Internet of things: il 5G è la tecnologia delle auto del futuro

Internet of things: il 5G è la tecnologia delle auto del futuro

La nuova frontiera dello sviluppo dei veicoli automobilistici è il 5G: ad affermarlo è una nuovissima analisi Frost & Sullivan, intitolata “The Global Advent of 5G in Cars”. Già a partire da questi anni, affermano i vertici della Growth Partnership Company che da più di 50 anni sviluppa strategie di crescita per le aziende più importanti a livello globale, il mondo assisterà all’affermazione del 5G come fusione di tecnologie preesistenti, tra cui 2G, 3G, 4G e Wi-Fi, per consentire una maggiore copertura, disponibilità e densità di rete.

5G, la chiave dello sviluppo

Ma come si configura la chiave di volta dello sviluppo dell’auto del futuro? Grazie al suo principale fattore di differenziazione, ossia la maggiore connettività, il 5G incarnerà senza dubbio alcuno l’elemento chiave per lo sviluppo dei veicoli autonomi, dei servizi machine-to-machine e machine-to-infrastrutture e di Internet of things. Si diffonderà anche nell’ambito degli aggiornamenti over-the-air (OTA) poiché l’automazione di livello 3 o 4 richiede l’elaborazione di un’enorme quantità di dati in tempo reale. Attraverso il 5G, l’ambito degli aggiornamenti OTA sarà in grado di migliorare l’esperienza dei clienti e di risparmiare in maniera cospicua sulle spese di richiamo.

Giappone e Corea del Sud davanti a tutti

L’analisi di Frost & Sullivan scruta il futuro e non ha dubbi nell’affermare che saranno i paesi asiatici (primi fra tutti Corea del Sud e Giappone) a laurearsi leader di mercato nella commercializzazione del 5G, superando la concorrenza nordamericana ed europea. I due paesi orientali sono infatti già predisposti da un punto di vista tecnologico all’avvento della rivoluzione 5G: grazie infatti alla diffusione delle connessioni LTE (Long-Term Evolution), le infrastrutture disponibili possono facilmente supportare il 5G.

Applicazioni per veicoli

Se da un lato si prevede che le auto altamente automatizzate saranno commercializzate soltanto entro il 2020, il 5G sarà la forza trainante delle applicazioni per veicoli che coinvolgono l’apprendimento automatico, i sistemi di frenata e di sterzo, l’integrazione ECU, i sistemi GPS ad alta precisione, e la fusione dei sensori. Il 5G permetterà anche un virtuoso sviluppo dei dispositivi indossabili, come occhiali e orologi intelligenti, e contribuirà a rendere la realtà aumentata e la realtà virtuale caratteristiche comuni nelle automobili. Insomma, l’Internet of things è davvero alle porte, non resta che proseguire nel processo di sviluppo delle tecnologie in grado di supportarlo.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico