Filiera del Cemento e Calcestruzzo: la rivoluzione della nuova Federbeton

L’unione fa la forza, recita un vecchio detto. E ci vuole tanta forza per fare ripartire finalmente la filiera del cemento e calcestruzzo italiano, travolto dallo tsunami della crisi economica e da quella che ha colpito il settore delle costruzioni, in particolare, con una violenza inaudita.

Ecco perché proprio il settore cementiero è uno dei primi a dare operatività alla Riforma Pesenti pensata da Confidustria e che mira a un modello di governance che dia più efficienza e maggiore peso ai tavoli di discussione.

Se è vero, come ha rilevato l’Osservatorio congiunturale ANCE, che si intravvedono i primi segnali di ripresa per il martoriato mercato delle costruzioni (leggi l’articolo di Marco Brezza su Ediltecnico.it), diventa essenziale muoversi per tempo in maniera efficace per intercettare il vento della ripresa.

E allora ecco l’ufficialità della nascita della nuova Federbeton, una evoluzione del settore per la filiera del Cemento e Calcestruzzo che mette insieme le magnifiche 7, ossia le associazioni che a vario titolo seguono i diversi ambiti del mercato cementiero in Italia.

Il luogo di nascita della nuova Federbeton è stato Palazzo Italia a EXPO Milano 2015, dove l’assemblea dei soci ha approvato il nuovo statuto e il codice etico con la nomina dei nuovi organi sociali.

La nascita della nuova Federbeton che aggrega la filiera del cemento e calcestruzzo è avvenuta il 15 luglio 2015 a Palazzo Italia di EXPO Milano 2015

La nascita della nuova Federbeton che aggrega la filiera del cemento e calcestruzzo è avvenuta il 15 luglio 2015 a Palazzo Italia di EXPO Milano 2015

Le magnifiche 7 del cemento e del calcestruzzo

Federbeton è tra le prime associazioni ad aver intrapreso il percorso aggregativo dettato dalla recente riforma di Confindustria – sarà pertanto rappresentata nel Consiglio Generale della Confederazione – con la realizzazione di una roadmap  che ha previsto la razionalizzazione della rappresentanza attraverso l’aggregazione delle associazioni, l’efficientamento dei servizi e delle risorse, la riorganizzazione della governance federale.

Il settore rappresenta una realtà di circa 3.600 imprese e 50 mila addetti, con un fatturato complessivo che nel 2014 si è attestato intorno ai 12 miliardi di euro (in contrazione del 6% sull’anno precedente) esprimendo a livello nazionale il 5% degli investimenti del settore delle costruzioni.

L’aggregazione in filiera rappresenta oggi una necessità in considerazione dell’attuale situazione congiunturale, in cui la concorrenza non si declina soltanto tra prodotti e materiali ma anche tra filiere produttive.

I prodotti a base cementizia sono peraltro in grado di rispondere con soluzioni sempre più performanti anche sul piano ecologico, secondo le nuove esigenze dettate dalla rigenerazione urbana, dove le aziende associate a Federbeton possono giocare un ruolo di primo piano forti del proprio know how nello sviluppo di sistemi innovativi di prodotto e di processo.

Ed ecco le 7 associazioni al al momento coinvolte nel progetto: come soci ‘ordinari’, Aitec (Associazione Tecnico Economica del Cemento), Atecap (Associazione Tecnico Economica del Calcestruzzo Preconfezionato), Assiad (Associazione Italiana Produttori di Additivi e Prodotti per Calcestruzzo), Conpaviper (Associazioni del Settore delle Pavimentazioni Industriali) e Assoprem (Associazione delle Travi Prefabbricate Reticolari Miste); come soci ‘aggregati’, Sismic (Associazione Tecnica per la Promozione degli Acciai Sismici per il Cemento Armato) e Ucomesa (Associazione delle Aziende Italiane Produttrici di impianti e Macchine da Cantiere).

Alla presidenza della Federazione ‘evoluta’ è stato confermato Sergio Crippa mentre sono stati nominati Vice Presidenti: Giacomo Marazzi, Presidente di Aitec, Andrea Bolondi, Presidente di Atecap, e Dario Bellometti, Presidente di Conpaviper. La Federazione è stata dotata di una struttura organizzativa articolata, sia con apporti di risorse umane dalle principali associazioni aderenti sia con risorse nuove in una logica di aggregazione e condivisione sinergica delle competenze per fornire migliori servizi a tutti gli associati.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico