Mobilità sostenibile elettrica, I MOVING: una partnership italiana per lo sviluppo

Si chiama I MOVING ed è una nuova partnership tra due aziende italiane (delle Marche), nata con l’obiettivo di sviluppare la mobilità sostenibile per rivoluzionare il segmento dei veicoli commerciali ad impatto zero.

 

I “genitori” di I MOVING sono Energy Resources, cui dedicammo una e-zine monografica che invitiamo a scaricare gratuitamente, e FAAM.

 

Obiettivo prioritario: valorizzare l’apprezzata gamma elettrica proposta attualmente dalla EVF Spa (FAAM Group) – emblema del settore Ricerca e Sviluppo del gruppo industriale fermano – sul mercato da oltre 23 anni.

 

In questa joint-venture, Energy Resources conferirà il know-how maturato su pensiline fotovoltaiche e colonnine di ricarica per la mobilità sostenibile elettrica, la cui integrazione è costantemente ottimizzata dal segmento aziendale denominato Green Mobility, che vanta fra clienti e partner commerciali il gruppo Ikea di Ancona, il Circuito del Mugello, Tesla Motors e l’isola caraibica di Guadalupa, dove sono state recentemente installate 40 colonnine di ricarica elettrica.

 

I MOVING ha in cantiere anche il restyling estetico di alcuni dei veicoli già prodotti e la progettazione di un nuovo modello di veicolo full-electric. Allo studio, inoltre, innovativi sistemi di sostituzione delle batterie ed un kit rapido di trasformazione per veicoli endotermici con sistema plug&go.

 

La nuova società si rivolgerà prioritariamente ad artigiani e commercianti, imprese di trasporto pubbliche e private, liberi professionisti, enti locali ed istituzioni regionali e nazionali, con le quali si potranno siglare partnership specifiche, ed a tutti coloro che intendono rinnovare le proprie flotte aziendali o costituirle ex novo all’insegna della mobilità sostenibile elettrica.

 

“L’intesa raggiunta con la FAAM per la costituzione di I MOVING  – spiega il presidente di Energy Resources, Enrico Cappanera – è un ulteriore tassello a supporto delle nuove strategie di sviluppo industriale messe in campo da Energy Resources. Per consolidare la presenza in Italia e soprattutto all’estero. Non stiamo facendo altro che anticipare ciò che accadrà fra pochi mesi. Eni ed Enel, tanto per dare l’idea della strada intrapresa anche nel nostro Paese, hanno sottoscritto un accordo per installare 5.000 colonnine di ricarica elettrica in stazioni di rifornimento tradizionali”.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico