Nuovo Stadio della AS Roma: ingegneri della Capitale e ACI per la mobilità

Nuovo Stadio della AS Roma: ingegneri della Capitale e ACI per la mobilità

Prosegue il lavoro per costruire il nuovo stadio della squadra di calcio AS Roma e, nel frattempo, inizia il lavoro di analisi dei servizi e delle infrastrutture che dovranno accompagnare il progetto per renderlo fruibile al 100%.

 

Tra i problemi da affrontare c’è quello della mobilità attorno all’area in cui sorgerà lo stadio, considerando che la struttura è destinata ad ospitare 60.000 spettatori che arriveranno con 30.000 mezzi privati e 60 pullman. E qui nascono i problemi: solo un terzo dei tifosi, infatti, si dice disposto a usare il trasporto pubblico locale per recarsi al nuovo stadio.

 

Per discutere della situazione si è tenuto ieri un convegno , organizzato dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma e dall’Associazione Italiana Ingegneria del Traffico e dei Trasporti, in collaborazione con l‘ACI: Il nuovo stadio della A.S. Roma: accessibilità e impatto sulla mobilità della Capitale.

 

“L’obiettivo comune è quello di convincere 1 spettatore su 2 a scegliere il mezzo pubblico, soprattutto le linee ferroviarie, per arrivare allo stadio – ha dichiarato Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club d’Italia– e per questo ACI propone il potenziamento della linea Roma-Lido, riqualificandola come metropolitana in prolungamento dell’attuale linea B”.

 

“È necessario utilizzare una metodologia che porti a una pianificazione integrata tra mobilità e urbanistica – ha sottolineato Carla Cappiello, presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Roma – in grado di esprimere capacità progettuale a favore dei servizi per la cittadinanza, non soltanto in occasione degli eventi sportivi”.

 

Ricordiamo che il nuovo stadio della Roma sorgerà a Tor di Valle. Nel settembre dello scorso anno è stato dato l’OK da parte di Roma Capitale alla delibera che fornisce la lista delle opere infrastrutturali che saranno eseguite dalla cordata di imprenditori e sponsor a capo della quale figura James Pallotta, il patron della squadra di calcio della Capitale. La fine dei lavori è prevista per l’autunno del 2017.

 

In particolare l’area di Tor di Valle è una buona soluzione perché già ben servita da infrastrutture ferroviarie e stradali, che con miglioramenti oculati possono supportare efficacemente la domanda di mobilità dei tifosi.

La creazione di un sistema di servizi di intrattenimento complementari agli appuntamenti sportivi produrrà benefici economici e sociali per il territorio, permettendo anche un più ordinato deflusso degli spettatori e maggiori standard di sicurezza.

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche