Partite IVA, gestione separata INPS al 25% per il 2016

Partite IVA, gestione separata INPS al 25% per il 2016

Il contributo per la gestione separata INPS delle partite IVA scenderà al 25% per il 2016. È quanto ha anticipato il consulente del premier Renzi in materia di fisco e previdenza, Maurizio Del Conte, nel suo intervento al Festival del PD a Bologna.

Ma non sarà per sempre. Sul tavolo del Governo, infatti, sono aperte due opzioni. Da un lato, come dichiarato da Del Conte, il contributo della gestione separata INPS si prevede un graduale aumento dall’attuale 27,72% al futuro 33%; dall’altro, ipotesi più probabile, il Governo pensa di congelare ancora per un anno l’entità del contributo a quello dello scorso anno o, appunto, diminuirlo al 25% per il solo 2016. Insomma, non si tratterebbe in ogni caso di una misura strutturale.

La misura sarebbe inserita nella prossima legge di stabilità.

Altra novità riguardante il popolo delle partite IVA in Italia (574.000 in totale) è relativa alla tassazione IRPEF. Il Governo punta a introdurre un regime forfettario dei minimi al 5% fino a un reddito di 25.000 euro per un periodo variabile dai 3 ai 5 anni per tutte le nuove partite IVA.

Al termine di questo primo periodo sono in discussione due opzioni. Da un lato un’aliquota del 15% (sempre per 3-5 anni) e poi il passaggio alla tassazione normale; dall’altro lasciare fissa l’aliquota del 15% per coloro che dichiarano meno di 25.000 euro di ricavi.

Nessuna novità in vista, invece, per il pagamento dell’IVA per cassa, ossia pagarla allo Stato solo quando si è realmente incassato l’importo fatturato dal cliente.

Una DDL per le partite IVA

Durante il suo intervento alla festa del Partito democratico, il professor Maurizio Del Conte ha anche parlato di un progetto di DDL per governare il lavoro autonomo e le partite IVA. In verità in Parlamento esistono già dei testi di partenza realizzati da Tiziano Treu e Cesare Damiano. In ogni caso è difficile prevedere che un disegno di legge di questo genere possa approdare alla discussione prima del 2016.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico