Nuovo sistema di propulsione Hyperloop One: il treno del futuro?

Nuovo sistema di propulsione Hyperloop One

Primi passi verso la nuova frontiera dei trasporti: un treno che viaggia in un tubo a bassissima pressione grazie alla levitazione magnetica ad una velocità di circa 1.100 chilometri all’ora. Un meccanismo di trasporto che consente di muoversi da San Francisco a Los Angeles nel raggio temporale di appena mezz’ora.

Il primo test è andato a buon fine, ora la rivoluzione del trasporto a terra è pronta a concretizzarsi, grazie all’idea (e soprattutto alle risorse) del magnate Elon Musk, di un sistema di trasporto ultraveloce a terra che toccherà la velocità del suono.

Nel deserto che circonda la metropoli di Las Vegas, Nevada, la Hyperloop One (che in occasione dell’evento ha cambiato nome, prima si chiamava Hyperloop technologies) ha testato, sul percorso appositamente edificato, il motore elettromagnetico. Si è trattato del primo test pubblico outdoor: il motore lineare (sistema a propulsione) ha spinto la slitta fino alla velocità di circa 180 chilometri all’ora in un paio di secondi. Il mezzo ha poi terminato la sua corsa in un banco di sabbia perché non è stato messo ancora a punto un sistema di freni adatto. Un primo test di successo al quale, assicurano da Hyperloop One, ne seguiranno altri nei prossimi mesi. Alcune dinamiche, come il fatto che la pista fosse corta e che ci fosse comunque il fattore di resistenza dell’aria, hanno inciso sul test in sé.

Leggi anche l’articolo Treno a levitazione magnetica: raggiunti i 603 km/h in Giappone.

Sono molti quelli che si chiedono quindi come questo primo, sintetico tentativo possa rappresentare qualcosa di importante per il prossimo futuro. L’obiettivo è quello di poter assistere a una dimostrazione del modello completo entro la fine del 2016: l’idea, lanciata dal patron di Tesla e SpaceX nel 2013, si sta concretizzando in particolare grazie a due compagnie californiane.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico