Impianti chimici a rischio di incidente rilevante e sicurezza sismica

Sono ancora vividi i ricordi del disastro della centrale nucleare di Fukushima nel marzo del 2011 e l’attenzione sul tema della sicurezza delle infrastrutture critiche e degli impianti a rischio di incidente rilevante con possibili, gravi, ricadute sulla salute delle persone non deve mai scemare.

 

Proprio per questo ci piace segnalare un prossimo interessante convegno sul tema Sicurezza sismica degli impianti chimici a rischio di incidente rilevante, che ha ottenuto, tra i tanti patrocini, anche quello del Consiglio Nazionale degli Ingegneri e della sezione europea della Anti-Seismic Systems International Society.

 

Gli eventi sismici causano crolli di edifici, ponti e altre strutture, con conseguenti perdite di vite umane. Gli effetti possono essere aggravati da fenomeni quali tsunami o danni provocati a particolari strutture a rischio di incidente rilevante (RIR). In Italia queste problematiche si presentano in maniera particolarmente rilevante per gli impianti chimici, spesso situati in aree caratterizzate da notevole sismicità.

 

Una corretta politica di prevenzione deve tener conto della pericolosità sismica dei siti e della vulnerabilità delle strutture industriali, nonché delle potenzialità che oggi offrono le moderne tecnologie antisismiche nella progettazione ma anche nell’adeguamento di impianti esistenti. Le moderne tecnologie richiedono anche la realizzazione di infrastrutture per le attività sperimentali di caratterizzazione qualifica dei dispositivi.

 

Questi temi sono affrontati nel convegno che ripropone e richiama l’attenzione su tematiche decisive per uno sviluppo economico sostenibile. Il convegno, organizzato da ENEA e GLIS (isolamento ed altre strategie di progettazione antisismica) si terrà il prossimo 7 febbraio 2013 in via Giulio Romano, 41 a Roma, presso la sede dell’ENEA.

 

Si prega di comunicare la propria partecipazione a: claudio.properzi@enea.it – fax 06 304 848 72 – te. 06 304 846 99


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico