Prodotti da Costruzione. Conformità di legge e Stato dell’Arte al centro dell’Accordo CSLLPP e UNI

Elaborare un meccanismo che garantisca il periodico tempestivo aggiornamento dei riferimenti delle norme UNI in applicazione del decreto interministeriale riportante le Norme Tecniche per le Costruzioni. È questo uno degli elementi fondanti, ma non il solo, al centro dell’accordo di collaborazione firmato lo scorso ottobre tra Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (CSLLPP) e UNI.

 

L’accordo, si legge in una nota diffusa dall’UNI, “può essere determinante per l’elaborazione di nuove norme sempre più adatte alle esigenze del mercato, alla diffusione della loro conoscenza e alla concreta applicazione dalla fase di progettazione all’esecuzione”.

 

Utilizzare al meglio le sinergie tra norme tecniche e legislazione, cioè supportare tecnicamente i principi di legge è dunque l’obiettivo principale del documento, sottoscritto da Francesco Karrer, presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, e Piero Torretta, presidente UNI. Lo scopo ultimo è di semplificare il raggiungimento dello “stato dell’arte” e della “conformità di legge” di prodotti e processi da parte degli operatori.

 

Ma, come accennavamo, l’accordo contiene anche altre azioni.
È infatti previsto che l’UNI possa supportare il CSLLPP nelle attività di rappresentanza presso gli organismi tecnici dell’Unione europea preposti all’attuazione delle direttive e dei regolamenti comunitari riguardanti la qualità e la sicurezza dei materiali e dei prodotti per le costruzioni, oltre a mettere a disposizione il proprio Comitato Costruzioni (organismo UNI che svolge funzioni di indirizzo e di coordinamento delle strategie normative nazionali di settore) come ambito di confronto e di coordinamento con tutti gli attori della filiera.

 

Reciprocamente, ognuna delle organizzazioni parteciperà alle attività tecniche dell’altra (commissioni tecniche UNI, CEN e ISO; Assemblea generale, Sezioni, commissioni e gruppi di lavoro del CSLLPP) al fine di assicurare un coordinamento efficace delle attività di interesse di rispettiva competenza.

 

Fonte UNI


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico