Fotovoltaico e Conto Energia. Le Associazioni chiedono ascolto al Governo

Fotovoltaico e Conto Energia. Le Associazioni chiedono ascolto al Governo

Continua il pressing delle Associazioni di categoria nel settore delle fonti rinnovabili e del fotovoltaico. Con una nota diffusa ieri, Aper, Assolare, Asso Energie Future e Grid Parity Project si appellano all’Esecutivo perché il Quarto Conto Energia sia ispirato da da principi di sviluppo e non di penalizzazione del settore.

In particolare, le associazioni chiedono la tutela degli investimenti già avviati dalle imprese almeno fino alla fine dell’anno e di non fissare tetti annuali sui MW installati e nessun tetto complessivo al 2020.
Sulla rimodulazione delle tariffe si chiede una diminuzione che segua il modello tedesco (leggi anche Incentivi fotovoltaico e modello tedesco) e che non superi il 20% nel 2012. Per chi inizia oggi, invece, le associazioni di categoria chiedono che i tagli agli incentivi non superino il 10% (più un ulteriore 4% in caso di raggiungimento anticipato della soglia di 9,5 GW).

Una riduzione delle tariffe superiore ai valori indicati”, paventano le associazioni, “non sarebbe sostenibile dall’industria, a partire da quella Italiana, come per altro confermato dallo studio “Solar Energy Report” presentato dal Politecnico di Milano lo scorso 7 aprile
E proprio in occasione del Solar Energy Report, l’ing. Seva division manager per l’Italia di Mitsubishi, ha dichiarato che l’azienda nipponica sosterrà la ricerca sulle fonti rinnovabili e sul fotovoltaico in particolare con un investimento di oltre 400 milioni di euro (leggi anche Seva, Mitsubishi, lancia l’allarme: La burocrazia non soffochi il mercato del fotovoltaico).

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Daniel Scardina, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche