sono salvati i Carabinieri che si trovavano sotto la struttura per lavori di routine. In occasione dell’evento, l’Anas dichiarò: “opera che non rientrava nei piani di manutenzione straordinaria dato che non presentava evidenze di problematiche strutturali”.
  • 9 marzo 2017 – viadotto autostrada A14 Adriatica, chilometro 235 tra Camerano e Ancona Sud, gestione Autostrade per l’Italia – Crolla una porzione di di autostrada soggetta ad interventi di ripristino. Nell’incidente muoiono due persone  e altre due sono rimangono ferite.
  • 28 ottobre 2016 – cavalcavia provinciale 49 Molteno-Oggiono, gestione provincia di Lecco – L’attraversamento di un Tir è stato decisivo per il crollo, che causò sulla un morto e quattro feriti (Foto di copertina).
Leggi anche: Il crollo del viadotto Polcevera, non può cancellare anni di ingegneria

In copertina foto del crollo della rampa di uscita da Annone Brianza della statale 36 (ANSA/Lecconotizie.com).

Ti consigliamo:

Il collaudo delle opere di ingegneria civile

Il collaudo delle opere di ingegneria civile


Arturo Donadio - Dario Previ , 2016, Maggioli Editore

In questo testo, che non è stato volutamente impo- stato per essere un “manuale”, dopo una digressione introduttiva su come erano concepiti i collaudi delle strutture nel secolo scorso, gli autori hanno voluto fornire una informazione il più possibile completa dei controlli che devono...


22,00 € 18,70 € Acquista

su www.maggiolieditore.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *