Linee guida ponti e viadotti approvate con Decreto MIT. Criteri uguali per tutti

Linee guida ponti e viadotti approvate con Decreto MIT. Criteri uguali per tutti

Il MIT annuncia l’approvazione delle linee guida ponti e viadotti, attraverso un comunicato che riporta le parole della Ministra De Micheli: “per la prima volta criteri uguali per tutti nel nostro Paese”.

L’aspetto unitario e l’assenza di discrezionalità vengono rimarcati nel comunicato dove, le linee guida ponti e viadotti, vengono inquadrate come un vero e proprio vademecum per il controllo delle condizioni strutturali di ponti e viadotti, cavalcavia e opere similari, esistenti lungo strade statali o autostrade gestite da Anas o dai concessionari autostradali”.

Ricordiamo che l’approvazione delle linee guida da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, avvenuta ad aprile 2020, segna un importante cambiamento e delinea la strada verso il miglioramento del patrimonio infrastrutturale italiano. Un documento di supporto per i progettisti, dirigenti e tecnici degli Uffici Tecnici degli enti locali, nato per aumentare la conoscenza, la consapevolezza e guidare nelle scelte di intervento sui ponti esistenti.

Prevista una prima fase sperimentale per un periodo non superiore ai 24 mesi che sarà eseguita dal centro di competenza del Dipartimento della Protezione Civile, il Consorzio interuniversitario ReLUIS sotto la supervisione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.

ReLUIS è la Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica (ReLUIS), nata nell’aprile 2003. Si tratta di un Consorzio interuniversitario che ha lo scopo di coordinare l’attività dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica e Strutturale e che fornisce supporti scientifici, organizzativi, tecnici e finanziari alle Università consorziate.

Il Consorzio ReLUIS è anche interlocutore scientifico dei vari Organi del Governo Nazionale, delle Regioni, Province, Comuni e di Istituti pubblici e privati al fine di conseguire concreti obiettivi in ordine alla valutazione e alla riduzione della vulnerabilità e del rischio sismico, ed è tra i maggiori Centri di Competenza del Dipartimento della Protezione Civile. Il Consorzio ha sede in Napoli, presso il Dipartimento di Strutture per l’Ingegneria e l’Architettura dell’università Federico II, e non ha fini di lucro.

LEGGI ANCHE: Legge di bilancio 2021. Le misure MIT per trasporti e politiche abitative

Linee guida ponti e viadotti approvate: provvedimento senza precedenti

De Micheli definisce il provvedimento “senza precedenti in Italia” e ringrazia il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici per il lavoro svolto con grande attenzione e professionalità.

Le nuove linee guida definiscono in maniera unitaria e senza discrezionalità le modalità di realizzazione, attuazione, e gestione di un sistema di monitoraggio delle infrastrutture stradali di competenza di Anas o dei concessionari autostradali pubblici.

Il documento considera un nuovo approccio generale multilivello che partendo dal semplice censimento delle opere d’arte da analizzare arriva fino alla determinazione di una classe di attenzione sulla base della quale si perverrà, nei casi previsti dalla metodologia stessa, alla verifica di sicurezza.

La metodologia d’approccio, descritta dalle linee guida, si compone di 5 livelli:

  • Livello 0 – censimento
  • Livello 1 – ispezioni visive dirette e primo rilievo della struttura e delle caratteristiche geo-morfologiche, idrologiche ed idrauliche dell’area
  • Livello 2 – consente di giungere alla classe di attenzione (rischio potenziale su parametri di pericolosità, vulnerabilità ed esposizione)
  • Livello 3 – esecuzione di valutazioni preliminari
  • Livello 4 – esecuzione di valutazioni accurate (Norme Tecniche per le Costruzioni)
  • Livello 5 – non trattato esplicitamente nelle Linee Guida perché da applicarsi ai ponti considerati di rilevanza strategica ai fini di garantire i collegamenti essenziali nell’ambito della rete stradale.

Dal Livello 0 al Livello 5, crescono complessità, grado di dettaglio, onerosità delle indagini, mentre decrescono sia il numero di infrastrutture su cui applicarle, che il livello di incertezza dei risultati ottenuti.

Gli approfondimenti sulle linee guida ponti esistenti

Per approfondire i singoli livelli leggi tutti gli approfondimenti a cura dell’ing. Alessandro Grazzini.

Scarica i pdf delle linee guida ponti e viadotti

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche