Impianti antincendio, guida per la riduzione della vulnerabilità sismica

Criteri e indicazioni operative per ridurre la vulnerabilità sismica degli impianti antincendio, o connessi alla sicurezza antincendio, nelle diverse fasi di concezione, progettazione e realizzazione degli impianti stessi. Sono questi, in estrema sintesi, i contenuti della guida tecnica pubblicata dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco dal titolo Linee di indirizzo per la riduzione della vulnerabilità sismica dell’impiantistica antincendio.

La Guida, si legge nella introduzione al documento, nasce dalla constatazione che i terremoti recentemente verificatisi in Italia e all’estero hanno evidenziato che, anche in caso di integrità dell’involucro edilizio, i danni subiti dai componenti non strutturali – quali impianti elettrici, sanitari e, appunto, antincendio – hanno determinato l’inagibilità di molti edifici e l’interruzione di servizi essenziali.

Nel documento, in particolare, vengono definiti i requisiti minimi di sicurezza sismica ritenuti necessari per ottenere condizioni e caratteristiche di installazione che garantiscano l’incolumità delle persone, il mantenimento della funzionalità, il pronto ripristino nel post-sisma.

Sono illustrate indicazioni di tipo preventivo per evitare situazioni di difficoltà o di pericolo legate alla evacuazione dei luoghi e alla generazione di effetti indotti connessi con il rischio d’incendio, quali rilasci di sostanze pericolose o infiammabili. Si fa inoltre riferimento ai diversi scenari di installazione, prendendo in considerazione la pericolosità del sito e la funzione strategica dell’installazione.

Linee di indirizzo per la riduzione della vulnerabilità sismica dell’impiantistica antincendio

Foto di apertura Pasottisrl.it


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico