Funzionamento reti, misurare il Web per migliorarlo: parte il progetto mPlane

Funzionamento reti, misurare il Web per migliorarlo: parte il progetto mPlane

Perché Skype non funziona? Qual è il miglior provider Internet nella mia zona? Da chi dipende l’errore di connessione che compare sul monitor del mio computer? Perché YouTube si vede male dal mio cellulare?

 

Spesso è difficile rispondere a queste domande, perché Internet non è un’entità centralizzata, ma piuttosto è una “rete di reti”. Non esiste un’unica organizzazione che la governa e la controlla. Questo da una parte è un punto di forza, ma dall’altra la rende vulnerabile e poco controllabile. Soprattutto in caso di malfunzionamenti, la natura distribuita di Internet ostacola l’individuazione dell’origine dei guasti.

 

Per risolvere questi problemi, il primo passo è poter osservare che cosa sta accadendo ai dati che circolano su Internet. Il progetto europeo mPlane – An Intelligent Measurement Plane for Future Network and Application Management, che ha preso il via oggi con il kick-off meeting presso il Politecnico di Torino, capofila dell’iniziativa, punta proprio a definire e dimostrare nuove tecnologie che permettano misurazioni dell’attività delle reti di Internet.

 

Il progetto prevede la definizione di sonde che raccolgono, immagazzinano e collezionano dati, nel pieno rispetto della privacy degli utenti; il sistema poi esamina gli stessi e ne ricava informazioni utili a comprendere l’origine dei problemi. Contrariamente a quanto succede oggi dove esistono soluzioni proprietarie e chiuse, mPlane si pone come ambizioso obiettivo quello di definire una piattaforma aperta, standard e flessibile che possa naturalmente adattarsi all’evoluzione di Internet.

 

Gli obiettivi della ricerca, quindi, sono da una parte il miglioramento delle conoscenze sullo stato di Internet e l’aumento della trasparenza della rete, dall’altra la possibilità di fornire ai ricercatori e ai tecnici una piattaforma standardizzata e aperta.

 

Tutti i soggetti coinvolti ne avranno benefici: gli Internet provider avranno a disposizione una rappresentazione dettagliata dello stato di Internet, cosa che potrà permettere loro di ottimizzare la loro rete e ridurne i costi di gestione. Gli sviluppatori di applicazioni potranno misurarne l’efficacia grazie ad un tool molto potente, mentre i garanti per le comunicazioni avranno uno strumento in più per verificare i Service Level Agreement, cioè gli obblighi contrattuali degli Internet provider. Infine, i consumatori potranno comparate in modo oggettivo le performance dei diversi network, potendo scegliere l’offerta a loro più consona, e migliorando la competitività del mercato.

 

Il progetto, finanziato dall’Unione europea per un importo pari a circa 8 milioni di Euro vede coinvolti 16 partner tra istituzioni pubbliche e aziende private di 9 Paesi europei, tra cui Telecom Italia, Alcatel Lucent, Telefonica, NEC, uniti ai migliori ricercatori esperti in misure di tra istituzioni pubbliche e aziende private di 9 Paesi europei, tra cui Telecom Italia, Alcatel Lucent, Telefonica, NEC, uniti ai migliori ricercatori esperti in misure di traffico.

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche