Expo 2020 Dubai, le istruzioni per la progettazione del Padiglione Italia

Expo 2020 Dubai, le istruzioni per partecipare alla progettazione del Padiglione Italia

Expo 2020

Expo 2020 Dubai è alle porte. L’esposizione Universale si terrà dal 20 ottobre 2020 al 10 aprile 2021. L’evento, dedicato all’alimentazione ed alla nutrizione, era stato realizzato a Milano nel 2015 e per sei mesi aveva ospitato più di 140 Paesi promuovendo il meglio delle tecnologie con lo scopo di riuscire a garantire cibo sano e sufficiente nel rispetto del Pianeta.

La nuova edizione è prevista per il 2020 a Dubai. L’Italia sarà presente, assieme ad altri 180 paesi, all’esposizione con un biglietto da visita speciale: Padiglione Italia.

L’edificio che rappresentava l’Italia durante l’edizione di Expo 2015 a Milano, è stato frutto di una progettazione ben riuscita. La copertura “a vela” in vetro fotovoltaico e l’involucro ramificato dell’edificio, hanno simboleggiato l’innovazione sia in termini di progettazione sia di tecnologia.

Leggi Expo 2015: palazzo Italia naviga con una vela di vetro e acciaio da 4500 mq

Come dovrà essere il Padiglione Italia per Expo 2020 Dubai?

La struttura sorgerà su un lotto di 3.420 mq (guarda il video a fondo pagina, del sito dove sorgerà l’esposizione) e intercetterà il traffico di pubblico in uscita dal Padiglione degli Emirati Arabi Uniti e in transito verso il North Park, una delle principali aree verdi di tutta l’area espositiva.

Il tema di Expo 2020, sarà “Connecting minds, creating the future” ed il concetto attorno al quale ruoterà il Padiglione Italia sarà “Beauty connects people”: la bellezza come elemento di connessione tra le persone, espressione di genio creativo e ricchezza culturale. L’innovazione e il digitale al centro del concept: una grande vetrina per esprimere il potenziale innovativo e creativo dell’Italia.

Consulta i dettagli sull’esposizione 2020 a Dubai

L’opera architettonica e strutturale dovrà rappresentare l’avanguardia sotto il profilo innovativo ed estetico e rappresentare l’Italia nell’ideale umanistico e nello stile di vita mediterraneo. L’attrazione estetica, per l’appagamento visivo dei visitatori, rappresenterà un punto fondamentale.

Cosa prevede il bando sulla progettazione?

La progettazione del Padiglione Italia per Expo 2020, è oggetto del concorso internazionale, bandito da Invitalia, il 23 ottobre 2018. La data entro la quale far pervenire i progetti di fattibilità tecnica ed economica è fissata al 17 dicembre 2018. Questi saranno valutati da una Commissione di standing nazionale e internazionale e sottoposti a verifica di legittimità da parte dell’ANAC.

E’ partito, giovedì 8 novembre, dal Teatro Petruzzelli di Bari il roadshow nazionale di presentazione del Concorso di progettazione del Padiglione Italia, per il quale si prevede un afflusso di oltre 28 mila visitatori al giorno, oltre 5 milioni nei sei mesi dell’evento. Il roadshow nazionale, un ciclo di sei incontri, organizzato dal Commissariato italiano per Expo 2020 Dubai, che da Bari proseguirà a Milano, Roma, Firenze e Napoli e che si propone di illustrare ad architetti, scenografi, designer e ingegneri interessati le modalità di partecipazione e di presentazione dei progetti da far pervenire entro il 17 Dicembre 2018.

Consulta le date e le località interessate dal roadshow Expo Dubai

Il valore totale del bando è di 2.738.000 euro, sommando il premio rimborso spese di 290 mila euro complessivamente riconosciuto ai primi tre classificati e quello stimato, al netto dell’IVA, per gli incarichi di progettazione esecutiva, direzione lavori e coordinamento sicurezza in fase di esecuzione, che potranno essere affidati successivamente.

Il vincitore del concorso riceverà a titolo di premio 190 mila euro. Al secondo ed al terzo classificato del concorso saranno corrisposti, a titolo di rimborso per le spese di partecipazione al concorso medesimo, rispettivamente, i seguenti importi: 60 mila euro, e 40 mila euro. Tali importi si intendono al netto di IVA e di ogni altro onere di legge. Il valore complessivo del concorso è suscettibile di incremento fino a 3.806.600 euro, in caso di incremento del valore dell’opera da progettare.

Il concorso è altresì finalizzato ad individuare opzionalmente, nel Vincitore (concorrente primo classificato), il soggetto a cui affidare, con procedura negoziata senza bando e previa verifica dei relativi requisiti:

– la redazione del progetto esecutivo, con omissione del livello di progettazione definitiva. Il progetto esecutivo costituirà il cosiddetto Final Design;

– la direzione dei lavori e il coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dei lavori riferiti alla costruzione del Padiglione Italia per Expo 2020.

Potranno partecipare: i prestatori di servizi di ingegneria e architettura, le società di professionisti, le società di ingegneria, i prestatori di servizi di ingegneria e architettura stabiliti in altri Stati membri, i R.T.P., i consorzi stabili di società di professionisti e di società di ingegneria. Tra i criteri di partecipazione non vi è l’obbligo di partecipare a tutti i lotti ed è consentito il RTI.

Quali sono gli elaborati da presentare?

La documentazione relativa all’offerta tecnica dovrà essere composta dai seguenti specifici elaborati – che nel complesso rappresentano la proposta di progetto di fattibilità tecnica ed economica – Concept Design:
-relazione illustrativa;
-relazione tecnica;
-studio di prefattibilità ambientale;
-studi necessari per un’adeguata conoscenza del contesto in cui è inserita l’opera, corredati da dati bibliografici, accertamenti ed indagini preliminari – quali quelle storiche archeologiche ambientali, topografiche, geologiche, idrologiche, idrauliche, geotecniche e sulle interferenze e relative relazioni ed elaborati grafici – atti a pervenire ad una completa caratterizzazione del territorio ed in particolare delle aree impegnate;
-planimetria generale e elaborati grafici;
-prime indicazioni e misure finalizzate alla tutela della salute e sicurezza dei luoghi di lavoro per la stesura dei piani di sicurezza;
-calcolo sommario della spesa;
-quadro economico di progetto.

Sarà facoltà del concorrente integrare l’elenco sopra esposto con altri elaborati grafici o descrittivi (ad esempio, grafici, flussi, render, etc.) qualora siano ritenuti utili a meglio esporre la proposta progettuale presentata in sede di concorso.

La categoria di gara principale corrisponde al codice 10008623608_Servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria.

La procedura di gara è gestita mediante Piattaforma Telematica. A tal fine, gli interessati, dovranno seguire le istruzioni disponibili sulla home page del portale medesimo, selezionando il campo “registrazione al portale”.

Consulta tutti i dettagli ed i documenti relativi alla gara.

 RIEPILOGO GARA 

  • Settore: ordinario
  • Modalità di esecuzione: telematica
  • Tipo di appalto: servizi
  • Scelta del contraente: procedura aperta
  • Svolgimento: gara in busta chiusa
  • Importo di gara (comprensivo di oneri): € 190.000,00
  • Responsabile attuale: Invitalia

DATE

  • Data pubblicazione: 23/10/2018 18:16
  • Inizio presentazione offerte: 23/10/2018 18:20
  • Fine presentazione offerte: 17/12/2018 14:00
  • Invio notifica scadenza gara: No

ALTRE INFORMAZIONI

  • Modalità di realizzazione: concorso di progettazione/idee
  • Contratto escluso: no
  • Sequenza di apertura delle buste: amministrativa – tecnica – economica
  • Soglia di rilevanza comunitaria: sotto soglia

Fonte video: www.expo2020dubai.com

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *