Governo Monti, Infrastrutture, Professioni e Green economy tra gli Ingredienti per il Rilancio

Incassata la fiducia al Senato, il Governo guidato dal neo premier Mario Monti sta preparando la ricetta per il rilancio dell’economia del Paese. Durante il suo discorso, il prof. Monti ha indicato alcune misure che riguardano da vicino i settori degli appalti pubblici, delle fonti energetiche rinnovabili e delle professioni.

 

Partiamo dal fondo. Sul tema delle professioni abbiamo già fornito nei giorni scorsi alcune prese di posizione e previsioni tra il cauto e il preoccupato (leggi anche Mario Monti e la Legge di Stabilità minacciano le Professioni?). Monti ha ribadito sostanzialmente la volontà di rimanere nel solco del precedente Governo: quindi via libera alla riforma degli Ordini entro 12 mesi, abolizione dei minimi tariffari e via libera alla concorrenza.

 

Sul fronte infrastrutture si registra un mix di continuità e novità rispetto al progetto seguito nelle scorse settimane da Tremonti. Sono confermate anche dal nuovo esecutivo le misure che prevedranno degli sgravi fiscali (Ires e Irap) per le aziende private impegnate nella realizzazione di lavori pubblici e pare riprendere corpo il vecchio ‘pallino’ dell’ex responsabile dell’Economia sui bond per il finanziamento delle opere pubbliche (leggi anche Dl Infrastrutture. Grandi Opere finanziate con i bond).
La novità riguarda l’incentivazione dello strumento del project financing, tramite una nuova regolamentazione per la riduzione dei rischi collegati ai procedimenti amministrativi.

 

Non è mancato un accenno al sostegno della Green Economy per la quale si attiverà il neo ministro per le attività produttive Corrado Passera.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico