Innovation Fund CO2: ecco il Primo bando CE per i progetti a basse emissioni

Innovation Fund CO2: ecco il Primo bando CE per i progetti a basse emissioni

Innovation fund CO2

Il Fondo in questione, il cui budget per il periodo 2020-2030 ammonta a circa 10 miliardi di euro finanziati con i crediti ETS, fa seguito all’ex Programma NER300 e ne amplia l’aspetto green, con l’obiettivo di adottare soluzioni per la decarbonizzazione.

Il bando Innovation Fund CO2 è stato pubblicato il 3 luglio 2020 dalla Commissione Europea ed è il primo a sostegno dell’avvio di progetti su larga scala in tecnologie e processi a basse emissioni di CO2. È a disposizione 1 miliardo di Euro.

Come indicato dal MISE, i progetti possono ricevere un sostegno fino al 60% del capitale e dei costi operativi legati all’innovazione, con la possibilità di erogare fino al 40% nella fase di preparazione e studio.

Tra i destinatari del bando, ci sono: privati, enti pubblici e organizzazioni internazionali che presentino progettualità nei settori indicati da effettuare nel territorio UE o dello Spazio Economico Europeo, con una spesa minima prevista di 7,5 mln di euro.

Vediamo nel dettaglio quali sono le attività finanziabili.

Leggi anche: Eolico galleggiante: nuova frontiera delle energie rinnovabili?

Innovation Fund CO2: le attività finanziabili

Le attività che possono essere finanziate nell’ambito di questo bando Innovation Fund CO2 sono:

  • attività che sostengono l’innovazione nelle tecnologie e nei processi a basse emissioni di carbonio in settori elencati nell’allegato I della Direttiva 2003/87/CE (la Direttiva EU ETS), compresa la cattura e utilizzo del carbonio (CCU), così come i prodotti che sostituiscono quelli ad alta intensità di carbonio in settori elencati nell’Allegato I della Direttiva EU ETS,
  • attività che contribuiscono a stimolare la costruzione e il funzionamento di progetti che mirano a alla cattura e allo stoccaggio geologico della CO2 (CCS),
  • attività che contribuiscono a stimolare la costruzione e il funzionamento di tecnologie in energie rinnovabili innovative e tecnologie per l’immagazzinamento dell’energia.
Potrebbe interessarti: Active house. Edifici che danno più di quanto consumano

Innovation Fund CO2: quale procedura seguire e documentazione presentare?

In via esclusiva le candidature vanno presentate in forma elettronica attraverso il portale dedicato della Commissione Europea, dove è possibile trovare tutte informazione sul bando.

La domanda deve contenere specifica documentazione, ovvero:

  • informazioni amministrative sui partecipanti (futuro coordinatore, beneficiari ed enti affiliati) e il budget riepilogativo per il progetto (form parte A);
  • descrizione tecnica del progetto (form Parte B);
  • documenti giustificativi obbligatori e facoltativi elencati nel modulo di domanda, a supporto del progetto presentato.

La scadenza per la presentazione dei progetti per la fase I è prevista per il 29 ottobre 2020. Si aprirà successivamente la fase II solo per i progetti vincitori della fase I.

Scarica la guida al bando

Ti consigliamo:

Verso la Open Green Innovation

Verso la Open Green Innovation

Alessandro Claudi de Saint Mihiel - Antonella Falotico, 2018, Maggioli Editore
The book is the result of a research work on the Open Green Innovation issues and aims to investigate significant transformations regarding project and process innovations in the technical culture of construction. These issues were discussed during the first...

20,00 € 18,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *