Parte dal Politecnico di Milano la mobilità sostenibile del futuro

Parte dal Politecnico di Milano la mobilità sostenibile del futuro

Sostenibilità ambientale, diminuzione di traffico e inquinamento nelle città, gestione condivisa di veicoli elettrici di proprietà di soggetti diversi e vantaggi economici per tutti, cittadini e amministrazioni pubbliche. Questi gli ambiziosi obiettivi di Green Move, il progetto di ricerca realizzato da Politecnico di Milano e Fondazione Politecnico, con il cofinanziamento di Regione Lombardia, che mira a migliorare la circolazione urbana attraverso la diffusione di veicoli elettrici – sia auto che moto – condivisi e compatibili. Lo studio di fattibilità, che in più di due anni di attività ha coinvolto dieci gruppi di ricerca coordinati dal Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria del Politecnico di Milano, è ora messo a disposizione degli stakeholder della mobilità per passare alla fase attuativa.

 

Ciò che il progetto si propone è un servizio flessibile in grado di rivolgersi a target diversi e di offrire soluzioni personalizzabili sulle esigenze dell’utenza. Green Move è stato pensato e progettato come un sistema distribuito, con un ente che si occupa del coordinamento, della gestione, della standardizzazione e della manutenzione, ma composto da veicoli e colonnine di ricarica appartenenti a soggetti diversi (Comune, società di noleggio, hotel, aziende, …) purché standardizzati nelle loro interfacce e compatibili con il protocollo di sistema, quindi completamente interoperabili: ad esempio ogni veicolo deve potersi agganciare a ciascuna stazione di rifornimento (docking-station).

 

In questo modo potrebbero essere messi al servizio della comunità un certo numero di veicoli (elettrici e non), per accedere ai quali basterà iscriversi alla piattaforma. Quando servirà un mezzo basterà identificare, attraverso uno smartphone che gestirà tutte le interazioni con il servizio, quello più vicino e accedervi attraverso un codice identificativo inviato via sms. Inoltre il conducente avrà a disposizione una serie di informazioni utili, come il livello di carica della batteria o lo stile di guida più adeguato da adottare. Una volta terminato l’utilizzo, l’utente metterà in carica il veicolo nel parcheggio più comodo tra quelli predisposti e pagherà solo per il chilometraggio o il tempo realmente consumato.

 

La condivisione dei veicoli secondo un modello aperto è proprio uno dei punti di forza di Green Move, che vuole facilitare e promuovere la diffusione di auto elettriche nel contesto urbano e abbattere l’inquinamento e la congestione da traffico, secondo i moderni canoni delle Smart City. Il progetto non è pensato per un ristretto insieme di veicoli nuovi realizzati ad hoc, ma permette a qualunque costruttore di integrare nel sistema i propri mezzi tramite l’installazione di un piccolo cruscotto elettronico (Green e-Box) e di un sistema standard di “docking” alle stazioni di deposito.

 

Il progetto è già stato sperimentato con successo in due condomini di Milano: per alcuni mesi sono stati messi a disposizione degli inquilini quattro veicoli elettrici per testare il grado e le modalità di utilizzo di un possibile servizio collettivo di vicinato, che risulta particolarmente promettente per limitare i veicoli inquinanti in circolazione. II test – pur nella sua dimensione limitata – ha dato risultati incoraggianti.

 

Green Move introduce elementi di innovazione sociale, con l’accettazione di nuovi modelli e stili di vita: l’ottica muta, da possedere un bene a fruire di un servizio. Serve quindi una presa di coscienza degli utenti riguardo agli impatti delle scelte personali sul contesto collettivo, oltre a un ruolo propulsore del soggetto pubblico nell’orientare queste scelte.

 

“Green Move è un progetto a cui il Politecnico di Milano tiene molto – ha sottolineato Giovanni Azzone, Rettore del Politecnico di Milano – in particolare per due motivi: ha un carattere fortemente interdisciplinare e quindi molto politecnico e dimostra inoltre che una buona idea nata all’Università può essere applicata nella pratica quotidiana e contribuire effettivamente a migliorare il luogo in cui viviamo”.

 

“Siamo molto orgogliosi di poter presentare un progetto concreto e sperimentato sul car sharing elettrico, che ha tra i suoi obiettivi la sostenibilità ambientale e la lotta all’inquinamento – ha dichiarato Giampio Bracchi, Presidente della Fondazione Politecnico di Milano -. Green Move è la dimostrazione che la collaborazione tra la Regione Lombardia e il sistema Politecnico può portare alla realizzazione di progetti innovativi e in grado di dare risposte efficaci alle esigenze emergenti del territorio, tramite l’impiego congiunto delle tecnologie sviluppate dall’Ateneo”.

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche