Professione: gli Architetti potranno sostenere l’esame da Ingegnere

Professione: gli Architetti potranno sostenere l’esame da Ingegnere

Aggiornamento del 7 dicembre 2015: la rettifica e chiarimento del CNI

Gli Architetti laureati con il vecchio ordinamento dovrebbero essere ammessi a sostenere l’esame di Stato per l’abilitazione alla professione di ingegnere e conseguente iscrizione all’albo. A chiederlo ieri al Ministro dell’istruzione, Stefania Giannini, è stata una delegazione del Consiglio nazionale degli Ingegneri, guidata dal presidente Armando Zambrano, nell’ambito di un incontro sul tema della formazione e dell’accesso all’albo degli Ingegneri.

La proposta fa parte di un “pacchetto” di sette richieste che i vertici della professione hanno presentato al responsabile dell’Università, della Ricerca e dell’Istruzione che si è detto “molto disponibile ad affrontare tutte le problematiche sottoposte e le relative soluzioni suggerite”.

Anzi, c’è di più. Pare che i tempi per l’attuazione di tali misure, comprese quella che ammette anche gli Architetti del vecchio ordinamento alle prove per l’abilitazione alla professione di ingegnere, avranno dei tempi di realizzazione piuttosto brevi. “Si tratta di interventi”, spiega Zambrano, “che potranno trovare nel Ministero un importante sponsor”.

Velocemente si dovrebbe arrivare anche a una revisione delle lauree triennali che ha introdotto la suddivisione dell’albo nelle sezioni A e B e che da più di 15 anni continua a creare attriti e incomprensioni fra i laureati magistrali e quelli triennali per le rispettive competenze.

Ma quali sono le proposte che il CNI ha messo sulla scrivania del Ministro Giannini? Oltre alla questione dell’accesso degli Architetti all’esame di stato per Ingegneri, sono aperti i seguenti dossier:

– Riordino della disciplina in materia di formazione universitaria ed accesso all’Albo degli ingegneri.

– Introduzione di un tirocinio facoltativo per gli ingegneri della durata di 6 mesi.

– Promozione della stipula delle convenzioni fra Consigli nazionali e Università per la formazione continua.

– Intervento rispetto alla bad practice relativa ai docenti che svolgono il ruolo di commissari negli esami di Stato per l’abilitazione professionale.

– Intervento per accelerare la stipula della Convenzione Anvur-Quacing per il riconoscimento delle certificazioni della qualità degli accreditamenti Eur-Ace.

– Nomina dei “membri aggregati” (che intervengono nelle Commissioni per gli esami di Stato qualora manchino esperti nelle materia che formano oggetto delle singole prove), effettuata direttamente da parte degli Ordini provinciali degli Ingegneri.

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche