L’Industria dei laterizi incontra professionisti e comunità scientifica all’Eucentre e all’Anidis

La mattina del prossimo 18 giugno a Pavia si terrà la Sessione del corso gratuito Soluzioni tecniche innovative: le aziende parlano ai professionisti, organizzato dalla Fondazione Eucentre, riservata alle Strutture in Muratura, che prevede il coinvolgimento di ANDIL e di alcuni produttori di laterizio, in qualità di enti sostenitori di Eucentre. Nello specifico, le relazioni in programma sono interamente dedicate alle tecnologie costruttive in laterizio:

 

Progettare e costruire in laterizio: i moderni sistemi di muratura

 

– Murature portanti ad alte prestazioni

 

– Progettare in zona sismica con la muratura armata

 

– Ricerca e innovazione per la sicurezza sismica degli edifici: le soluzioni in laterizio e il software ANDILWall

 

Quest’ultimo intervento illustrerà le nuove potenzialità e funzioni dell’ultimissima release 3 del programma di calcolo strutturale per gli edifici in muratura ordinaria, armata o mista, che esegue verifiche sismiche (pushover) e ai carichi verticali e vento. La versione completa dimostrativa (gratuita per 30gg) del software è disponibile sul sito www.andilwall.it  

 

Un altro appuntamento di rilievo con la sicurezza delle costruzioni e l’ingegneria sismica, a cui il settore dei laterizi non mancherà, è il XV Convegno ANIDIS (Padova, dal 31/6 al 4/7), dove l’ANDIL parteciperà con un corner espositivo nella hall della sede congressuale e presenterà un proprio contributo tecnico inerente la sessione SS-06 L’approccio operativo al danno da eventi sismici: profili tecnici, economici e giuridici – Sisma in Emilia: la ricognizione post-sisma di edifici moderni in laterizio. La memoria, ad un anno dall’importante sequenza sismica della Pianura padano-emiliana iniziata il 20 maggio del 2012 e che ha danneggiato oltre 30 mila unità abitative, analizza la reale risposta sismica di edifici in laterizio, realizzati negli ultimi dieci anni nel cratere, che hanno resistito indenni alle scosse più intense.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico