Ingegneri junior: quali limiti di competenza nelle gare d’appalto?

Competenze Ingegneri

In quali limiti si imbattono gli ingegneri junior (laurea triennale) nella partecipazione alle gare d’appalto? A definirlo in maniera efficace è il Consiglio di Stato tramite la recente sentenza del 25 febbraio 2016, n. 4776.

I giudici hanno ricordato che l’articolo 46 del d.P.R. 5 giugno 2001, n. 328 stabilisce che gli ingegneri junior, con laurea triennale e iscritti nella sezione B dell’Albo, possano collaborare con gli ingegneri della sezione A, cioè con quelli che hanno completato il ciclo di studi, ma solo nel settore delle opere edili. Gli ingegneri junior hanno competenze proprie solo in materia di edilizia privata.

La progettazione di opere per la difesa del suolo, le depurazioni e gli impianti civili per l’ambiente e il territorio sarebbero invece di esclusiva competenza degli ingegneri iscritti nella sezione A. Per queste attività, in base all’art. 45 del suddetto decreto, non è prevista nessuna attività di collaborazione o concorso.

Nel caso di specie, un’amministrazione comunale aveva aggiudicato dei lavori di completamento ed adeguamento della rete fognaria e dell’impianto di depurazione ad una società che si era fatta redigere gli elaborati dell’offerta tecnica da un ingegnere “junior”.

La società esclusa aveva quindi presentato ricorso al TAR: il ricorso veniva respinto, con la motivazione che recitava in questo modo: l’attività dell’ingegnere junior rientrava nelle ipotesi di collaborazione alla progettazione, direzione dei lavori, stima e collaudo di opere edilizie. Secondo i giudici, non era stato dimostrato che le migliorie inserite nel progetto avessero dato vita a soluzioni avanzate. Il progettista, a detta dei giudici, aveva agito sul progetto predisposto dalla Stazione Appaltante, quindi si poteva ipotizzare che avesse messo in pratica metodologie standardizzate.

Il Consiglio di Stato ha infine ribaltato questa pronuncia, modificando in maniera rilevante  la pronuncia: le competenze dell’ingegnere junior (laurea triennale) si limitano infatti alle costruzioni semplici e non includono le opere pubbliche. Inoltre l’ingegnere junior non avrebbe potuto collaborare con la Stazione Appaltante dal momento che non era in rapporto di dipendenza con l’ufficio tecnico del Comune.

Leggi anche l’articolo Le competenze sul cemento armato sono solo degli ingegneri.

Recita la sentenza del Consiglio di Stato: “La ratio della norma deve infatti individuarsi nell’intento di attribuire all’ingegnere junior la possibilità di partecipare a progettazioni complesse sotto la direzione ed il controllo di un ingegnere iscritto nella sezione A al precipuo scopo di evitare che nella concreta fase di realizzazione delle stesse possano essere commessi, per inesperienza legata alla mancata conclusione del ciclo di studi completo, errori potenzialmente forieri di conseguenze negative nella progettazione di opere più rilevanti”.

“Nel caso che occupa le opere alle quali era previsto che le concorrenti potessero apportare migliorie mediante presentazione di elaborati redatti e sottoscritti da un progettista abilitato alla professione, consistevano nel completamento ed adeguamento della rete fognaria e di un impianto di depurazione. In particolare, al punto VI.2.1) del bando di gara, era previsto che il progetto esecutivo era insuscettibile di modificazioni, ma erano ammesse solo proposte migliorie qualitativamente apprezzabili al progetto posto a base di gara, tali da non stravolgerne l’identità, tali intendendosi esclusivamente le integrazioni esecutive, oltre agli accorgimenti tecnici incidenti sulla funzionalità e sulla durata, proposte migliorative ed apporti di tecnologie innovative sul risparmio energetico. Non vi è dubbio quindi che le migliorie in questione consistessero in autonoma attività professionale da svolgere da parte dell’ingegnere abilitato, senza alcuna collaborazione diretta e contestuale alla attività posta in essere dal redattore del progetto esecutivo posto a base di gara”.

Il ricorso dell’impresa esclusa viene pertanto accolto e l’aggiudicazione, basata su progetti che per l’inesperienza del progettista avrebbero potuto causare dei problemi, è stata revocata.

Consulta qui tutti gli articoli che analizzano il vessato tema delle competenze degli ingegneri.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico