Meno 5 giorni al BIM Summit 2015 e al Manuale tecnico sul BIM

Mancano 5 giorni al BIM Summit 2015, l’evento nazionale più importante per gli operatori dell’AEC sul tema del Building Information Modeling che si terrà martedì 3 marzo presso il Politecnico di Milano (Campus Leonardo).

 

Durante il convegno saranno presentati esempi di utilizzo sia in campo nazionale che in campo internazionale del BIM e verrà analizzato lo stato dell’arte di questa metodologia nel nostro Paese da parte del prof. Stefano Della Torre, presidente di BuildingSmart Italia e direttore del Dipartimento ABC presso il Politecnico di Milano.

 

Tra gli interventi della mattinata, segnaliamo in particolare, quello dell’ing. Baratono (Provveditore Interregionale alle OO.PP. di Lombardia ed Emilia Romagna) che illustrerà i vantaggi dell’uso del BIM negli appalti pubblici (leggi in proposito anche l’articolo pubblicato sul tema su queste pagine).

 

Nel pomeriggio, l’ing. Paolo Odorizzi (direttore tecnico Harpaceas) parlerà degli strumenti di modellazione 3D nell’approccio OpenBIM, mentre Ennio Picco di Cimolai presenterà un esempio pratico di approccio al Building Information Modeling nel ciclo di progettazione, fabbricazione e montaggio di una struttura in acciaio: il Chernobil New Safe Confinement.

 

Consulta il programma completo del BIM Summit 2015.

 

Ma le novità non finiscono qui. Tutti i partecipanti al convegno avranno la possibilità di preordinare il volume Il Building Information Modeling: Valore, Gestione e Soluzioni Operative di Mario Caputi, Paolo Odorizzi e Massimo Stefani, edito da Maggioli Editore.

 

Il manuale, che sarà disponibile pochi giorni dopo il convegno, offrire una panoramica ampia del BIM e delle sue potenzialità utilizzando termini comprensibili e comuni a quanti si occupano di progettazione e gestione nel mondo delle costruzioni e del Facility Management.

 

Acronimi come LOD, 4D, 5D, WBS e molti altri ancora, vengono spiegati e illustrati con esempi pratici. Anche quando si va ad affrontare l’importanza che riveste il BIM nelle varie discipline progettuali ci troviamo in presenza di esempi, progetti reali realizzati da professionisti italiani che ci fanno capire come il BIM abbia permesso loro di semplificare le procedure e ottimizzarle e cosa significhi essere un BIM specialist o un BIM manager.

 

Si parla anche di software di authoring, di model checking e di flussi di lavoro, calando e applicando il BIM alla progettazione integrata, dalla fase di appalto fino al cantiere, dalla gestione del costruito alla manutenzione dello stesso. 


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico