EXPO 2015: alla prima partecipazione, l’Uruguay sceglie l’acciaio

EXPO 2015: alla prima partecipazione, l’Uruguay sceglie l’acciaio

Alla sua prima partecipazione ad un’Esposizione universale, l’Uruguay ha affidato la progettazione del proprio padiglione ad un team di architetti locali, sotto l’egida del motto “La vita cresce nell’Uruguay”.

A meno di 10 giorni dal termine dell’esposizione universale di EXPO 2015, che ha portato nel capoluogo milanese la cifra record di 20 milioni di visitatori, si conclude il nostro viaggio tra le strutture portanti in acciaio dei padiglioni delle nazioni. Ringraziamo il nostro “compagno di viaggio”, Fondazione Promozione Acciaio, senza il quale non avremmo potuto presentare ai nostri lettori le meraviglie tecniche nascoste nelle magnifiche strutture di EXPO 2015.

Edificata in un lotto di circa 700 metri quadri, l’architettura è stata concepita con lo scopo di ottenere un perfetto equilibrio ambientale tra spazi verdi e costruito. Il padiglione presenta un design che offre al visitatore un’esperienza multisensoriale: l’asse centrale della proposta didattica è costituito da un’area audiovisiva alloggiata al primo piano, raggiungibile attraverso una rampa sonora, dove vengono diffusi suoni come il frusciare dei campi, lo sciabordio delle onde fino allo scoppiettare del fuoco delle grigliate ed alla musica folkloristica.

 

L’edificio esternamente è caratterizzato da una linea avvolgente sospesa che combina pezzi rustici in legno ad elementi verticali in acciaio dipinti di bianco. Appesa alla copertura del padiglione, questa pelle esterna agisce come una maglia che protegge l’edificio dalle radiazioni solari e crea giochi di ombre. Strutturalmente il volume è caratterizzato da un’ossatura metallica combinata con chiusure orizzontali e verticali leggere: le soluzioni costruttive adottate assicurano il rispetto di tutte le esigenze prestazionali anche nei confronti del successivo smontaggio e riutilizzo. I solai lignei sono sostenuti da un’orditura di travi secondarie IPE 160 e principali IPE 240 e IPE 360, collegate tra di loro da squadrette e piastre con unioni bullonate.

La copertura presenta una serie di coppie tirante / puntone bullonate a tutte le colonne perimetrali; tali elementi sono a sostegno di travi di coronamento perimetrali IPE 360 alle quali sono fissate a loro volta le lamelle in piatto 300×12 mm che fungono da schermatura all’edificio e che sostengono le doghe rustiche in legno massiccio.

Padiglione Uruguay

Committente: Repubblica Orientale dell’Uruguay

Coordinamento generale del progetto architettonico: Javier Diaz (INAC)

Progetto: Javier Diaz (responsabile); Daniel Gimenez (supervisione); Magnone-Pollio (progetto strutturale); Marcelo Pittamiglio, Ricardo Hofstadter, Luis Lagormarsino, Gonzalo Fernandez (progetto impiantistico); MSC Associati srl – Federica Desio, Marco Schiatti (local architects)

Progetto esecutivo: MSC Associati srl

General contractor: Campana Costruzioni srl

Costruttore metallico: Cosmet di Fantoni srl

Immagini: MSC Associati, Lorenzo De Simone

Prodotti in acciaio

Travi  e laminati mercantili  – Travi IPE 160, 240 e 360 per le orditure portanti, IPE 360 perimetrali di copertura.

Lamiere – Lamelle di rivestimento in piatto 300×12 mm

l materiale inserito è stato fornito da Fondazione Promozione Acciaio per gli usi esclusivi ed autorizzati dai diversi padiglioni


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico