Ma gli Italiani che pensano delle Rinnovabili? I risultati della ricerca ISPO

Gli italiani hanno piena consapevolezza del potenziale di efficienza delle fonti rinnovabili e ripongono la massima fiducia nei loro confronti per un futuro più green, anche se restano piuttosto critici su quello che è stato finora l’impegno dell’Italia rispetto a questo tipo di investimento.

 

Questi, tra gli altri, i dati che emergono dalla presentazione dell’indagine sulla popolazione italiana commissionata da Confindustria ANIE/GIFI all’istituto demoscopico ISPO, in occasione dell’Assemblea annuale di ANIE/GIFI.

 

In particolare, gli intervistati si sono mostrati interessati alla possibilità offerta dalle rinnovabili di attivarsi in prima persona nella produzione di energia. Tuttavia gli italiani non sono del tutto consapevoli del contributo che danno a sostegno delle rinnovabili tramite la quota inserita all’interno della bolletta elettrica.

 

Energia solare al centro
Oltre l’80% degli intervistati ritiene che l’energia solare sia la fonte rinnovabile più pulita sulla quale puntare. Il 94% afferma che non è sicuramente dannosa per la salute, mentre per il 92% questa fonte è rispettosa dell’ambiente e non deturpa il paesaggio (81% degli intervistati).

 

Rinnovabili e percezione degli italiani
L’indagine mostra come l’89% degli italiani consideri l’energia proveniente da fonti rinnovabili un segno di evoluzione del Paese, così come l’88% ritiene che tali fonti siano, insieme ad altre, importanti strumenti di aiuto all’Italia per abbandonare le fonti fossili.

 

Giudizi positivi dunque, ma resta forte un certo scetticismo riguardo la percezione di quanto l’Italia abbia finora investito in energie rinnovabili: secondo il 66% della popolazione infatti, il Belpaese ha investito meno di altri, mentre il 19% crede che l’impegno italiano sia stato equivalente a quello degli altri. L’Italia, secondo i suoi cittadini, non ha ancora fatto abbastanza nel suo percorso verso l’energia rinnovabile, alla quale il 79% riconosce un’efficienza almeno pari a quella delle fonti di energia tradizionale.

 

Significativo il risultato che emerge dall’indagine sulla possibilità di autoproduzione di energia.

 

Una percentuale senza dubbio rilevante degli italiani (87%) considera interessante il fatto che alcune fonti rinnovabili possano permettere ai singoli cittadini di produrre in prima persona l’energia, divenendo così quasi del tutto autosufficienti. Sembrerebbe prospettarsi dunque un futuro di sempre maggiore autonomia energetica.

 

Costi e benefici dell’investimento in rinnovabili: presente e futuro
Dal giudizio degli italiani sul rapporto costo – benefici degli investimenti finora fatti nel settore un terzo degli italiani (32%), ritiene che i benefici ottenuti fino a questo momento siano inferiori ai costi sostenuti, mentre una medesima percentuale considera la bilancia costi-benefici neutra, con valori che si pareggiano. Nonostante le criticità attuali, gli italiani hanno comunque fiducia.

 

Parlando del futuro del settore nei prossimi 10 anni, la percentuale di popolazione che prevede benefici maggiori dei costi cresce dal 25% del giudizio sulla situazione attuale al 53% della previsione futura (+18%), con una diminuzione notevole di coloro che pensano che attualmente i costi siano superiori ai benefici ottenuti da tali investimenti (da 32% a 13%, con una caduta del 19%).

 

In particolare, parliamo di una fiducia accordata principalmente dagli intervistati con livello d’istruzione più alto (63% dei laureati contro il 38% di coloro che possiedono la licenza elementare).

 

Rinnovabili e bolletta elettrica
Nonostante le diverse discussioni sui media degli ultimi periodi, la maggioranza degli italiani (61%) dichiara di non essere a conoscenza del fatto che tutti i cittadini contribuiscano in prima persona al finanziamento delle energie rinnovabili attraverso una quota in bolletta, mentre il 25% dichiara di sapere della quota senza essere in grado di quantificarne la cifra.

 

La scarsa conoscenza non riflette però un atteggiamento diffidente e scettico nei confronti di questo contributo e, più in generale, delle fonti alternative. In particolare, gli italiani si dimostrano:

– 48% SOSTENITORI FIDUCIOSI: coloro che ritengono che sia giusto sostenere le rinnovabili anche attraverso la bolletta e ritengono che l’investimento in energia pulita sia proficuo per le politiche energetiche del paese;

– 35% SOSTENITORI INCONDIZIONATI: coloro che ritengono che sia giusto sostenere le rinnovabili anche nella bolletta a prescindere dall’esito in termini di costi/benefici che tale investimento potrà dare in futuro al paese;

– 17% SCETTICI: contrari al sostegno delle rinnovabili all’interno della bolletta elettrica.

 

In linea con questo atteggiamento positivo, il 79% degli italiani si è dichiarato d’accordo sul fatto che, potendo scegliere, preferirebbe che si riducesse la quota in bolletta destinata alle fonti di energia tradizionale (gas, petrolio, carbone) e aumentasse quella destinata alle rinnovabili, così come il 74% dei cittadini considera importante che l’Italia continui a sostenere le fonti alternative di energia anche grazie al contributo dei singoli.

 

La conoscenza delle fonti rinnovabili
Tra le fonti alternative di produzione di energia la più conosciuta è il solare (78% degli intervistati, più 20% di conoscitori vaghi), seguita da vicino dall’eolico (73%) e, con maggior distacco, dalle fonti idroelettriche (45%) e geotermiche (28%).

 


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico