Formazione docenti ingegneri: come aumentare punti e competenze

Formazione docenti ingegneri: come aumentare punti e competenze

Sei un ingegnere e stai valutando l’eventualità di cambiare la tua vita e dedicarti all’insegnamento? Oppure di cogliere le opportunità offerte dal mondo scuola per ottenere un posto di lavoro più soddisfacente?

La figura dell’insegnante è fondamentale all’interno della scuola e dell’intera società. Il docente ha infatti l’importante compito di trasmettere il sapere e guidare l’apprendimento, preparando gli studenti al loro futuro professionale. Ecco perché è importante la formazione docenti: per essere pronti a questa missione, tutti gli insegnanti hanno l’obbligo di formarsi e rimanere costantemente aggiornati.

Esistono diversi modi per farlo. Oggi analizzeremo le principali possibilità di accrescere le competenze e migliorare il proprio profilo professionale di docente.

Perché è importante la formazione docenti

La legge 107/2015 definisce la formazione come “obbligatoria, permanente, strategica” per i docenti. Il che significa che non solo un insegnante è tenuto a formarsi, ma che devo farlo obbligatoriamente!

Il corpo insegnante deve infatti essere preparato a ricoprire un ruolo sempre più di guida nelle scuole: non deve solo occuparsi di trasmettere il sapere, ma piuttosto di formare i propri studenti a livello umano e professionale. Le competenze richieste al corpo docenti sono quindi sempre più trasversali, come del resto testimonia anche l’obbligo di ottenere la certificazione dei 24 CFU per insegnare nella scuola secondaria.

La formazione docenti è necessaria non solo per il miglioramento delle proprie conoscenze. Tra i vantaggi della formazione continua rientra infatti anche la possibilità di acquisire punteggi utili a scalare le posizioni nelle graduatorie per le supplenze, nonché a ottenere più punti nella partecipazione ai concorsi pubblici!

Il corso dei 24 CFU per insegnare

Ormai da qualche anno, rientra all’interno della formazione docenti anche il conseguimento dei 24 crediti per l’insegnamento nella scuola secondaria. Si tratta di un nuovo obbligo imposto dal MIUR per fornire al docente tutti gli strumenti utili a svolgere il suo ruolo negli istituti.

I 24 CFU per l’insegnante prevedono la formazione in specifici settori scientifici disciplinari, i quali costituiscono una base teorica fondamentale per lavorare come docente. Gli ambiti dei crediti sono: Psicologia dell’educazione (M-PSI/04), Antropologia culturale (M-DEA/01), Pedagogia generale e sociale (M-PED/01) e Metodologie e tecnologie didattiche (M-PED/03).

Il requisito è obbligatorio non solo per insegnare, ma anche per iscriversi ai Concorsi Scuola e ai TFA per ottenere l’abilitazione sul sostegno, così come per l’inserimento e l’aggiornamento delle graduatorie per le supplenze.

Per questo molti docenti decidono di frequentare dei corsi telematici di formazione docenti organizzati da enti riconosciuti dal MIUR per saldare il debito di questi crediti formativi e ottenere la relativa certificazione.

Tra questi rientrano anche gli Ingegneri e, in generale, tutti gli aspiranti insegnanti con una Laurea in Ingegneria. Anche loro devono maturare i crediti necessari a costruirsi una solida base di competenze e conoscenze per l’insegnamento. Tutto per avere il via libera e insegnare nella scuola secondaria!

I master per l’integrazione delle classi di concorso A20 e A26

I 24 CFU sono senza dubbio uno dei primi obblighi da soddisfare per diventare insegnante. Ma attenzione, perché non si tratta dell’unico!

La laurea, da sola, potrebbe infatti non bastare ad aprire le porte dell’insegnamento. Per l’accesso effettivo a una classe di concorso serve infatti qualcosa in più. Prendiamo il caso di una Laurea Magistrale o Specialistica in Ingegneria: queste permettono l’accesso a due classi di concorso, la A20 e la A26. La prima per l’insegnamento della fisica e la seconda per quello della matematica.

Sfogliando le tabelle del MIUR, ci si renderà conto che la sola Laurea in Ingegneria non è sufficiente per diventare insegnanti delle due materie. Sono infatti richiesti specifici CFU maturati in determinati settori scientifici disciplinari all’interno del percorso di studi universitario dell’aspirante docente. E se non li possiede del tutto? Beh, a questo punto, non può accedere a nessuna delle due classi!

Tuttavia la speranza non è perduto. La formazione docenti serve infatti anche a questo! All’aspirante docente si prospetta la possibilità di frequentare appositi master integrativi per saldare i debiti formativi e conseguire tutti i CFU necessari per accedere alle sue classi di concorso.

Anche Docenti.it mette a disposizione due master per l’integrazione dei crediti per la classe A20 o la A2. Il tutto attraverso la comodissima modalità E-learning, che permette di saldare i debiti e ottenere tutti i requisiti con lezioni online, da frequentare senza limiti e con la massima libertà!

Master e corsi di perfezionamento per aumentare punteggi

La formazione docenti include diverse tipologie di percorso. I master e i corsi di perfezionamento rientrano tra questi.

Ma cosa sono i master? Si tratta di corsi post-laurea utili a conseguire un determinato numero di CFU nell’arco temporale minimo di un anno. Davvero un ottimo modo per approfondire le competenze e sviluppare nuove abilità da sfruttare per l’insegnamento!

I corsi di perfezionamento sono invece dei percorsi di alta formazione, pensati per aggiornare le proprie competenze a un livello più elevato e migliorare così la propria professionalità. Questi corsi, esattamente come i master, permettono il riconoscimento di 1 punto all’interno delle graduatorie degli insegnanti: per questo sono due modalità prese in serie considerazione da tutti i docenti!

Alcuni master molto richiesti per la formazione docenti sono:
● master nelle metodologie didattiche e strumenti innovativi per gli alunni con bisogni educativi speciali (BES);
● master nelle metodologie didattiche per l’integrazione degli alunni con disturbi specifici di apprendimento (DSA):
● master di didattica della lingua italiana come lingua seconda (L2).

Molti master, inoltre, sono specifici per l’integrazione dei crediti mancanti per alcune classi di concorso. La loro frequentazione permette quindi di ottenere i CFU utili ad ottenere l’accesso a specifiche classi di concorso. Uniti ai punti nelle nuove graduatorie delle supplenze, rappresentano un vero vantaggio per tutti gli aspiranti docenti!

Lo stesso dicasi per i corsi di perfezionamento, fra cui i più richiesti dagli insegnanti sono:
● pratiche innovative con le tecnologie didattiche: tablet, lavagna multimediale (LIM);
● counseling professionale;
● didattiche e strumenti innovativi per alunni con bisogni educativi speciali (BES);
● l’insegnamento della lingua italiana agli alunni stranieri.

E molto altro ancora è disponibile online. Dove? Ad esempio sulla piattaforma di Docenti.it!

Certificazioni linguistiche e informatiche: competenze e nuovi punti

Tra i corsi di formazione docenti più amati troviamo anche quelli per le certificazioni linguistiche e informatiche. Mentre le prime sono riconoscimenti importanti per attestare il proprio livello di conoscenza di una lingua straniera in base a standard internazionali, i secondi certificano il possesso di conoscenze e competenze in ambito ICT.

Entrambi i titoli di studio sono utili a maturare competenze indispensabili per fare l’insegnante nella scuola di oggi ma, soprattutto, sono un ottimo modo per scalare le posizioni delle graduatorie grazie al punteggio che viene loro attribuito con le nuove tabelle di valutazione dei titoli del MIUR!

Il punteggio delle certificazioni linguistiche dipende dal livello di conoscenza della lingua. Un livello B2 permette di ottenere 3 punti; con un C1 si guadagnano 4 punti, mentre con il C2 se ne ottengono ben 6. Per questo il docente può scegliere di frequentare diversi percorsi formativi ad hoc per conseguire il livello di certificazione più idoneo alle sue conoscenze!

Anche per le certificazioni informatiche è previsto il riconoscimento di un determinato punteggio. In base all’ultimo aggiornamento, si tratta di 0,5 punti cumulabili per ogni certificato. In totale se ne possono conseguire 4, per un totale complessivo di 2 punti.

I corsi di formazione docenti per l’ottenimento delle certificazioni informatiche sono i famosi corsi EIPASS. Tra questi troviamo anche moduli per l’uso didattico della LIM, la certificazione completa EIPASS Teacher e molte altre.

I corsi di formazione docenti ingegneri

Dove è possibile trovare percorsi formativi specifici per gli insegnanti?
Docenti.it è un fornitore serio e affidabile: la sua piattaforma online offre diverse opportunità per la formazione docenti e per il personale scolastico in genere.

Tutti i corsi, ad esempio, sono riconosciuti dal MIUR, e hanno come obiettivo l’orientamento di docenti e del personale scolastico attraverso una modalità di insegnamento molto pratica e comoda: la metodologia E-learning! Far coincidere i piani didattici con gli impegni non è sempre facile per un docente.

Grazie alla piattaforma di Docenti.it, ogni professore può decidere di organizzare il momento dello studio in modo autonomo e personalizzato, accedendo alle lezioni online quando e come vuole!

Un approccio che non tralascia mai l’insegnamento di valore, e che anzi mira a rafforzare il profilo professionale degli insegnanti… semplificando la loro vita!

Per maggiori informazioni, visita Docenti.it

I contenuti a cura della redazione di www.ingegneri.cc sono elaborati e visionati da Simona Conte, Giulia Gnola, Gloria Alberti. Gli approfondimenti tecnici si rivolgono ad un pubblico di professionisti che intende restare aggiornato sulle novità di settore.

Potrebbero interessarti anche