Progettazione termotecnica. Nuova release del software EC635

Progettazione termotecnica. Nuova release del software EC635

Edilclima presenta la nuova versione del programma EC635, software di calcolo per la progettazione delle reti di adduzione idrico-sanitaria interne agli edifici.

Una progettazione delle reti idriche eseguita secondo normativa presenta numerosi aspetti che la rendono in generale complessa e articolata, in particolare per quanto riguarda la determinazione delle portate di progetto, la verifica dei livelli di pressione agli apparecchi erogatori, il dimensionamento dei preparatori e la determinazione della portata di ricircolo. In sostanza, una progettazione dettagliata implica la necessità di eseguire una certa quantità di calcoli. Il software EC635 consente una progettazione completa e accurata, offrendo importanti prestazioni in termini di rapidità, semplicità d’uso, precisione e flessibilità nella gestione di svariate tipologie di reti.

Novità rispetto alla versione precedente
Rispetto alla versione precedente il software è stato ampliato nelle proprie potenzialità, in particolare implementa un nuovo input grafico grazie al quale è possibile sviluppare dettagliatamente e rapidamente il disegno della rete d’impianto.

A chi si rivolge
Il software è rivolto ai progettisti termotecnici e agli installatori che si dedicano alla progettazione delle reti di adduzione idrico-sanitaria. Lo scopo di EC635 è quello di accompagnare l’utente (anche meno esperto), in un percorso di calcolo adeguato alla complessità della progettazione, aiutandolo in una corretta applicazione ed interpretazione delle prescrizioni normative e di buona tecnica. A questo proposito si sottolinea che il programma implementa metodi derivanti dalla norma UNI 9182:2008 e, in generale, dalla bibliografia tecnica. Inoltre, nell’ottica della massima flessibilità, EC635 consente all’utente di poter gestire e impostare preliminarmente i metodi attraverso i quali verrà condotto il dimensionamento automatico della rete.

Funzionalità
A partire dai dati di input inseriti e dal disegno dell’impianto sarà possibile:
– calcolare le portate di progetto e determinare i diametri di progetto delle tubazioni di adduzione e di ricircolo;
– determinare le perdite di carico e i valori delle pressioni dinamiche e statiche valutate in corrispondenza degli apparecchi erogatori;
– dimensionare la rete di ricircolo e scegliere la pompa di ricircolo adeguata;
– calcolare i parametri di progetto dei preparatori (bollitori ad accumulo, scambiatori istantanei);
– inserire gruppi di pompaggio e riduttori di pressione, ricalcolare le condizioni di esercizio tenendo conto anche della presenza di tali oggetti.

Alle funzionalità sopra citate si aggiungono le seguenti:
– possibilità di inserire nell’impianto vari componenti (valvole, contatori, collettori, ecc.);
– ampia possibilità di stampe e possibilità di esportare il disegno dell’impianto.

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche