Prestazione energetica degli edifici: in inchiesta pubblica la ST UNI fino al 22 ottobre

Prestazione energetica degli edifici: in inchiesta pubblica la ST UNI fino al 22 ottobre

Il progetto di Specifica Tecnica (ST) Uni sulle prestazioni energetiche degli edifici è in inchiesta pubblica fino al prossimo 22 ottobre 2013. Una volta approvato, il documento rappresenterà un supporto all’applicazione del d.P.R. 59/2009 e, verosimilmente, del dispositivo di legge che aggiornerà le metodologie di calcolo per la certificazione energetica preannunciata dal decreto legge 63/2013.

 

Il titolo completo della specifica è Prestazioni energetiche degli edifici – Assunzioni di base, condizioni al contorno, profili dei carichi per la corretta applicazione e per la validazione di metodi per il calcolo sia delle prestazioni energetiche in regime dinamico degli edifici, sia della definizione dei carichi termici di progetto estivi e invernali.

 

Particolarmente importante è il contributo dei professionisti e degli ingegneri alla definizione di criticità e margini di miglioramento della specifica tecnica che, ricordiamo, una volta approvata sarà la base con la quale verranno fornite:

– le assunzioni di partenza,

 

– le condizioni al contorno.

 

– i profili dei carichi per la corretta applicazione e per la validazione di metodi per il calcolo sia delle prestazioni energetiche in regime dinamico degli edifici, sia della definizione dei carichi termici di progetto estivi e invernali.

 

La specifica tecnica potrà essere utilizzata con codici (programmi) di calcolo nelle seguenti applicazioni:

– valutare il rispetto di regolamenti espressi in termini di obiettivi energetici;

 

– confrontare le prestazioni energetiche di varie alternative progettuali per un edificio in progetto;

 

– indicare un livello convenzionale di prestazione energetica degli edifici esistenti;

 

– stimare l’effetto di possibili misure di risparmio energetico su un edificio esistente, calcolando il fabbisogno di energia con e senza ciascuna misura;

 

– prevedere le esigenze future di risorse energetiche su scala nazionale o internazionale, calcolando i fabbisogni di energia di tipici edifici rappresentativi del parco edilizio;

 

– definire i carichi termici di progetto estivi e invernali.

 

Per partecipare all’inchiesta pubblica è necessario collegarsi al sito dell’UNI e inserire il codice E0201E560

 

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche