Lavori in quota. Quale formazione è obbligatorio eseguire?

Lavori in quota. Quale formazione è obbligatorio eseguire?

La caduta dall’alto rappresenta indubbiamente una delle principali cause d’infortunio sul lavoro e collegata ai lavori in quota, è certamente riscontrabile in tutte le attività industriali, ma diviene rischio “principe” quando si affronta il settore delle costruzioni e dell’ingegneria civile.

È per queste ragioni che il legislatore per la sicurezza sui luoghi di lavoro, a partire dal 2003, con l’emanazione del d.lgs. n. 235/2003 che andava ad integrare il noto d.lgs. n. 626/94, ha introdotto l’obbligo di formazione per tutti gli operatori, anche e soprattutto, del macrosettore edile e impiantistico impegnati in attività che espongono al rischio di cadute dall’alto.

Con l’emanazione del Testo Unico per la sicurezza sul lavoro, d.lgs. n. 81/2008, l’obbligo formativo degli addetti ai lavori in quota ha trovato conferma attraverso l’art. 112, per quanto concerne l’impiego di sistemi di accesso e di posizionamento mediante funi e attraverso l’art. 136 per quanto concerne l’impiego di ponteggi fissi e mobili.

Più in generale, comunque, il datore di lavoro, per effetto dei contenuti agli artt. 36 e 37, è obbligato a fornire adeguata formazione, informazione e addestramento rispetto ai rischi specifici cui è esposto il lavoratore in relazione all’attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni aziendali in materia, e ai rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell’azienda.

Appare ovvio, attraverso la lettura di questi precetti, che la formazione riferita ad un rischio specifico così importante e dai potenziali effetti letali qual è quello della caduta dall’alto debba essere regolamentata in maniera puntuale e debba garantire l’apprendimento, non solo del concetto dello specifico pericolo, ma anche di una sviluppata capacità tecnica ed organizzativa.

A questi provvedimenti di legge, si sono aggiunti i successivi Accordi della Conferenza tra lo Stato, le regioni e le provincie autonome di Trento e Bolzano, che hanno fornito indicazioni relative alla formazione specifica per l’utilizzo anche di macchine ed attrezzature che espongono il lavoratore al rischio di caduta dall’alto quali le PLE – Piattaforme di lavoro elevabili:

  • accordo del 21 dicembre 2011 – Formazione dei lavoratori ai sensi art. 37 del d.lgs. n. 81/2008;
  • accordo del 21 dicembre 2011 – Formazione dei datori di lavoro che intendono svolgere il ruolo di Responsabile del servizio prevenzione e protezione ai sensi dell’art. 34 del d.lgs. n. 81/2008;
  • accordo del 22 febbraio 2012 – Formazione dei lavoratori addetti all’utilizzo di attrezzature;
  • accordo del 7 luglio 2016 – Nuova disciplina della formazione per Responsabili ed Addetti dei Servizi di Prevenzione e Protezione, previsti dall’art. 32, comma 2, del d.lgs. n. 81/2008.
Potrebbe interessarti: Aggiornamento Testo Unico Sicurezza. Nel 2018 aumentano incidenti e morti sul lavoro

Lavori in quota ed impiego di funi. Quali sono le finalità formative?

La formazione prevista all’art.116 (Obblighi dei datori di lavoro concernenti l’impiego di sistemi di accesso e di posizionamento mediante funi) si sviluppa attraverso un percorso di carattere teorico-pratico finalizzato all’apprendimento di tecniche operative adeguate ad eseguire, in condizioni di sicurezza, le attività che richiedono l’impiego di sistemi di accesso e posizionamento mediante funi e che, in generale, riguardano:

  • l’apprendimento di tecniche operative correlate ai lavori in quota e dell’uso dei dispositivi necessari;
  • l’addestramento specifico sia su strutture naturali (quali pendii e pareti rocciose o alberi), sia su manufatti;
  • l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, loro caratteristiche tecniche, manutenzione, durata e conservazione;
  • gli elementi di primo soccorso;
  • i rischi oggettivi e le misure di prevenzione e protezione;
  • le procedure di salvataggio, in caso d’emergenza.
Leggi anche: Bando ISI 2018, 370 milioni di euro per la sicurezza. Come inviare le domande?

Come è strutturato il percorso formativo?

Il percorso formativo, circa l’impiego di sistemi mediante funi, è strutturato in moduli:

Modulo base (comune ai due differenti percorsi formativi) propedeutico alla frequenza ai successivi moduli specifici e che da solo non abilita all’esecuzione dell’attività lavorativa. I partecipanti devono conseguire l’idoneità alla prosecuzione del corso, mediante test di accertamento delle conoscenze acquisite.

Nel caso di mancata idoneità è possibile attivare azioni individuali di recupero. Tale modulo, della durata complessiva di 12 ore, prevede i seguenti argomenti:

-normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento ai cantieri edili ed ai lavori in quota;

-analisi e valutazione dei rischi più ricorrenti nei lavori in quota (rischi ambientali, di caduta dall’alto e sospensione, da uso di attrezzature e sostanze particolari, ecc.);

-DPI specifici per lavori su funi: a) imbracature e caschi – b) funi, cordini, fettucce, assorbitori di energia – c) connettori, freni, bloccanti, carrucole riferiti ad accesso, posizionamento e sospensione. Loro idoneità e compatibilità con attrezzature e sostanze; manutenzione (verifica giornaliera e periodica, pulizia e stoccaggio, responsabilità);

-classificazione normativa e tecniche di realizzazione degli ancoraggi e dei frazionamenti;

-illustrazione delle più frequenti tipologie di lavoro con funi, suddivisione in funzione delle modalità di accesso e di uscita dalla zona di lavoro;

-tecniche e procedure operative con accesso dall’alto, di calata o discesa su funi e tecniche di accesso dal basso (fattore di caduta);

-rischi e modalità di protezione delle funi (spigoli, nodi, usura);

-organizzazione del lavoro in squadra, compiti degli operatori e modalità di comunicazione;

-elementi di primo soccorso e procedure operative di salvataggio.

Moduli specifici differenziati per contenuti e che forniscono le conoscenze tecniche per operare nei particolari settori lavorativi.

Questi moduli, della durata di 20 ore, si differenziano a seconda che la formazione serva per l’accesso e il lavoro in sospensione in siti naturali o artificiali (modulo A) o per l’accesso e l’attività lavorativa su alberi (modulo B).

Modulo A – Il programma formativo prevede:

-movimento su linee di accesso fisse (superamento dei frazionamenti, salita in sicurezza di scale fisse, tralicci e lungo funi);

-applicazione di tecniche di posizionamento dell’operatore;

-accesso in sicurezza ai luoghi di realizzazione degli ancoraggi;

-realizzazione di ancoraggi e frazionamenti su strutture artificiali o su elementi naturali (statici, dinamici, ecc.);

-esecuzione di calate (operatore sospeso al termine della fune) e discese (operatore in movimento sulla fune già distesa o portata al seguito), anche con frazionamenti;

-esecuzione di tecniche operative con accesso e uscita situati in alto rispetto alla postazione di lavoro (tecniche di risalita e recupero con paranchi o altre attrezzature specifiche);

-esecuzione di tecniche operative con accesso e uscita situati in basso rispetto alla postazione di lavoro (posizionamento delle funi, frazionamenti, ecc.);

-applicazione di tecniche di sollevamento, posizionamento e calata dei materiali;

-applicazione di tecniche di evacuazione e salvataggio.

Modulo B – il programma formativo prevede:

-utilizzo delle funi e degli altri sistemi di accesso. Salita e discesa in sicurezza;

-realizzazione degli ancoraggi e di eventuali frazionamenti;

-movimento all’interno della chioma;

-posizionamento in chioma;

-simulazione di svolgimento di attività lavorativa con sollevamento dell’attrezzatura di lavoro e applicazione di tecniche di calata del materiale di risulta.

-applicazione di tecniche di evacuazione e salvataggio. Il corso prevede il superamento di una serie di prove d’apprendimento e un aggiornamento ogni cinque anni. L’aggiornamento ha durata minima di 8 ore di cui almeno 4 di contenuti tecnico pratici.

Il testo è tratto dal volume:

Lavori in quota e cadute dall’alto

Lavori in quota e cadute dall’alto

Danilo G.M. De Filippo, Alessio Cencioni, 2018, Maggioli Editore
La caduta dall’alto rappresenta indubbiamente una delle principali cause d’infortunio sul lavoro. Collegata alle cosiddette lavorazioni in quota, è certamente riscontrabile in tutte le attività industriali, ma diviene rischio “principe” quando si affronta il...

26.00 € 23.40 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche