Progettazione sostenibile. Un concorso per progettisti

Progettazione sostenibile. Un concorso per progettisti

Mangiamo prodotti dell’agricoltura biologica e facciamo la raccolta differenziata. Preferiamo i mezzi di trasporto pubblico o la bicicletta. Siamo attratti dalle auto a emissioni zero e non più da quelle grandi e lussuose ad alto consumo. Ci piacciono le case bioclimatiche e non gli edifici a elevati consumi energetici. Vogliamo opere pubbliche sostenibili e sensibili al paesaggio. Guardiamo con crescente diffidenza alle politiche urbane griffate dallo star system che spesso generano maggiori costi.

Per gli architetti e gli ingegneri questo significa proporre temi differenti per il progetto e una concezione radicale che fa appartenere ai paradigmi dell’ecologia, della sostenibilità e della sensibilità paesaggistica, ogni decisione, ogni materiale e ogni azione progettuale. Nella realtà della costruzione tutto questo diventa forma, una forma che però può esprimere prestazioni e significati nuovi.

Occorre promuovere trasformazioni profonde nelle pratiche della progettazione architettonica e ingegneristica, in quelle della costruzione. Occorre concepire modi di abitare diversi e costruzioni ecologiche che li possano realizzare.

Servono architetture in grado di contrastare in maniera significativa l’emergenza ambientale, profondamente legate al contesto, consapevoli e rispettose dei valori di paesaggio. Opere che, in definitiva, rendano il cambiamento sostenibile sia dal punto di vista sociale, che economico, paesaggistico e ambientale.

Un consulto informale per progettisti
A questo fine il Ministero dell’ambiente, della tutela del territorio e del mare, in collaborazione e con l’assistenza tecnica dell’Associazione Mecenate 90, promuove un consulto informale tra ingegneri e architetti per l’ideazione di ECO_LUOGHI per l’abitare sostenibile nel paesaggio italiano.

Attraverso questo consulto il Ministero intende proporre in maniera concreta il tema della sostenibilità e della bellezza delle nuove costruzioni o, in altri termini, quello della necessità dell’innovazione tecnologica coniugata alla sensibilità contestuale per la valorizzazione del patrimonio paesaggistico e ambientale del Paese.

Si chiede dunque di progettare e realizzare un modello di casa ecologica monofamilare da 45 mq di superficie utile concepita per abitare un luogo particolare o generico del paesaggio italiano. La costruzione dovrà rispettare i parametri di sostenibilità in classe energetica A, ma dovrà anche esprimere specifici criteri di sensibilità paesaggistica relativi al contesto scelto dall’autore.

Il consulto informale è rivolto sia ai progettisti esperti che ai più giovani.
Cinque progettisti per categoria (senior e junior) saranno scelti da una giuria di 5 esperti di chiara fama nei campi dell’urbanistica, del paesaggismo, dei beni culturali, dell’ambiente, dell’architettura.

La giuria dei 5 esperti assegnerà il “Bollino di ECO_LUOGO”, come marchio del Ministero ambiente, della tutela del terriotorio e del mare, ai progettisti scelti e alle imprese che avranno realizzato il modello e rispettato i parametri ambientali e paesaggistici.

Leggi il regolamento ECO_LUOGO 2011 Case per un abitare sostenibile, Consulto informale per la progettazione di case ecologiche monofamiliari localizzate nel paesaggio italiano

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche