Progettazione BIM, a ottobre un corso base per sapere ciò che serve

Il BIM … questo sconosciuto. Nonostante se ne parli sempre più spesso, il Building Information Modeling rimane per molti progettisti un oggetto misterioso. Eppure è solo questione di tempo prima che il BIM diventi la tecnologia principe per la progettazione.

 

Il segnale lo ha dato la direttiva europea del 15 gennaio 2014, che impone ai Paesi membri di adottare il BIM negli appalti pubblici. Tale approccio è già realtà in molti Paesi del Nord Europa, come la Finlandia e il Regno Unito. Francia e Germania si stanno muovendo a passi veloci per introdurre il BIM nella filiera delle costruzioni.

 

Per l’Italia, in perenne ritardo, è solo questione di tempo. Ecco perché è importante non rimanere indietro, soprattutto sono chiamati ad assumere un ruolo chiave gli ingegneri e i progettisti che devono comprendere le basi e la logica che sottende al Building Information Modeling.

 

Come ha detto recentemente il prof. Aldo Norsa, tra i pionieri del BIM in Italia, i progettisti che “quelli che – poco poco – guardano fuori non possono non cogliere l’indispensabilità del BIM per poter operare in modo competitivo”.

 

In questo ambito si innesta la necessità di conoscere il BIM, le sue dinamiche e peculiarità. Per questo motivo Maggioli Editore ha organizzato per il prossimo 7 ottobre a Modena un corso base alla progettazione BIM.

 

Abbiamo chiesto all’arch. Massimo Stefani, relatore del seminario e BIM consultant per Harpaceas, quali sono le finalità dell’incontro.

 

“Il corso si propone di fornire ai partecipanti una conoscenza di base del Building Information Modelling (BIM)”, dice Stefani.

 

“A seguito della direttiva europea del 15 gennaio 2014 risulta importante conoscere il BIM e la sua applicazione e diffusione a livello nazionale ed internazionale”.

 

“In questo appuntamento si capirà cosa sia il BIM e la sua diffusione in ambito europeo e mondiale grazie ad esempi pratici. Si approfondiranno i criteri più adeguati per garantire una interoperabilità ottimale tra le varie piattaforme progettuali”, conclude Stefani.

 

Appuntamento dunque a Modena per il prossimo 7 ottobre presso la Sala Conferenze Giacomo Ulivi presso l’Istituto Storico Modena in Viale Ciro Menotti 137. La partecipazione al corso è in fase di accreditamento per il riconoscimento dei crediti formativi per gli Architetti e gli Ingegneri che parteciperanno.

 

A questo link è possibile consultare il programma completo del corso sulla progettazione BIM e iscriversi direttamente online.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico